keystone-sda.ch (Tino Romano)
Il carcere di Verbania.
ITALIA
29.05.2021 - 10:200
Aggiornamento : 12:26

Tragedia del Mottarone: al via gli interrogatori

Le testimonianze dei tre fermati verranno ascoltate oggi

VERBANIA - Sono da poco iniziati nel carcere di Verbania gli interrogatori dei tre fermati mercoledì per l'incidente della funivia del Mottarone che ha causato domenica scorsa 14 morti, tra cui due bimbi, e un ferito grave, il piccolo Eitan di 5 anni.

Il primo ad essere ascoltato è il caposervizio dell'impianto Gabriele Tadini, che già martedì sera aveva reso le prime ammissioni spiegando di aver deciso lui di piazzare e mantenere i forchettoni sulle ganasce che hanno disattivato il sistema frenante d'emergenza, che non è scattato quando il cavo traente si è spezzato. E lo ha fatto, come quasi «abitualmente» nell'ultimo mese, per evitare blocchi della cabinovia dovuti alle anomalie dei freni. Così, però, quando la fune si è spezzata la cabina numero 3 non è rimasta agganciata al cavo portante ed è volata via. Tadini dovrebbe confermare questa versione e la difesa chiederà che venga messo almeno ai domiciliari.

Per la procuratrice Olimpia Bossi e il pubblico ministero Laura Carrara (presenti agli interrogatori), che hanno chiesto per tutti la convalida del fermo e di custodia in carcere, la scelta di Tadini, come da lui stesso chiarito, sarebbe stata avallata per motivi economici dal gestore Luigi Nerini e dal direttore d'esercizio Enrico Perocchi, che saranno interrogati subito dopo. I due potrebbero negare di aver saputo dell'uso dei forchettoni.

Poi, sarà la giudice per le indagine preliminari Donatella Banci Buonamici a dover decidere sulla convalida e sull'eventuale misura cautelare. Per la Procura ci sono tutte le esigenze cautelari: pericolo di fuga, di reiterazione del reato e di inquinamento probatorio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 6 mesi fa su tio
Da una società di avidi, come la " nostra ", cosa volete pretendere ? Si insegna già ai bimbi che il tuo amico é un nemico un domani, che con i soldi hai il potere, puoi avere tutto, anche la vita della gente, poi alla fine davanti a questa immane tragedia ci si stupisce ? Ma fatemi il piacere. Quanta ipocrisia.
seo56 6 mesi fa su tio
Sarà l’ennesima inchiesta all’italiana.. tutti sono colpevoli ma tutti assolti per prescrizione...
cle72 6 mesi fa su tio
@seo56 Solito commento di chi si basa su 1 caso su 100 sentito o letto... tipico di persona chiusa, ottusa e priva di qualsiasi ragionamento. Mi aspettavo solo di leggere, solo in Italia succedono certe cose... Tutto il mondo è paese ricordati.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 01:30:43 | 91.208.130.86