Cerca e trova immobili

SERBIAArrestato il padre del killer 21enne

10.05.23 - 15:04
Durante la perquisizione dell’abitazione sono stati trovati centinaia di proiettili di vario calibro, polvere da sparo e due pistole.
AFP
Fonte ATS ANS
Arrestato il padre del killer 21enne
Durante la perquisizione dell’abitazione sono stati trovati centinaia di proiettili di vario calibro, polvere da sparo e due pistole.

BELGRADO - In Serbia è stato arrestato il padre di Uros Blazic, il 21enne che nella notte tra il 4 e il 5 maggio ha ucciso otto persone e ne ha ferite altre quattordici sparando indiscriminatamente da un'auto guidata da un complice in giro per tre villaggi nei dintorni di Mladenovac, cittadina a sud di Belgrado.

Secondo i media, nel corso di perquisizioni nell'abitazione e in altri locali frequentati da Radisa Blazic, il padre 54enne del killer, sono stati trovati centinaia di proiettili di vario calibro, polvere da sparo, due pistole e altro materiale offensivo. L'uomo è finto in manette con l'accusa di possesso illegale di armi da fuoco e materiale esplosivo.

Il giovane autore della strage era stato arrestato poche ore dopo la sparatoria in un villaggio presso Kragujevac (Serbia centrale), dove si era nascosto in casa di parenti. In quella occasione erano stati ugualmente arrestati il nonno e lo zio del killer.

La strage era avvenuta a meno di 48 ore dal massacro in una scuola di Belgrado, dove un allievo 13enne, sparando con la pistola del padre, aveva ucciso otto alunni suoi coetanei e un custode dell'istituto, ferendo inoltre altri sei alunni e una insegnante.

In tutto il paese, ma anche in quelli vicini, si susseguono intanto quotidianamente episodi di emulazione e esibizionismo da parte di ragazzi ma anche di adulti che minacciano di compiere stragi simili a quelle registratesi nei giorni scorsi e che hanno sconvolto la Serbia.

Casi questi che tengono in grande allarme le forze dell'ordine, già impegnate nelle operazioni di confisca delle tante armi illegali ancora in circolazione in Serbia.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE