Cerca e trova immobili

GERMANIA«La dodicenne è stata accoltellata a morte, due coetanee hanno confessato»

14.03.23 - 15:05
La polizia di Siegen-Wittgenstein fa luce sul delitto avvenuto sabato notte. Il movente è ancora sconosciuto.
Keystone
«La dodicenne è stata accoltellata a morte, due coetanee hanno confessato»
La polizia di Siegen-Wittgenstein fa luce sul delitto avvenuto sabato notte. Il movente è ancora sconosciuto.

COBLENZA - «La dodicenne è stata accoltellata più volte, ha perso molto sangue e le ferite riportate hanno causato la sua morte», questo il risultato dell’autopsia sul corpo della ragazza scomparsa sabato sera a Freudenberg, cittadina della Renania settentrionale-Vestfalia. La polizia di Siegen-Wittgenstein e la procura hanno fatto il punto delle indagini durante una conferenza stampa che si è tenuta questo pomeriggio a Coblenza. 

Due coetanee sospettate - La cittadina tedesca è sotto shock. La polizia ha infatti confermato le voci rese pubbliche questa mattina dalla stampa locale: a essere sospettate del delitto sono due ragazze, rispettivamente di dodici e di tredici anni, che facevano parte della cerchia ristretta degli amici della vittima. 

A causa delle circostanze particolari le autorità hanno spiegato che possono diffondere solo alcuni dettagli del delitto, per motivi di privacy e per tutelare le due giovani. La ricerca delle prove è ancora in corso e l'arma usata per l'omicidio non è stata ritrovata.

Confessioni e contraddizioni - Il limite di età per la responsabilità penale è di 14 anni e la procura parte da questo presupposto. «Nessuna sanzione penale può essere imposta perché la legge lo proibisce», ha affermato Mario Mannweiler, capo ufficio del Ministero Pubblico di Coblenza. Non ci sono prove del coinvolgimento di altre persone, soprattutto non di adulti. Escluso anche un movente a sfondo sessuale.

Le ragazze hanno già confessato il crimine alla polizia, ma le due versioni dell'accaduto presentano alcune contraddizioni che gli inquirenti non hanno voluto specificare. Il caso è quindi ancora aperto e lunedì gli agenti procederanno con ulteriori interrogatori. Attualmente si trovano in custodia in una struttura per l’assistenza per giovani.

Ancora oscuro il movente - «La ragazza scomparsa è stata vittima di un delitto violento», ha continuato Mannweiler. «Non conosciamo ancora il movente, la questione è estremamente complessa. Le ragioni che hanno spinto le ragazze a un gesto tanto violento potrebbero non essere facili da capire per una persona adulta». 

La vittima era stata ritrovata senza vita domenica in un bosco vicino all'ex stazione ferroviaria di Wildenburg, poco lontano dalla sua abitazione. E proprio il suo mancato ritorno, dopo una visita a un'amica, aveva spinto i genitori a lanciare l'allarme.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

pegis 1 anno fa su tio
Siamo tutti fuori di testa, soprattutto gli adulti.

nNano 1 anno fa su tio
Non è solo una situazione brutale. Fa pensare e dire: dove andremo a finire? Ci rendiamo conto che parliamo di 12 / 13 anni! ..... Non ci sono più parole giuste in nessun vocabolario.

cle72 1 anno fa su tio
Questo è il risultato dei telefonini in mano già in tenera età. Telefonini in mano ai genitori, i quali invece d'interagire con i propri figli preferiscono stare in Facebook, Instagram ecc ecc. invece di ascoltare e parlere con i propri figli. Se un figlio oggi ha problemi in molti casi deve trovare supporto fuori casa e purtroppo a volte rivolgendosi ad amici non amici. Basta poco per finire in simili tragedie, un messaggio in chat interpretato male, un video che non doveva essere girato ecc ecc.

Elisa_S 1 anno fa su tio
Risposta a cle72
Perfettamente d accordo. Noi preferiamo sopporto le ribellioni e i musi lunghi di nostro figlio più o meno della stessa piuttosto che cedere a "ma il telefonino con internet lo hanno tutti"... dobbiamo svegliarci davvero. L accesso a internet e tutto il suo contenuto (incluso social) sta rovinando i nostri figli, gli adulti di un domani. Internet e un mare infinito pieno di insidie, cattivi esempi, realtà distorte. Il suo scopo iniziale era connettere il mondo, divulgare informazioni (vi ricordate come era innocente all'inizio ?) ormai dimenticato. Era come un mare inizialmente pulito ricco di nuove scoperte...adesso ...ormai e un mare inquinato e tossico. E i navigatori se non sono bene equipaggiati e formati si fanno travolgere da onde tossiche che ti oscurano i pensieri. La politica a livello mondiale deve muoversi. Il web deve essere ricostruito, riveduto. Così non si può andare avanti.

pegis 1 anno fa su tio
POVERI TUTTI

dan007 1 anno fa su tio
Genitori difendete i vostri figli se loro sono nell’incapacità di difendersi

APR-DRONE 1 anno fa su tio
Signori/e ma di cosa vi scandalizzate. Mio figlio é stato bullizzato, picchiato, rinchiuso ore in una gabbia per conigli, a scuola ogni occasione era buona alle elementari per dagli giù sia negli spazzi scolastici che sul percorso casa - scuola. Direttore - Ispettore - Maestre non hanno mai voluto fare nulla. I genitori dei ragazzi dei protetti dalla comunità, un senso di omertà e cinismo da parte dei diretti interessati e dei loro genitori e frequentazioni ORRENDO. La STESSA polizia cantonale non ha voluto intervenire per la GIOVANE ETÀ dei ragazzi. Tutto questo é andato avanti per ANNI. Reperti medici Ospedale Bellinzona, foto, traumi, blu alla gambe, braccia. Dita rotte alla 5° elementare. Costole incrinate ecc.... MA SAPETE CHI È DOVUTO ANDARE DAL SOSTEGNO PSICOLOGIO ?? LA VITTIMA fuori di testa. Gli aguzzini LIBERI di fare di tutto pure durante le ore scolastiche. Alle MEDIE ci sono stati prof picchiati, auto danneggiate, insulti durante le ore scolastiche ecc.. MA NULLA i BULLI LIBERI ... Mio figlio TERORRIZZATO ogni giorno a tale punto da aver paura ad andare a scuola. BENE Oggi mio figlio studia a COIRA con OTTIMI RISULTATI e MAI studierà in una scuola di QUALUNQUE RANGO a sud del GOTTARDO e SAN BERNARDINO.

gmogi 1 anno fa su tio
Risposta a APR-DRONE
Urka

Elisa_S 1 anno fa su tio
Risposta a APR-DRONE
Che tristezza. Suo figlio Perfortuna ne e uscito. Crescerà e diventerà forte, saggio e magari farà anche carriera. Alla faccia di quelle teste vuote che lo hanno bullizzato, che nel corso della loro vita non tireranno insieme un granché. Almeno che non si prendano una classica lezione di vita e cambiano atteggiamento.

bibis 1 anno fa su tio
Risposta a APR-DRONE
Mi dispiace molto povero ragazzo.. Noi abbiamo i bulli all’asilo.. vi rendete conto? Una è in affidamento perché la mamma è tossicodipendente e un po’ si cerca di giustificarla, ieri però il mio bambino si è preso da lei due pugni. Le maestre dicono che hanno chiamato degli insegnanti di sostegno ma i risultati non si vedono. Io gli dico di difendersi, mentre le maestre dicono che è sbagliatissimo, ma io non voglio che mio figlio abbia paura di andare a scuola, se si difende magari la smetteranno. Avete mai visto il film il signore delle mosche? Non so per quale motivo ce l’hanno fatto vedere a scuola, terrificante. Pero’ ogni tanto penso davvero che certi bambini siano cosi.. come quella storia agghiacciante di quel povero Luca Mongelli.. davvero una vergogna per il nostro paese. Si salvi chi puo'.

Giandaz 1 anno fa su tio
In primis RIP povera bambina e sincere condoglianze ai genitori e parenti della vittima. Leggere questo articolo ed i precedenti fa solo accapponare la pelle. Un vero film dell'orrore. Poveri genitori della vittima ma anche delle due presunte assassine. Ci si chiede veramente in che mondo viviamo? Resta ancora da capire il movente e la storia che ci sta dietro, ma anche li, non cambierà molto. Resterà una squallida e orribile storia che deve far riflettere. Dobbiamo cambiare qualcosa in questa società? Meditiamo.

gufo 1 anno fa su tio
sarà anche "non facile da capire per una persona adulta" ma io credo che un delitto compiuto da due ragazzine di 12 e 13 anni qsiasi scusa loro inventano non hanno più diritto di rimanere libere. In cella e senza uscita ... se iniziano ora ad accoltellare una loro coetanea non promettono nulla di buono per il futuro per cui sono d'accordo con Bionda, una legnata ben data ma poi senza uscita di galera... è vergognoso

Johnnybravo 1 anno fa su tio
Putroppo in un mondo dove domina sempre piu la cultura della sopraffazione, della violenza, aggiungiamo anche una perdita di valori e l'educazione sempre meno presente dai genitori... putroppo dobbiamo aspettarci questo e altro. Povera stella, R.I.P🙏❤️

Romano 1 anno fa su tio
Risposta a Johnnybravo
esattamente

BlueShark 1 anno fa su tio
Ridicola la legge fino a 14 anni non posso essere processati, nemmeno per omicidio. Spero qualcuno le punisca con la massima pena.

Bionda 1 anno fa su tio
la gwrmabia sta diventando.come stati uniti

Bionda 1 anno fa su tio
ma in che mondo viviamo???? una legnata e sedia elettrica

Afrodita 1 anno fa su tio
che orrore povera bambina
NOTIZIE PIÙ LETTE