tipress
CANTONE
27.01.2021 - 19:270

Deduzioni per il telelavoro: il Ps interroga il governo

La dichiarazione delle imposte diventa un rebus con lo smartworking. Lepori: «Il Dfe cambi rotta»

BELLINZONA - Da una parte le bollette più costose, il riscaldamento, l'affitto. Dall'altra il risparmio sui mezzi di trasporto. Le voci delle deduzioni d'imposta si complicano, con il telelavoro. E dalle fila del Ps arriva un'interrogazione al Consiglio di Stato, che chiede di semplificare le procedure. 

A far storcere il naso al deputato Carlo Lepori è la direttiva del Cantone per la prossima dichiarazione dei redditi. Per chi ha lavorato da casa, saranno deducibili le spese per l'acquisto di strumenti di lavoro (computer, telefoni, schermi) e anche l'uso a scopi professionali di una camera privata. Le spese di trasporto invece non saranno riconosciute integralmente. 

«In altri Cantoni, come ad esempio a Zurigo, non è stato preso un provvedimento simile» spiega Lepori. «Sarebbe stato meglio risparmiare ai contribuenti complicati calcoli, e ai funzionari del fisco una grande mole di lavoro». Secondo l'interrogante, sarebbe stato più proficuo destinare le energie fiscali «a smaltire le pratiche arretrate e a indagare i casi di sospetta evasione fiscale» come chiesto da una mozione socialista a dicembre. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-25 11:46:58 | 91.208.130.87