ITALIASequestrato in Italia lo yacht che apparterrebbe a Putin

07.05.22 - 10:13
La Guardia di finanza italiana ha congelato il gioiello da 650 milioni al porto di Marina di Carrara, in Toscana.
AFP
Fonte 20Minuten/Florian Osterwalder
Sequestrato in Italia lo yacht che apparterrebbe a Putin
La Guardia di finanza italiana ha congelato il gioiello da 650 milioni al porto di Marina di Carrara, in Toscana.
Dopo la firma del decreto per il suo congelamento, lo Scheherazade sarebbe stato in procinto di lasciare l'Italia.

MARINA DI CARRARA - Centoquaranta metri di lunghezza. E un valore stimato di 650 milioni. Il mega yacht Scheherazade, il cui proprietario sarebbe il presidente russo Vladimir Putin, è stato sequestrato ieri dalla Guardia di Finanza italiana a Marina di Carrara, in Toscana. 

Accertati legami con il Cremlino - Le indagini condotte, secondo quanto scritto nel decreto firmato ieri dal ministro dell'Economia Daniele Franco, «hanno evidenziato la presenza di significativi collegamenti economici del titolare effettivo dell'imbarcazione con elementi di spicco del Governo russo» e con altri soggetti compresi nella lista dei cittadini russi sanzionati.

Pronti alla fuga - Secondo il New York Times, la Guardia di finanza avrebbe anticipato l'imminente partenza, o meglio fuga, dello Scheherazade dal territorio italiano decidendo di confiscare la nave. I membri dell'equipaggio sono infatti stati visti correre a caricare lo yacht, che è stato rifornito di carburante.

Lo Scheherazade, secondo la rivista Forbes, è stato costruito nel 2020 e dispone di un eliporto, un salone di bellezza, un cinema, una spa e una palestra. 

Ambiguità sul legittimo proprietario - Secondo una ricerca condotta dal team dell'avversario del Cremlino Alexei Navalny, che attualmente si trova in prigione in Russia, la nave appartiene a Putin. Non è però ancora del tutto chiaro se il proprietario sia effettivamente il premier russo. Lo Scheherazade è registrato come di proprietà di Bielor Asset Limited, una società registrata nelle Isole Marshall. Secondo i media italiani, Eduard Khudainatov, l'ex capo della società statale russa Rosneft, è il proprietario formale. Il manager è anche citato come proprietario del superyacht Amadea, sequestrato martedì alle Fiji.

Un ex membro dell'equipaggio dello yacht ha inoltre detto al New York Times di non aver mai sentito parlare del signor Khudainatov, confessando che a bordo «si è apertamente discussa la possibilità che il vero proprietario dello Scheherazade fosse Putin». 

NOTIZIE PIÙ LETTE