ULTIME NOTIZIE Finanza
PAESI BASSI
1 anno
Panasonic sposta il quartier generale ad Amsterdam
La decisione è stata presa per evitare potenziali noie fiscali dovute all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, decisa con il voto sulla Brexit
SVIZZERA
1 anno
Nel 2019 il prezzo dell'elettricità resterà stabile
Lo rivela un sondaggio dell'Aes su 31 fra i principali erogatori
ZURIGO
1 anno
Emmi, utile netto raddoppiato nel primo semestre
ll fatturato è rimasto praticamente stabile a 1,68 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
SVIZZERA
1 anno
I farmaci per la pressione con il Valtarsan non sono contaminati
Lo conferma in una nota Swissmedic, dopo un allarme emesso a luglio
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
SVIZZERA
1 anno
Gli svizzeri amano gli articoli elettronici
La tendenza è ad acquistare prodotti sempre più costosi
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
ITALIA/STATI UNITI
1 anno
Le sfide di Manley nel dopo Marchionne
Il nuovo ceo di Fca è chiamato a risolvere il nodo delle attività europee
BANCHE
14.10.2012 - 11:120
Aggiornamento : 08.11.2014 - 10:53

Ermotti in lotta contro i suoi nemici interni

Il numero uno di UBS ha spedito sabato sera una lettera dai toni accesi ai suoi 64000 dipendenti. La lotta di potere è sempre più accesa all'interno del colosso bancario svizzero

ZURIGO - La notizia circolata ieri su tutti i media svizzeri, riguardante l'intenzione di UBS di tagliare 10mila posti di lavoro, non ha per nulla fatto piacere a Sergio Ermotti, il numero uno di UBS.

La sua reazione non si è fatta attendere e già nella serata di ieri ha inviato una lettera dai toni per certi versi duri e accusatori, a tutti i collaboratori del gruppo, in cui si difende dalle speculazioni trapelate ieri. Ermotti - si legge oggi sulla stampa domenicale d'Oltralpe, si dichiara "personalmente dispiaciuto, perché vi sono delle persone all'interno della banca che agiscono irresponsabilmente o soltanto nel loro interesse nel contribuire a diffondere queste speculazioni".

Il clima all'interno di UBS si fa sempre più rovente. Ermotti, in pratica, accusa i suoi dipendenti di avere fornito delle informazioni ai media e lo fa usando un tono molto secco. Nel comunicato diffuso, il numero uno di UBS ribadisce di non voler commentare le voci circolate ieri: "è lo stesso se queste sono false o vi sono contenuti anche elementi corrispondenti alla realtà".

La riforma all'interno del settore informatico, quello più toccato dalle misure di risparmio elaborate, sarà realizzata da Eros Freganos (ex Swisscom) e dal consulente esterno Claudio Cisullo. Il duo, secondo quanto scrive oggi la "Sonntagszeitung", all'interno di UBS verrebbero tacciati di arroganza e giudicati lacunosi nelle loro conoscenze specifiche.

Anche tra il presidente di Cda Axel Weber ed Ermotti si starebbe assistendo a una lotta interna di potere. Al centro della questione vi sarebbe il settore dell'investment. Mentre il ticinese non vorrebbe indebolirlo, per Weber il settore non suscita grandi entusiasmi e  preferirebbe non fare troppa concorrenza ai colossi americani Goldman Sachs e J. P. Morgan. Secondo Weber bisognerebbe rivalutare il settore del "Merchant Bank", ossia quello commerciale, affinché UBS si possa scrollare di dosso l'immagine negativa di banca che gioca troppo d'azzardo.

Sempre secondo la Sonntagszeitung, il capo della comunicazione della banca, Michael Willi, lascerà l'azienda. Le sue dimissioni sarebbero già state comunicate venerdì in una nota interna, spedita ai 64000 dipendenti UBS in tutto il mondo. Willi non è l'ultimo dei molti membri che compongono i vertici di UBS ad andarsene in questi ultimi cinque anni di crisi finanziaria. Dopo 20 anni presso UBS e 4 anni quale capo generale della comunicazione, Willi cerca una nuova sfida professionale.  

(p.d'a)

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 23:30:59 | 91.208.130.85