Immobili
Veicoli
Keystone
La giornalista maltese fu uccisa il 16 ottobre 2017 in un attentato dinamitardo.
MALTA
09.02.2021 - 15:480

Danni morali, gli eredi di Caruana Galizia condannati

La manager Phyllis Muscat querelò la giornalista (uccisa nel 2017) per diffamazione

LA VALLETTA - La famiglia di Daphne Caruana Galizia, la giornalista uccisa da un'autobomba il 16 ottobre 2017, dovranno pagare i danni morali a Phyllis Muscat, la ex presidente della task force maltese per l'organizzazione del vertice dei capi di Stato e governo del Commonwealth (Chogm) del 2015

Muscat si era sentita diffamata quando era stata accusata da Caruana Galizia, con un post pubblicato nel maggio 2017, di aver chiesto tangenti agli alberghi che avrebbero ospitato le delegazioni del summit. La manager, amica ma non parente dell'allora primo ministro Joseph Muscat, presentò una querela che non venne ritirata dopo la morte di Daphne.

La Corte oggi ha accertato che le cifre pagate da alcuni gruppi alberghieri (257'730 euro da Hilton Malta, 44'039 euro dal Corinthia, 29'164 euro dalla Marina San Gorg Ltd, 65'726 euro dall'Island Hotels Group Ltd e 18'977 euro dalla Eden Hospitality Ltd) corrispondevano alle commissioni previste dal contratto di servizio ed erano state regolarmente accreditate sul conto della Chogm presso la banca centrale maltese.

La Corte ha stabilito che i presunti fatti denunciati dalla Caruana Galizia erano sostanzialmente non veri ed ha condannato gli eredi a pagare 750 euro a risarcimento dei danni morali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 07:58:30 | 91.208.130.87