Immobili
Veicoli
In video, gli attimi successivi alla morte di Shireen Abu Akleh
AFP
Un estratto del video.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FINLANDIA
1 ora
«È così vivere con un vicino grande e aggressivo»
In un'intervista in occasione della sua visita italiana, la premier finlandese ha raccontato il suo punto di vista
SRI LANKA
4 ore
Lo Sri Lanka entra in default
È la prima volta da quando è indipendente. Nel Paese l'inflazione ha accelerato e viaggia verso il 40%
RUSSIA
4 ore
Peresvet e Zadira, cosa sappiamo delle armi laser di Mosca
Che funzione hanno? Come vengono impiegate? Sono state schierate nella guerra in corso in Ucraina? Facciamo il punto
EUROPA
4 ore
Sospese le passeggiate spaziali con la tuta della Nasa
Lo stop è stato deciso per indagare su un incidente avvenuto lo scorso marzo
FOTO
GERMANIA
5 ore
Spari in una scuola tedesca, un ferito grave
L'autore del gesto sarebbe già stato fermato dalla polizia
MONDO
7 ore
Nel mondo ci sono 38 milioni di sfollati interni
Fuggono da guerre, violenze e dai cataclismi naturali, compresi quelli provocati dai cambiamenti climatici
VIDEO
STATI UNITI
7 ore
«La brutale e ingiustificata invasione dell'Iraq... voglio dire, dell'Ucraina»
Errore per l'ex presidente degli Stati Uniti nel corso di un evento pubblico
COREA DEL NORD
9 ore
Pyongyang, il lockdown non vale per i missili
Valutazioni in corso per un nuovo test nucleare. Si teme una provocazione durante la visita di Biden domani a Seul
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
«Se l'Occidente revoca le sanzioni riapriremo i porti ucraini»
Lo annuncia il vice ministro degli esteri Andrei Rudenko: «Le sanzioni sono le prime cause della crisi alimentare»
TERRITORI PALESTINESI
11.05.2022 - 18:420

In video, gli attimi successivi alla morte di Shireen Abu Akleh

Il portale Al Jazeera ha pubblicato un filmato angosciante, in cui si vede il corpo esanime e una collega nel panico

Il giornale ha incolpato l'esercito israeliano per aver sparato «deliberatamente e a sangue freddo». Israele accusa invece i miliziani palestinesi.

JENIN - Un video diffuso da Al Jazeera mostra i momenti successivi all'uccisione della giornalista Shireen Abu Akleh, colpita alla testa da un proiettile mentre faceva un servizio su un raid dell'esercito israeliano nel campo profughi di Jenin, in Cisgiordania.

Il breve filmato, angosciante, mostra il corpo della reporter esanime al suolo, e una sua collega visibilmente nel panico. In un comunicato, Al Jazeera ha dichiarato che le forze israeliane hanno sparato alla nota reporter «deliberatamente» e «a sangue freddo», mentre il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha affermato che è «probabile» che siano stati gli spari palestinesi a ucciderla.

Un fotografo dell'agenzia AFP presente sulla scena ha confermato che Abu Akleh indossava un giubbotto antiproiettile con la scritta "PRESS" quando è stata colpita. Il fotografo ha riferito che le forze israeliane stavano sparando nella zona e poi ha visto il suo corpo steso a terra. Nelle vicinanze, ha detto di non aver visto alcun miliziano palestinese.

La dinamica
Anche un altro giornalista sarebbe rimasto ferito in quegli stessi istanti, colpito da un proiettile: Ali al-Samoudi (del network Al Quds), che ha denunciato l'esercito israeliano: «Stavamo andando a coprire l'operazione quando hanno aperto il fuoco su di noi». «Un proiettile mi ha colpito. Il secondo ha colpito Shireen».

Una versione confermata anche da Majid Awais, un testimone che era presente: «Shireen Abu Akleh si è girata, in preda al panico» quando hanno colpito il suo collega, «e poi è stata colpita lei stessa, alla nuca».

Cosa faceva l'esercito israeliano a Jenin?
Le forze armate d'Israele hanno dichiarato di aver condotto operazioni nel campo palestinese di Jenin per arrestare un combattente islamista.

«Durante queste attività antiterrorismo nel campo di Jenin, decine di palestinesi armati hanno aperto il fuoco e lanciato oggetti esplosivi contro le forze israeliane, minacciando le loro vite. I soldati hanno risposto al fuoco», si è limitato a dichiarare l'esercito israeliano.

«È probabile che i palestinesi armati, che hanno aperto il fuoco indiscriminatamente in quel momento, siano responsabili della sfortunata morte del giornalista», ha aggiunto Bennett, mentre il ministero della Difesa ha affermato che secondo una prima indagine preliminare «non c'è stato alcun fuoco (da parte dell'esercito) diretto alla giornalista».

«Un'inchiesta trasparente»
Gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno intanto chiesto un'«inchiesta trasparente» sull'uccisione, incoraggiando entrambe le parti a partecipare alle indagini per capire come possa essere successo. 

La giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh, 51 anni, era una delle più note giornaliste di Al Jazeera. Una bandiera nera è stata issata presso l'ufficio dell'emittente a Ramallah, e fiori sono stati posti sul ciglio della strada al passaggio dell'auto che ha trasportato oggi il suo corpo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-19 16:46:10 | 91.208.130.87