Cerca e trova immobili

CANTONE / SVIZZERALa "Notte del racconto" a suon di musica

08.11.23 - 14:30
Torna venerdì 10 novembre quello che è uno dei maggiori eventi culturali svizzeri
Depositphotos (alebloshka)
La "Notte del racconto" a suon di musica
Torna venerdì 10 novembre quello che è uno dei maggiori eventi culturali svizzeri

BELLINZONA - Circa 740 eventi in tutta la Svizzera, con una nutritissima partecipazione nella parte italofona: è la "Notte del racconto", uno dei maggiori eventi culturali svizzeri da oltre 30 anni. Nel corso della serata di venerdì 10 novembre bambini, giovani e genitori di tutto il Paese «sperimentano il potere delle storie. L’esperienza condivisa rimane nella memoria e trasmette la gioia della lettura in modo divertente».

La partecipazione nella Svizzera italiana è, in proporzione, la maggiore in tutta la Confederazione: sono coinvolti circa 14mila ragazze e ragazzi. 137 gli eventi organizzati: 30 sono aperti al pubblico e i restanti su iscrizione o invito. 28 si svolgono nel Bellinzonese, 11 nelle Tre Valli, 21 nel Locarnese, 57 nel Luganese, 15 nel Mendrisiotto, tre nel Grigioni italiano e due varcano la frontiera e trovano ospitalità in Italia.

Il tema di quest'anno è "Viva la musica!". «Dagli audiolibri alle raccolte di canzoni, poesie e filastrocche che privilegiano il ritmo e le rime, passando per gli audiolibri o addirittura le playlist proposte per accompagnare alcuni romanzi per ragazzi, la musica è entrata nel mondo della letteratura per ragazzi in molti modi» spiegano gli organizzatori, l’Istituto svizzero Media e Ragazzi (ISMR) e la Fondazione Bibliomedia Svizzera (BMS) con il sostegno di Unicef. «Che incarni l’essenza stessa di un testo, che appaia come semplice tema o che permetta ai personaggi di fantasia di esprimere le proprie emozioni e aspirazioni, la musica abita e anima molti libri per bambini e ragazzi. La musica è importante anche per la sua natura unificante: dolce o forte, parlata, cantata o suonata, unisce persone di ogni età e cultura».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE