Immobili
Veicoli
Keystone
STATI UNITI
30.12.2020 - 16:050
Aggiornamento : 17:31

L'ex-ragazza del bombarolo di Nashville aveva già dato l'allarme nel 2019

Dicendo alla polizia che stava costruendo un ordigno nel suo camper, ma il tutto era finito lì

NASHVILLE - La polizia non solo conosceva già il bombarolo di Nashville, ma era già stato in casa sua per ispezionarla dopo che la sua fidanzata di allora aveva dichiarato alle autorità che stava tentando di costruire una bomba nel suo camper.

Come riporta una serie di documenti citati dall'agenzia stampa AP, gli agenti non erano però riusciti a trovarlo e non avevano messo piede all'interno del veicolo.

La donna, una 62enne, era finita in centrale dopo che si era seduta sul portico di casa sua, armata, e minacciando di uccidersi. Le armi, ha dichiarato lei, appartenevano al suo uomo. 

Durante i colloqui con i detective la donna lo ha poi nominato più volte: «parla sempre di cose militari, e di costruire una bomba», aggiungendo, «sa quello che fa, ne sarebbe assolutamente capace».

La pattuglia recatasi alla sua abitazione, ha bussato senza ricevere risposta. Il camper si trovava all'interno di un'area recintata e sorvegliata da telecamere a circuito chiuso. Visto che non vi erano presupposti per un crimine e, vista l'impossibilità di controllare per la mancanza di un mandato, hanno lasciato perdere.

Il suo fascicolo era poi stato mandato all'FBI per accertamenti ulteriori, senza pero che scattasse alcun allarme. L'uomo, infatti, aveva avuto problemi con le autorità solo nel 1978 per possesso di marijuana.

I commercianti di Nashville: «Già un anno nero, e poi anche questo»

L'esplosione, avvenuta in una delle arterie della città il giorno di Natale, ha danneggiato 40 edifici e ferito almeno otto persone. Per le attività e i negozi nell'area dello scoppio, il 2020 finisce nel peggiore dei modi: «È già stato un anno duro», commenta alla CNN un tatuatore che ha la sua boutique proprio sulla 2nd avenue, «appena sembra che si veda la luce in fondo al tunnel, questa se ne va in un paio di secondi».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 20:48:13 | 91.208.130.87