Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
INDONESIA
1 ora
Sull'isola di Giava è di nuovo eruttato il Semeru
L'irrequieto vulcano, che già a gennaio aveva causato danni sull'isola, ha sbuffato una colossale colonna di cenere
ITALIA
1 ora
Chi erano i quattro della baby gang di Gallarate
Parteciparono alla maxi-rissa di gennaio ed erano noti per una lunga serie di furti, ora si trovano in comunità
SUDAFRICA
6 ore
Omicron alimenta i contagi in Sudafrica
Il Paese africano ha superato la soglia dei tre milioni di casi di Covid-19
Stati Uniti
7 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Belgio
17 ore
Ci sono due ippopotami positivi al Covid. È la prima volta
Non è chiaro come abbiano contratto il virus. Nessuno tra il personale dello zoo è stato recentemente contagiato
Italia
18 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
21 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
22 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
ITALIA
1 gior
Sottrae 500mila euro dai libretti postali: indagata
Il maltolto sarebbe stato speso nel gioco d'azzardo
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
AFGHANISTAN
01.02.2021 - 12:190
Aggiornamento : 13:46

Dal sogno d'incontrare Messi all'incubo della guerra, tra solitudine e minacce

La triste storia di Murtaza Ahmadi, il "piccolo Messi", ha fatto il giro del mondo

KABUL - A volte i sogni si trasformano in realtà, ma questa realtà può essere beffarda, e trasformarsi a sua volta in un incubo.

È quanto è successo a Murtaza Ahmadi, soprannominato il "Piccolo Messi", che nel 2016 è diventato noto sul web quando una sua foto con un sacchetto di plastica azzurro con scritto "Messi", indossato a mo' di maglietta, è diventata virale. Una storia di povertà e di tristezza che ha raggiunto anche la star del calcio mondiale Lionel Messi, che ha donato al giovane una maglia firmata e un pallone, e ha persino incontrato Murtaza qualche mese a dopo, a Doha.

Due doni che hanno riempito di gioia un bambino, facendogli realizzare un sogno, ma che hanno ben presto scosso la vita di Murtaza, cambiando il corso della storia per la famiglia Ahmadi. Un destino beffardo, raccontato dal portale statunitense sportivo B/R Football, che è andato a trovare il giovane.

Un sogno diventato incubo - I doni arrivati alla famiglia Ahmadi nel distretto di Jaghori, in Afghanistan, non sono infatti passati inosservati. L'idea che Messi abbia inviato dei soldi ai genitori di Murtaza ha iniziato a girare, e con questa sono arrivate le minacce.

«Abbiamo ricevuto lettere e chiamate da alcuni ragazzi del posto che ci hanno minacciato: ora siete ricchi, dateci i soldi che vi ha dato Messi o rapiamo vostro figlio» ha raccontato la madre. «Sentivamo dei passi vicino casa anche la notte, eravamo molto preoccupati» ha confermato il padre.

La preoccupazione per la situazione d'alta tensione porta i genitori di Murtaza a decidere di cercare asilo in Pakistan, ma la richiesta non va a buon fine.

L'incontro a Doha - L'incontro con Messi avviene in Qatar - su invito degli ufficiali della FIFA - nel dicembre del 2016. 

Tra gioia e ricordi indelebili, il padre di Murtaza aveva però sperato che Messi potesse aiutare lui e la sua famiglia a ottenere asilo in un altro paese. Un caso simile era successo ad un ragazzo siriano che ha incontrato un altra star del calcio: Cristiano Ronaldo.

Non è stato così, ma molti abitanti della provincia di Jaghori non ci credono, e le minacce si fanno ancora più insistenti. Tanto da spingere i genitori a mandare Murtaza a Kabul, dallo zio.

La guerra a Kabul - L'esperienza a Kabul è difficile, e ben presto gli attacchi talebani si fanno sempre più decisi e più pericolosi. Ma i genitori non se la sentono di riportare il figlio a Jaghori, e proseguono i loro tentativi di trovare asilo altrove.

In tutto questo, Murtaza si ritrova a Kabul solo e spaventato: «Non ho un posto dove giocare a calcio. Non ho amici» ha raccontato ai giornalisti di B/R. «Prima di andare in Qatar, era un ragazzo così felice, estroverso, parlava con tutti. Oggi è più chiuso in sé stesso, non parla molto» ha spiegato lo zio, che lo ha accolto a Kabul.

Alla fine - per il momento - il bambino di 9 anni è tornato a casa, e nonostante tutto, la passione per il calcio e per Messi è più viva che mai. Alla domanda se si pente di aver pubblicato la foto con il sacchetto azzurro, Murtaza è convinto: «Lo rifarei, amo Messi».

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 15:14:38 | 91.208.130.86