TiPress
CANTONE
11.02.2019 - 06:530
Aggiornamento : 14.02.2019 - 15:23

I maestri d'asilo hanno diritto alla pausa pranzo

È quanto rivendica una mozione presentata dall'MPS, secondo cui i docenti dovrebbero avere almeno 30 minuti liberi ed essere pagati durante le ore di refezione

BELLINZONA - Dopo le rivendicazioni dell'OCST per una pausa di almeno mezz’ora per i docenti della scuola dell'infanzia e l'abolizione dell'addebito delle spese del pranzo, l'MPS ha inoltrato al Consiglio di Stato una mozione.

La giornata lavorativa all'asilo, infatti, raggiunge facilmente le 10 ore, considerata la pausa pranzo, i colloqui con i genitori, le riunioni interne.

In alcuni comuni (come Bellinzona), i docenti devono anche pagare il pranzo (120 franchi al mese), nonostante debbano passarlo insieme ai bambini, di cui devono comunque occuparsi trattandosi di un momento educativo. Nonostante questo, durante le ore di refezione i docenti sono pagati meno rispetto alle altre ore della giornata.

Al Governo viene pertanto chiesto di adoperarsi affinché in tutte le scuole dell’infanzia e scuole elementari sia presente un servizio pubblico di refezione, di istituire una pausa di almeno 30 minuti durante la giornata per i docenti, di fare in modo che il tempo di lavoro dedicato dai docenti alla refezione sia pagato come tutto il resto del tempo di lavoro, ma anche di analizzare la possibilità d’inserire altro personale educativo nelle sedi di scuola dell'infanzia che possa sostenere e o sostituire i docenti in alcuni particolari momenti della giornata e consentire loro di avere una pausa.

La mozione propone inoltre di valutare la possibilità di creare sezioni riservate ai bambini dell’anno facoltativo al fine di rispondere ai loro bisogni particolari e garantire ai docenti migliori condizioni di lavoro.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-25 20:35:57 | 91.208.130.86