Deposit
ITALIA
08.09.2020 - 17:180

Mandare foto pornografiche a un minore è una violenza sessuale

Lo ha stabilito la Cassazione. La difesa sosteneva che, in assenza di contatto fisico, non sussistesse questo reato.

ROMA - È legittimo contestare il reato di violenza sessuale anche a chi abbia inviato foto pornografiche via WhatsApp a un minore. Lo ha stabilito la terza sezione penale della Cassazione italiana, respingendo il ricorso degli avocati di un uomo indagato per avere spedito messaggi e immagini esplicite a una ragazza minorenne invitandola a fare altrettanto.

Nel ricorso la difesa aveva precisato che «in assenza di incontri con la persona offesa o di induzione a pratiche sessuali» di fatto sarebbe mancato «l'atto sessuale». Il Tribunale del Riesame però ha sottolineato - osserva la Cassazione - che «la violenza sessuale risultava ben integrata, pur in assenza di contatto fisico, quando gli atti sessuali coinvolgessero la corporeità sessuale della persona offesa e fossero finalizzati a compromettere il bene primario della libertà individuale nella prospettiva di soddisfare il proprio istinto sessuale».

Inoltre, spiegano gli ermellini, il Riesame «ha ravvisato i gravi indizi di colpevolezza del reato contestato nell'induzione allo scambio di foto erotiche, nella conversazione sulle pregresse esperienze sessuali e i gusti erotici, nella crescente minaccia a divulgare in pubblico le chat».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-25 22:43:55 | 91.208.130.85