Keystone
Boris Johnson.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ISRAELE
3 min
Colpiti altri obiettivi a Gaza City
Presi di mira, secondo l'esercito israeliano, vari «siti di lancio sotterranei»
ISRAELE
9 ore
A Gaza sono in migliaia a fuggire dalle proprie case
Il bilancio delle vittime palestinesi dei raid aerei è salito ad almeno 126 morti
FRANCIA
11 ore
Francia, la caccia all'uomo si è conclusa dopo 3 giorni
L'autore del duplice omicidio delle Cévennes si è consegnato oggi alle autorità
REGNO UNITO
12 ore
Accelerare i richiami per sfuggire alla variante indiana
Il Regno Unito vuole evitare ritardi sulla roadmap. E allarga la campagna vaccinale agli over 40
REGNO UNITO
13 ore
Stop alla reclusione dei cittadini Ue sprovvisti di visto
Nelle ultime settimane si erano alzate diverse polemiche
MONDO
14 ore
Così la finanza islamica sta conquistando il mondo
Niente speculazioni, rischi o astrazioni: le banche musulmane funzionano e convincono anche chi non lo è
MONDO
16 ore
OMS: «Il secondo anno di pandemia sarà più mortale»
«Non vaccinate i bambini ma date le dosi a Covax» ha chiesto il direttore Tedros Adhanom Ghebreyesus
IRLANDA
17 ore
Hanno provato ad hackerare il sistema sanitario irlandese
Non si sa se ci siano riusciti ma intanto tutti gli ospedali del paese sono finiti in shutdown
ITALIA
17 ore
Da domenica si potrà tornare in Italia, senza quarantena (ma col tampone negativo)
A deciderlo un decreto firmato oggi da Speranza e che apre all'area Schengen
ITALIA
18 ore
Tutte le date delle riaperture in Italia
Da questa settimana fino all'estate, ecco cosa potrebbe cambiare e cosa si potrà tornare a fare
REGNO UNITO
18 ore
Pfizer, un intervallo maggiore migliora l'efficacia immunitaria
Sono le conclusioni alle quali è giunto uno studio dell'Università di Birmingham
REGNO UNITO
07.12.2020 - 17:350

Regno Unito: inizia domattina la somministrazione del vaccino

Verranno vaccinati per primi i residenti delle case di riposo, per poi proseguire con ultraottantenni e medici

«Sarà una maratona, non uno sprint», ha ribadito il professor Stephen Powis, direttore medico dell'Nhs

Fonte Alessandro Logroscino / ats ans
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

LONDRA - Per Matt Hancock, ministro della Sanità del governo britannico di Boris Johnson, è il giorno che segna un presagio di vittoria sulla pandemia, una sorta di nuovo "V-Day". 

Si tratta di domani: il giorno in cui partirà la somministrazione pubblica d'un vaccino anti Covid, quello elaborato dai laboratori tedeschi BioNTech in partnership con il colosso farmaceutico americano Pfizer.

Lo start è in agenda di buon mattino, come si sa da diversi giorni. La prima vaccinazione, stando a quanto trapelato, dovrebbe toccare a un assistente sanitario in Irlanda del Nord. Ma in contemporanea le somministrazioni scattano in decine di ospedali del servizio sanitario nazionale (Nhs) in Inghilterra, in Scozia e in Galles.

«Sarà una maratona, non uno sprint», ha ribadito il professor Stephen Powis, direttore medico dell'Nhs, ricordando che s'inizierà dalle case di riposo (degenti e personale) e subito dopo da tutti gli ultraottantenni del Paese e - con loro - da medici e infermieri in prima linea sul fronte dell'emergenza coronavirus. Al momento il Regno ha ricevuto circa 800'000 vaccini, ma ne ha preordinati solo dalla Pfizer 40 milioni, destinati nei prossimi mesi a garantire la prima dose e il richiamo a 20 milioni di persone. Un quantitativo che dovrebbe permettere di coprire in larga parte le 9 categorie prioritarie (per età e vulnerabilità, fino agli over 50) inserite nella fase 1 di quella che Johnson ha definito «la più grande campagna di vaccinazioni della storia».

«La stragrande maggioranza» dei gruppi più a rischio (fra cui rientrano la regina e il principe Filippo, 94 e 99 anni, che hanno già fatto sapere di voler essere testimonial nella battaglia contro i no vax) sarà vaccinata «fra gennaio, febbraio e marzo» secondo i calcoli della Nhs.

Per questo Powis ha invitato la gente a non attendersi convocazioni di massa in pochi giorni, confermando che gli aventi diritto saranno contattati di persona, e gradualmente, da un network creato ad hoc all'interno del sistema sanitario, con il sostegno della task force nazionale vaccini.

L'accelerazione dell'isola - attribuita da qualcuno all'estero a propaganda politica, in tempi di Brexit - continua a essere viceversa oggetto d'orgoglio a Londra e nel resto del Regno: rincuorato e incoraggiato, in vista d'un Natale di restrizioni destinate a durare diversi mesi in attesa che le vaccinazioni facciano effetto, dal tour natalizio affidato quest'anno al giovane principe William e alla sua consorte Kate, mentre Elisabetta II resta isolata per ora precauzionalmente nel castello di Windsor.

Un Regno in cui gli specialisti dell'authority indipendente di controllo sui farmaci (Mhra) insistono di non aver preso «alcuna scorciatoia» sul rigore scientifico delle verifiche. E il governo Tory assicura che se la Brexit ha contribuito in qualcosa è solo per il fatto d'aver consentito «alla migliore autorità regolatoria al mondo» di adottare procedure altrettanto serie rispetto chiunque altro, ma più snelle - dopo la sganciamento dall'Ema europea - grazie all'autorizzazione a condurre i controlli a mano a mano che i dati arrivavano da parte di Pfizer, non alla fine dell'intera sperimentazione come impongono invece i protocolli dell'agenzia dell'Ue o della Fda negli Usa.

Come che sia, la vera battaglia diventa ora quella per le forniture e la distribuzione dei vaccini: in particolare - e in attesa dell'ok anche ad altri prototipi, in primis quello di Oxford/AstraZeneca/Irbm - per quello di Pfizer, che richiede una super refrigerazione a 70-80 gradi sottozero. Una battaglia nella quale il richiamo alle forze armate non è solo metaforico, come ha confermato in Parlamento il viceministro degli Esteri britannico, James Cleverly. Evocando il ricorso a «voli non commerciali» per il trasporto, aerei militari inclusi «se necessario».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 5 mesi fa su tio
Benissimo, dopo che quasi tutti saranno vaccinati si tornerà a morire di vecchiaia o di patologie diverse ma si potrà dire che non si morirà più di COVID.
Don Quijote 5 mesi fa su tio
Hahaha, per chi ci crede è arrivato il Messia, tra poco nll'isola del sangue blu si continuerà a morire allo stesso ritmo di sempre ma sara proibito dire che c'entra il covid.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-15 08:08:48 | 91.208.130.89