Immobili
Veicoli
AFP
I missili lanciati da Gaza verso Israele intercettati dalla "Cupola di Ferro" (Iron Dome), il sistema di difesa antimissile israeliano.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UCRAINA / GERMANIA
4 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
STATI UNITI
6 ore
Usa e Nato offrono «una via diplomatica» alla Russia
Questa sera sono state consegnate le risposte alle proposte russe sulla sicurezza
SPAGNA
8 ore
Non streghe, ma «donne vittime di misoginia»
Arriva la riabilitazione da parte del Parlamento catalano
GERMANIA
9 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
LA FOTO
UNIVERSO
9 ore
Rilevato un oggetto cosmico sconosciuto, che emette onde radio
La sorgente misteriosa emette onde radio in modo intenso ad intervalli regolari di poco più di 18 minuti
REGNO UNITO
10 ore
Johnson furibondo in Parlamento: «No, non mi dimetto»
Durante il momento delle domande, il premier ha risposto in maniera stizzita ai deputati laburisti
UCRAINA/RUSSIA
11 ore
Biden minaccia Putin, ma è l'Europa a perderci
È in corso a Parigi la riunione tra i consiglieri diplomatici. La speranza è di disinnescare la crisi
ITALIA
12 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ORBITA TERRESTRE
12 ore
Un razzo di SpaceX si schianterà sulla Luna
Si tratta di un "Falcon 9" lanciato nel 2015, che da allora viaggia in modo irregolare come un detrito spaziale
MONDO
15 ore
Una pandemia di depressione
L'incidenza tra gli adolescenti è raddoppiata rispetto al periodo precedente all'emergenza sanitaria
ITALIA
15 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
STATI UNITI
16 ore
Uno "stress test" per i nervi di Joe Biden
Secondo un'analisi della Cnn, l'innesco più probabile di uno scontro fra super-potenze è sull'isola di Formosa
RUSSIA
17 ore
Emanato un mandato d'arresto per Oleg Navalny
Il fratello del celebre attivista Alexei, già condannato con la condizionale, si sarebbe reso irreperibile
FRANCIA
19 ore
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
ISRAELE
10.05.2021 - 20:580
Aggiornamento : 11.05.2021 - 00:01

Pioggia di razzi tra Gerusalemme e Gaza: la tensione è massima

Il premier israeliano Netanyahu: «Hamas ha varcato la linea rossa. Pagherà un duro prezzo»

Il ministero della Sanità di Hamas ha riferito di 20 morti, tra i quali 9 minorenni, e 65 feriti.

GERUSALEMME / GAZA - La battaglia sulla Spianata delle Moschee si è trasformata in scontro aperto con Gaza dopo l'ultimatum di Hamas a Israele. Allo scadere dell'ora indicata, le 18.00, più di 30 razzi sono partiti dalla Striscia verso Gerusalemme e le comunità israeliane attorno all'enclave palestinese. Alle 22, ora svizzera, i razzi lanciati da Gaza sono diventati - stando ai media locali - 110.

«Si è trattato di una risposta - ha rivendicato Hamas - all'aggressione e ai crimini contro la Città Santa e alle prevaricazioni contro il nostro popolo nel rione di Sheikh Jarrah e nella moschea al-Aqsa». Immediata la risposta di Israele che ha colpito a Gaza uccidendo, secondo il portavoce militare, tre miliziani. Mentre il ministero della Sanità di Hamas a Gaza ha parlato di 20 persone uccise nel nord della Striscia e tra questi anche 9 minorenni, e 65 feriti. L'esercito israeliano non ha confermato.

La situazione a Gerusalemme - rovente già da alcuni giorni - è cominciata a precipitare da questa mattina quando, secondo la polizia, migliaia di palestinesi asserragliati sulla Spianata hanno cominciato una fitta sassaiola e lancio di oggetti contro gli agenti in tenuta antisommossa. Poco prima, per cercare di placare le tensioni, le autorità israeliane avevano deciso di impedire l'ingresso sulla Spianata ai fedeli ebrei - per i quali è il Monte del Tempio - in occasione del Jerusalem Day che celebra la riunificazione della città dopo la guerra del 1967. Dopo circa tre ore di violenti combattimenti, il bilancio ha segnato oltre 300 manifestanti palestinesi feriti, di questi più di 200 portati in ospedale. Gli agenti colpiti sono stati 21.

Oltre la Spianata, la tensione era palpabile nell'intera città. Video sui social, confermati dalla polizia, hanno mostrato il tentativo di linciaggio di un israeliano la cui auto era stata in precedenza presa a sassate dai dimostranti palestinesi ai piedi della Città Vecchia. L'intervento di un poliziotto ha evitato il peggio. Il premier Benyamin Netanyahu - appoggiato dall'intera leadership israeliana - ha difeso l'intervento della polizia nella lotta «tra tolleranza e intolleranza»: «Solo la sovranità israeliana consente la libertà di culto per tutti», ha sostenuto, bollando come «false e distorte» le immagini dei media mondiali.

Tensione alta e prospettive cupe
Ma Hamas ha replicato intimando ad Israele di «far uscire i suoi soldati e i suoi coloni dalla Moschea Al Aqsa e dal rione di Sheikh Jarrah. Siete stati avvertiti». Lo scontro a quel punto è sembrato inevitabile: Israele ha inviato rinforzi verso la Striscia, fermato i treni diretti al sud, spostato a nord le rotte aeree e ordinato alla popolazione attorno a Gaza di restare a casa. Poi è stata annullata dai nazionalisti israeliani la 'Marcia delle bandiere' che celebra la riunificazione della città e, alle prime sirene di allarme sull'arrivo dei razzi - accolte dall'esultanza dei palestinesi alla Porta di Damasco -, è stato evacuato il Muro del Pianto e anche la Knesset, dove i deputati erano in seduta.

Le prospettive stasera sono cupe: l'esercito ha detto di «prevedere che i prossimi giorni saranno caratterizzati da combattimenti. La nostra reazione sarà forte, durerà giorni». Mentre per Netanyahu «Hamas ha varcato una linea rossa» lanciando razzi su Gerusalemme e «pagherà un duro prezzo».

Reazioni e condanne
L'escalation ha allertato il mondo intero ed ha suscitato le dure condanne da parte araba. Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, si è detto preoccupato «per le continue violenze nella Gerusalemme Est occupata, nonché per i possibili sgomberi di famiglie palestinesi dalle loro case nei quartieri di Sheikh Jarrah e Silwan». Il presidente turco Erdogan - che ha parlato con Abu Mazen e con il leader di Hamas Hanyeh - ha annunciato che «la Turchia farà tutto ciò che è in suo potere per mobilitare il mondo intero, e soprattutto il mondo islamico, per fermare il terrorismo e l'occupazione di Israele». Da Ramallah, l'Autorità palestinese ha bollato come «criminale l'aggressione di Israele».

Anche l'ambasciatore dell'Unione europea in Israele, Emanuele Giaufret, si è detto molto preoccupato dalla situazione, definendo «del tutto inaccettabile» l'attacco diretto da Gaza verso Israele. Un attacco «che deve cessare», ha scritto in un tweet il diplomatico europeo, auspicando un immediato «passo indietro» per proteggere i ciivili. E condanne arrivano anche dal Regno Unito. Dominic Raab, Segretario di Stato per gli affari esteri. «Gli atti di violenza che sono in corso a Gerusalemme e Gaza devono cessare».

AFP
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Güglielmo 8 mesi fa su tio
che du @@ a lanciatevi almeno i razzi giusti che chiudiamo la storia...
don lurio 8 mesi fa su tio
Non succede niente in terrasanta, dopo tre giorni risuscitano.......
seo56 8 mesi fa su tio
Solita tiritera
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 03:36:34 | 91.208.130.87