Keystone
DANIMARCA
10.11.2020 - 15:510

Non si possono abbattere tutti i visoni di una nazione per un virus mutato

Il caso della Danimarca, al lavoro per sopprimere 17 milioni di esemplari, ma non ci sarebbero le basi legali

Gli allevatori però non si fermano: «La legge arriverà, e questa industria comunque è finita»

COPENAGHEN - Il ministro dell'agricoltura danese ha ammesso oggi che la diffusa campagna di abbattimento dei visoni volta a combattere una problematica mutazione del coronavirus non era legalmente giustificata.

«Abbiamo commesso un errore. Non esiste una base legale per chiedere agli allevatori di visoni di abbattere i loro animali al di fuori delle aree» dove gli animali sono stati infettati, ha detto Mogens Jensen a TV2.

Dall'annuncio del governo del 4 novembre ad oggi sono stati soppressi circa 2,4 milioni di visoni nel regno scandinavo, il più grande esportatore mondiale di visoni. 

Durante una sessione di domande e risposte, anche il primo ministro Mette Frederiksen si è oggi scusato: «Anche se abbiamo fretta dobbiamo essere chiari su ciò che richiede una nuova legge e non è stato così», ha detto ai parlamentari. Il governo invita però gli allevatori a continuare la macellazione come previsto, come precauzione sanitaria.

La scorsa settimana la Danimarca ha ordinato l'eliminazione di tutti i suoi visoni - tra i 15 e i 17 milioni - a seguito della scoperta di una mutazione del nuovo coronavirus trasmissibile all'uomo in questi mammiferi. Il virus mutante, denominato Cluster 5, è stato rilevato in dodici persone, tutte nello Jutland settentrionale, una regione nel nord-ovest del paese. 

Gli allevatori: «Continueremo con l'abbattimento» - Malgrado l'incertezza riguardante la questione, gli allevatori continueranno con la soppressione dei mustelidi: «Non ha senso fermarsi ora, siamo sicuri che una legge passerà, prima o poi», ha commentato a Reuters il capo dell'Associazione danese di allevatori di visoni, secondo il quale l'industria - che vale 800milioni l'anno e dà lavoro a 6'000 persone - «è comunque finita».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 22:47:46 | 91.208.130.86