Cerca e trova immobili

FRANCIALa giornata nera della Francia: blindati in fiamme e «oltre 30 feriti, due gravi»

25.03.23 - 21:47
Pesanti scontri al bacino idrico di Sainte Soline, dove anche 24 poliziotti sono rimasti feriti. Infiltrati i black-bloc.
afp
Fonte ats ans
La giornata nera della Francia: blindati in fiamme e «oltre 30 feriti, due gravi»
Pesanti scontri al bacino idrico di Sainte Soline, dove anche 24 poliziotti sono rimasti feriti. Infiltrati i black-bloc.

PARIGI - Dopo la guerriglia di giovedì a Parigi e nelle principali città francesi per la lotta contro la riforma delle pensioni, la tensione si sposta in provincia e le motivazioni sono stavolta ecologiche: una battaglia che va avanti da anni per la costruzione di un mega bacino per la raccolta idrica nell'est del Paese diventa il nuovo fronte di scontro fra manifestanti e polizia.

Un fronte subito caldissimo: decine di feriti, due gravi - un gendarme e un manifestante - e veicoli delle forze dell'ordine in fiamme al termine di una giornata di scontri.

Il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin, che lamenta 24 agenti feriti (uno grave) e 7 manifestanti (uno grave), aveva vietato la manifestazione nel timore che - come in passato nello stesso grande bacino di Sainte-Soline, nelle Deux-Sèvres - la situazione potesse degenerare. È andata peggio: scene di battaglia in aperta campagna, alte colonne di fumo nero che si alzavano dai convogli di auto delle forze dell'ordine colpite dai tiri di mortaio di fuochi d'artificio dei manifestanti, centinaia di granate antiaccerchiamento fatte esplodere dalla polizia, lacrimogeni ovunque.

Black-bloc e casseur - Con la ferita ancora aperta - e le tante polemiche per le accuse di comportamento violento nei confronti della polizia - ai circa 10 mila manifestanti che volevano cercare di raggiungere il cantiere del grande bacino, inviso agli ecologisti, si sono uniti almeno un migliaio di black-bloc e casseur. In gran parte - sembra - gli stessi che hanno agito a Parigi, a Bordeaux e in altre città giovedì scorso. Ma in questo caso, le frange più dure degli ecologisti avrebbero reclutato elementi pronti a tutto anche in altri Paesi europei, fra i quali l'Italia.

Darmanin ha accusato genericamente «l'ultrasinistra», gli osservatori tirano in ballo «l'ecoterrorismo». In realtà, gli organizzatori hanno voluto aprire un altro fronte per «difendere l'acqua», un tema che nella regione è particolarmente sentito. Da anni gli ecologisti hanno raccolto anche successi in tribunale contro la costruzione dei mega bacini da parte di cooperative di agricoltori, che vogliono sfruttare le risorse idriche sempre più carenti per i loro terreni. Una condotta intensiva di irrigazione che gli ecologisti combattono e che raggiunge il suo massimo in questa zona con 16 invasi per una capacità di 6 milioni di metri cubi, secondo i progetti degli agricoltori. I quali ne fanno una condizione di sopravvivenza di fronte alla siccità, mentre gli oppositori parlano di «accaparramento» idrico dell'«agroindustria» che aggraverebbe il cambiamento climatico.

La tensione cresce anche sul web - A Parigi, intanto, in attesa della decima giornata di mobilitazione contro la riforma delle pensioni già dichiarata dai sindacati per martedì prossimo, la polemica sulle violenze della polizia non accenna a diminuire. Una registrazione di un dialogo fra poliziotti della brigata speciale BRAV-M, diffusa da Le Monde e finita ovunque sul web, rivela le parole minacciose, gli insulti, anche a sfondo razzista, degli agenti nei confronti di manifestanti fermati: «La prossima volta non salirai su un'auto per andare in commissariato, ma in un'ambulanza», grida un agente a un ragazzo fermato in un gruppo di 7. Si sentono rumori di botte e schiaffi: «Ne vuoi una sull'altra mascella?». «Spero che domani in tribunale ti diano 6 mesi e l'obbligo di lasciare il territorio», grida un altro a un ragazzo del Ciad.

Un'inchiesta interna è stata ordinata dal prefetto di Parigi, Laurent Nunez. Non mancano accuse ai manifestanti, che Darmanin sostiene utilizzino ormai armi di ogni tipo, acidi, mortai, con l'obiettivo di colpire in ogni modo le forze dell'ordine. Inchieste aperte anche per le minacce e i danni a uffici e case di esponenti del governo e della maggioranza che difendono la riforma: sul web anche la lettera minatoria ad Aurore Bergé, leader di Renaissance, il partito macroniano. Minacce a lei e alla figlia neonata di 4 mesi: «È così piccola, non potrà scappare...».

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

max222 1 anno fa su tio
e meno male che è un governo di sinistra... se era la Meloni l'avevano già mangiata. Poi questi fanno una guerra vera e propria (black block criminali) e si grida allo scandalo per un poliziotto che perde la pazienza. Come al solito si focalizza l'attenzione su chi deve subire questi criminali. Si guarda la pagliuzza invece della trave.

tulliusdetritus 1 anno fa su tio
Macron nel 2020 ai libanesi: “La rivoluzione non avviene da sola, la decide il popolo”. Macron 2023 ai francesi: “La folla non ha legittimità rispetto a coloro che parlano attraverso coloro che hanno eletto”. Ahh quanto la coerenza dei politici di questi paesi ad altissima democrazia, che esempio. Che siano questi i famosi valori occidentali con cui continuano a sciacquarsi la bocca?

Discomostro81 1 anno fa su tio
Risposta a tulliusdetritus
Hai proprio ragione.

Meiroslnaschebiancarlengua 1 anno fa su tio
Risposta a tulliusdetritus
Caro Tullio detrito, le due frasi non sono antinomiche. Le rivoluzioni non sono mai nate perchè chi le a scatenate aveva una leggittimità politica. È anche vero che il sistema politico francese non prevere una forma di referendum voluto dal popolo. È altressìvero che il sistema politico francese è leggermente "monarchico" con un presidente che ha moltissime prerogative. Detto questo, il suo potere non è illimitato e deve rispettare un quadro giuridico chiaro, preciso e conosciuto. È chiaro che il modello democratico dove il popolo ha più prerogative è quello svizzero. Un'alternativa è una certa autonomia, in determinati settori, di giurisdizioni più poccole (come i cantoni in Svizzera e gli stati negli USA).Non sistemi perfetti, ma non da buttare. E tanto meno da criticare.

Dex 1 anno fa su tio
Forza francesi. Prendiamo esempio

Babslazza 1 anno fa su tio
Risposta a Dex
Esempio???

Meiroslnaschebiancarlengua 1 anno fa su tio
Risposta a Dex
Cari utenti della bettolatio.ch, scusate Dex per la sua frase inopportuna. A volte la gente è talmente, ma talmente, che non si rende conto delle boiate che scrive.

Princi 1 anno fa su tio
sono proprio francesi
NOTIZIE PIÙ LETTE