tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
27 min
Frate cappuccino alla sbarra a dicembre
CANTONE
1 ora
Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»
CANTONE
2 ore
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
3 ore
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
5 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
5 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
6 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
6 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
6 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
7 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CANTONE
7 ore
Mountain bike elettriche da condividere fra Biasca e Blenio
LOCARNO
7 ore
Carte di credito, cellulari e leasing con identità altrui. Arrestata
CANTONE
8 ore
Terza corsia sull'A2? «Basta con le soluzioni prefabbricate»
BELLINZONA
10 ore
Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale
CANTONE
20.08.2019 - 16:100

Candidatura ticinese a Swiss Innovation Park: «Abbiamo perso quattro anni?»

L'MPS critica i temi proposti per l'edizione passata, cioè moda e logistica. «Come mai un settore che sfrutta la manodopera a basso costo è stato giudicato solido?»

BELLINZONA - Il Ticino ha presentato una nuova candidatura per il Parco svizzero dell’innovazione associata all’Innovation Park di Zurigo. Il progetto, elaborato dalla fondazione Agire su mandato del Consiglio di Stato, si concentra sui settori scienze della vita, tecnologie dell’informazione, meccatronica e mobilità sostenibile.

«Moda e logistica, temi della prima candidatura al Parco svizzero dell’innovazione sono invece completamente assenti», fanno notare Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori (Mps) in un'interrogazione al Governo. «Non potrebbe essere altrimenti visti i recenti sviluppi», prosegue.

I deputati in Gran Consiglio fanno riferimento al Bak Economics, «che solo quattro anni fa definiva la moda come uno dei settori promettenti su cui puntare per lo sviluppo futuro del cantone e che di colpo ha fatto marcia indietro e dichiarato che l'importanza del settore “risulta essere un po' sopravvalutata"». Quindi vengono menzionati i casi Armani e Luxury Goods International (LGI) che hanno visto lo smantellamento delle attività in Ticino per rimpatriare le loro attività in Italia.

«Resta da capire - si sottolinea nell'atto parlamentare - come questo settore, basato sul pratiche di ottimizzazione fiscale e lo sfruttamento della manodopera a basso costo e precaria d’oltreconfine, sia stato giudicato abbastanza solido e innovativo da farne il tema della candidatura ticinese al Parco nazionale dell’innovazione nel 2014».

  1. Chi ha preso la decisione di puntare su “moda e logistica” per la candidatura ticinese? Su quali basi?
  2. Chi ha valutato le capacità innovative del settore moda? Su quali basi?
  3. All’inizio del 2014 quali erano le attività di ricerca del settore moda?
  4. All’inizio del 2014 quali erano le interazioni fra università e aziende del settore moda?
  5. Come mai la biomedicina è stata scartata al momento di presentare la candidatura ticinese?
  6. L’ubicazione dell’antenna ticinese del Parco nazionale nella prima proposta di candidatura era stata giudicata problematica. Quale era questa ubicazione?
  7. Come ha giustificato il Bak Basel l’errore di valutazione del settore moda nello studio “Analisi dei settori ticinesi: benchmarking internazionale e smartspecialisation” effettuato su richiesta del cantone?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 22:42:09 | 91.208.130.85