Cerca e trova immobili

GUERRA IN UCRAINA«Non vogliamo lo scontro con gli Stati Uniti»

15.03.23 - 07:50
Le parole dell'ambasciatore russo a Washington dopo l'incidente tra jet e drone: «Volava con i transponder spenti. È stata una provocazione»
KEYSTONE/AP US Air Force / HO (LT. COL.. LESLIE PRATT)
Fonte ats
«Non vogliamo lo scontro con gli Stati Uniti»
Le parole dell'ambasciatore russo a Washington dopo l'incidente tra jet e drone: «Volava con i transponder spenti. È stata una provocazione»

WASHINGTON / MOSCA - La Russia non vuole lo «scontro» con gli Stati Uniti: lo ha detto ai reporter l'ambasciatore russo a Washington Anatoly Antonov, dopo essere stato convocato al Dipartimento di Stato americano per l'incidente tra un jet di Mosca e un drone Usa.

La missione di ricognizione del velivolo senza pilota MQ-9 sopra il Mar Nero è stata una provocazione, ha affermato. «Il drone stava volando con i transponder spenti ed è entrato nella zona dell'operazione militare speciale. Le informazioni sulla zona sono state rese pubbliche tramite canali internazionali. Noi, Russia, abbiamo avvertito tutti al riguardo. Penso che questa sia stata una vera e propria provocazione», ha precisato ai giornalisti il diplomatico russo.

«Ci hanno provocato a intraprendere una certa azione, che consente loro di accusare la Russia e l'esercito russo di non essere professionali», ha aggiunto Antonov.

Il diplomatico ha quindi osservato che «per come la vediamo, gli aerei americani non dovrebbero trovarsi vicino al confine russo». «Potete immaginare se un drone del genere apparisse improvvisamente vicino a New York o San Francisco?», ha chiesto, anche se l'incidente è avvenuto nello spazio aereo internazionale.

«Potete immaginare - ha proseguito - la reazione della stampa statunitense, del Pentagono, a questo drone? Che tipo di drone era? Pensateci prima di convocarmi al Dipartimento di Stato. Era un drone multiuso, con capacità di attacco fino a 1700 kg di carico esplosivo». «Ditemi come reagirebbe un Ministero della difesa di qualsiasi paese se la minaccia di un tale pericolo apparisse lungo i confini del suo paese?», ha chiesto ancora.

«Penso che sia meglio che discutiamo al Dipartimento di Stato le vie della cooperazione e della mutua azione, ma sfortunatamente, la mia comunicazione con il Dipartimento di Stato ultimamente è stata solo per affrontare le sue proteste sulle azioni della Federazione Russa», ha detto.

«La Federazione Russa non è interessata allo scontro. La parte russa è interessata a relazioni pragmatiche con gli Stati Uniti nell'interesse sia del popolo russo che di quello americano», ha concluso.

Antonov ha avuto al Dipartimento di Stato un incontro di meno di 30 minuti con l'assistente del segretario di Stato per gli affari europei Karen Donfried.

NOTIZIE PIÙ LETTE