Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA / CITTÀ DEL VATICANO
37 min
Legge contro l'omofobia: il Vaticano si mette ufficialmente di traverso
Fatto senza precedenti, la Santa Sede ha attivato i proprio canali diplomatici perché il disegno di legge sia modificato
AUSTRALIA
1 ora
Spostati su un'isola, i diavoli della Tasmania hanno sterminato i pinguini
Un progetto per salvare la specie dall'estinzione è stato definito «un fallimento»
CINA
3 ore
«Ormai è una questione di giorni»
Il tabloid di Hong Kong è finito nella morsa della legge sulla sicurezza cinese
ITALIA
10 ore
L'Italia senza mascherine (forse) dal 28 giugno
Il comitato tecnico-scientifico sembra orientato verso un allentamento anticipato
GERMANIA
14 ore
«Con Draghi nessun problema, calcio a parte...»
La Cancelliera tedesca scherza con il premier italiano durante la conferenza stampa congiunta.
SVEZIA
15 ore
Il Parlamento ha deciso: il premier svedese deve dimettersi
L'unica alternativa, per Stefan Lovfen, è indire delle elezioni anticipate
SUDAFRICA
16 ore
Non sono diamanti, ma cristalli di quarzo
Il valore delle "pietre misteriose" scoperte in Sudafrica crolla quindi drasticamente
UNIONE EUROPEA
17 ore
Myanmar, da Bruxelles un terzo ciclo di sanzioni
Il Consiglio europeo ha emesso nuove misure restrittive per il colpo di Stato in Birmania
GIAPPONE
19 ore
Vaccini a rilento, in Giappone si punta ora sulle aziende
L'iniziativa ha preso il via oggi. Toyota vaccinerà 80'000 persone. Rakuten 60'000.
SPAGNA
20 ore
Indulto in vista per gli indipendentisti catalani
La proposta sarà discussa domani durante il Consiglio dei Ministri spagnolo
AFGHANISTAN
01.02.2021 - 12:190
Aggiornamento : 13:46

Dal sogno d'incontrare Messi all'incubo della guerra, tra solitudine e minacce

La triste storia di Murtaza Ahmadi, il "piccolo Messi", ha fatto il giro del mondo

KABUL - A volte i sogni si trasformano in realtà, ma questa realtà può essere beffarda, e trasformarsi a sua volta in un incubo.

È quanto è successo a Murtaza Ahmadi, soprannominato il "Piccolo Messi", che nel 2016 è diventato noto sul web quando una sua foto con un sacchetto di plastica azzurro con scritto "Messi", indossato a mo' di maglietta, è diventata virale. Una storia di povertà e di tristezza che ha raggiunto anche la star del calcio mondiale Lionel Messi, che ha donato al giovane una maglia firmata e un pallone, e ha persino incontrato Murtaza qualche mese a dopo, a Doha.

Due doni che hanno riempito di gioia un bambino, facendogli realizzare un sogno, ma che hanno ben presto scosso la vita di Murtaza, cambiando il corso della storia per la famiglia Ahmadi. Un destino beffardo, raccontato dal portale statunitense sportivo B/R Football, che è andato a trovare il giovane.

Un sogno diventato incubo - I doni arrivati alla famiglia Ahmadi nel distretto di Jaghori, in Afghanistan, non sono infatti passati inosservati. L'idea che Messi abbia inviato dei soldi ai genitori di Murtaza ha iniziato a girare, e con questa sono arrivate le minacce.

«Abbiamo ricevuto lettere e chiamate da alcuni ragazzi del posto che ci hanno minacciato: ora siete ricchi, dateci i soldi che vi ha dato Messi o rapiamo vostro figlio» ha raccontato la madre. «Sentivamo dei passi vicino casa anche la notte, eravamo molto preoccupati» ha confermato il padre.

La preoccupazione per la situazione d'alta tensione porta i genitori di Murtaza a decidere di cercare asilo in Pakistan, ma la richiesta non va a buon fine.

L'incontro a Doha - L'incontro con Messi avviene in Qatar - su invito degli ufficiali della FIFA - nel dicembre del 2016. 

Tra gioia e ricordi indelebili, il padre di Murtaza aveva però sperato che Messi potesse aiutare lui e la sua famiglia a ottenere asilo in un altro paese. Un caso simile era successo ad un ragazzo siriano che ha incontrato un altra star del calcio: Cristiano Ronaldo.

Non è stato così, ma molti abitanti della provincia di Jaghori non ci credono, e le minacce si fanno ancora più insistenti. Tanto da spingere i genitori a mandare Murtaza a Kabul, dallo zio.

La guerra a Kabul - L'esperienza a Kabul è difficile, e ben presto gli attacchi talebani si fanno sempre più decisi e più pericolosi. Ma i genitori non se la sentono di riportare il figlio a Jaghori, e proseguono i loro tentativi di trovare asilo altrove.

In tutto questo, Murtaza si ritrova a Kabul solo e spaventato: «Non ho un posto dove giocare a calcio. Non ho amici» ha raccontato ai giornalisti di B/R. «Prima di andare in Qatar, era un ragazzo così felice, estroverso, parlava con tutti. Oggi è più chiuso in sé stesso, non parla molto» ha spiegato lo zio, che lo ha accolto a Kabul.

Alla fine - per il momento - il bambino di 9 anni è tornato a casa, e nonostante tutto, la passione per il calcio e per Messi è più viva che mai. Alla domanda se si pente di aver pubblicato la foto con il sacchetto azzurro, Murtaza è convinto: «Lo rifarei, amo Messi».

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 09:50:26 | 91.208.130.87