Cerca e trova immobili

STATI UNITILa stampa Usa pretende l'accesso alla documentazione su Trump

03.04.23 - 09:19
«Mantenere le accuse secretate dopo che ne è stata resa nota l'esistenza non fa che alimentare speculazioni».
Reuters
Fonte ATS ANS
La stampa Usa pretende l'accesso alla documentazione su Trump
«Mantenere le accuse secretate dopo che ne è stata resa nota l'esistenza non fa che alimentare speculazioni».

WASHINGTON - Diversi media americani - tra cui Cnn, New York Times, Washington Post e Wall Street Journal - hanno chiesto al giudice di Manhattan Juan Merchan di rendere pubbliche le accuse che hanno portato all'incriminazione di Donald Trump nonché l'autorizzazione a seguire e trasmettere in diretta la storica comparizione dell'ex presidente in tribunale martedì.

«Il diritto di accesso è al suo massimo livello quando si tratta della prima incriminazione di un presidente degli Stati Uniti», si legge in una lettera inviata in questi giorni al giudice che dovrà leggere gli oltre 30 capi d'imputazione al tycoon nell'ambiente dell'inchiesta sui pagamenti alla pornostar Stormy Daniels.

«A parte il fatto che un ex presidente degli Stati Uniti non è a rischio di fuga, mantenere le accuse secretate dopo che ne è stata resa nota l'esistenza non fa che alimentare speculazioni sul loro contenuto», si legge ancora nella lettera nella quale si chiede inoltre che «un gruppo limitato di giornalisti, fotografi, reporter video e radio possano accedere all'aula del tribunale». Il giudice ha chiesto alla procura e agli avvocati di Trump di presentare eventuali obiezioni alla presenza dei media in aula entro le 13.00 di oggi (le 19 in Svizzera) e quindi è probabile che una decisione in questo senso sarà annunciata nel pomeriggio.

COMMENTI
 

Nikko 10 mesi fa su tio
Nel paese delle libertà i media dovrebbero poter essere presenti in aula… visto poi che il Trumpan è un personaggio politico pubblico…

falco8 10 mesi fa su tio
che circo!

Pensopositivo 10 mesi fa su tio
Risposta a falco8
E sappiamo chi è il Clown...
NOTIZIE PIÙ LETTE