Ti Press
CANTONE
13.11.2020 - 15:590

Ginnastica da mantenere o da interrompere?

Leila Guscio ha presentato un'interrogazione sulle lezioni di educazione fisica nelle scuole postobbligatorie.

BELLINZONA - Il piano di protezione per l’Educazione fisica nelle scuole postobbligatorie elaborato del Gruppo di coordinamento per l’educazione fisica (GCEF) e dalla direzione del DECS del 2 novembre 2020 contiene le indicazioni da attuare da parte degli insegnanti durante le loro lezioni sia in caso di scenario 1 (scuola in presenza), sia in caso di scenario 2 (scuola ibrida).

Oltre all’obbligo di indossare la mascherina e di mantenere la distanza di 1,5 metri tra le persone, alcune misure «appaiono quasi inapplicabili», sottolinea Leila Guscio, prima firmataria di un'interrogazione inoltrata quest'oggi al Governo.

La granconsigliera della Lega e i cofirmatari dell'atto parlamentare si riferiscono in particolare all’uso degli spazi comuni previsto da piano di protezione: per le docce si suggerisce di eventualmente introdurre dei turni ben precisi mentre per l’uso degli spogliatoi, se non possibile assicurare la distanza sociale, si consiglia di definire una modalità di entrata e di uscita scaglionata. Ciò che tuttavia ha suscitato reazioni contrastanti negli addetti ai lavori - secondo gli interroganti - è l’indicazione di assicurare almeno 15 metri quadrati di spazio esclusivo per persona oppure, per sport che non richiedono uno sforzo fisico considerevole e non comportano spostamenti, almeno 4 metri quadrati. Vengono inoltre consigliate attività fisiche a bassa soglia di attivazione e che non comportino una sudorazione importante.

«Pur comprendendo la volontà e la necessità di mantenere una scuola in presenza per garantire la giusta continuità didattica», Guscio e cofirmatari chiedono al Governo:

  1.  Non ritiene il Consiglio di Stato che l’Educazione fisica venga, a causa dello specifico piano di protezione, discriminata rispetto ad altre materie?
  2. In caso di non attuazione, a causa dello spazio necessario o del numero di studenti, dell’indicazione relativa ai 15 metri quadri, come dovranno intervenire le autorità scolastiche?
  3. È stata considerata, come già avvenuto in alcuni istituti, la frequenza di metà classe per un’ora lezione?
  4. Anche per lo scenario 1, per quale motivo le lezioni teoriche non potrebbero aver luogo online invece che in palestra?
  5. Alcuni studenti di un liceo Cantonale, all’inizio della seconda ondata, hanno lanciato una petizione per interrompere le lezioni di Educazione fisica: ritiene il Consiglio di Stato che questa misura sia attuabile?

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 21:25:17 | 91.208.130.89