Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
38 min
Possibili abusi sessuali: sacerdote indagato
Lo si apprende da un comunicato della Diocesi di Lugano. Oggi anche il vescovo in conferenza stampa.
CANTONE
1 ora
Due nuovi casi di contagio in Ticino
Rimane invariato il numero dei decessi: non se ne registrano da una settimana.
CANTONE
3 ore
Coronavirus: ospedali confrontati a perdite milionarie
L'EOC lamenta ammanchi per 60-70 milioni di franchi. Moncucco: «Speriamo di trovare un buon accordo col Cantone».
LUGANO
16 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
18 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
19 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
22 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
1 gior
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
1 gior
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
1 gior
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
BERNA / COMANO
1 gior
Rsi accusata di copertura elettorale sbilanciata
L'AIRR ha accolto il ricorso di Xenia Peran in merito alle elezioni federale del 20 ottobre 2019
CANTONE
1 gior
L’UDC difende i ticinesi per la sanità cantonale
«Veglieremo che misure e potenziamenti di posti di formazione e di impieghi supplementari siano destinati ai residenti»
CANTONE
1 gior
Colonie artistiche confermate al MAT
Il semaforo verde è scattato grazie agli allentamenti voluti dal Consiglio federale.
CANTONE
11.02.2018 - 11:530
Aggiornamento : 17:16

«Problemi nelle case anziani? Non solo a Balerna»

Secondo Matteo Pronzini la lista dei ricoveri dove sono esplosi o stanno covando situazioni di tensione è molto lungo: «Il Governo ha perso il controllo»

BELLINZONA - «La lista di case per anziani nelle quali sono esplosi o stanno covando situazioni di tensione tra le direzione e personale curante è lunga». Parola di Matteo Pronzini che interpella il Governo sulla situazione di «disagio» vissuta da molti anziani.

Balerna ma non solo. Il deputato MPS infatti elenca altre nove istituti con problemi sparse sul territorio cantonale. «Casa Anziani Balerna, Casa Anziani Pedemonte a Bellinzona, Centro Somen Sementina, Casa Anziani Biasca, Casa San Donato Intragna, Casa Rea Minusio, Casa Anziani Santa Filomena Stabio, Casa Anziani Tusculum Arogno e Melano, Casa Anziani San Rocco a Morbio Inferiore».

In tutte queste strutture Pronzini rileva molti tratti comuni: «Pressione sui prezzi determinata dalla logica economicista della LAMal fortemente accentuata nel corso degli ultimi anni», «organi direttivi messi lì unicamente come marionette in balia delle direzioni» e infine «autorità cantonali che abdicano al loro compito di vigilanza».

Il deputato Mps, poi, tira le orecchie al Consiglio di Stato prima di porgli le sue undici domande. «Sollevando il caso della casa per anziani di Balerna, avevamo (Pronzini e il suo partito, ndr) attirato l’attenzione sul fatto che quel caso da noi segnalato non era che la punta dell’iceberg, cioè di una lunga serie di situazioni, magari non tutte così drammatiche, ma certo preoccupanti». Poi continua. «Ma il Governo, come era facile immaginare, ha fatto orecchie da mercante a quel nostro monito; non ha proceduto ad avviare alcuna seria riflessione sui problemi da noi sollevati: ed ecco che nello spazio di poco tempo, i casi si sono accumulati, uno dietro l’altro, diventando, da casi isolati, un problema, a nostro modo di vedere, politico che si dovrà affrontare con decisione».

Ecco le domande formulate da Pronzini:

1. Conferma che la legge sanitaria demanda al Consiglio di Stato l’alta vigilanza (art.22)?

2. Conferma che, sempre la stessa legge, l’articolo 23 indica che il Medico cantonale, di concerto con il Dipartimento, cura l’esecuzione della legge?

3. Conferma che l’articolo 80 della Legge sanitaria impone un’autorizzazione del CdS per esercizio di una casa di cura o di riposo per anziani?

4. Conferma che in base alla Legge concernente il promovime nto, il coordinamento e il finanziamento delle attività a favore delle persone anziane (Lanz) il Consiglio di Stato ( art. 19) designa l’autorità competente per esercitare la vigilanza sulle attività delle strutture sociosanitarie a favore delle personale anziane e che l’autorità competente può ordinare alle strutture le opportune verifiche e revisioni, nonché richiedere i dati che ritiene necessari?

5. Conferma che ogni struttura sociosanitaria  riconosciuta è tenuta a garantire allo Stato una rappresentanza nel suo organo amministrativo (art. 22)?

6. Conferma che in base al Regolamento della Lanz emesso dal Consiglio di Stato l’ente gestore della struttura sociosanitaria proce de alla nomina del Direttore, scegliendolo unicamente tra i candidati ritenuti idonei dall’Ufficio anziani e che la nomina deve essere ratificata dal Consiglio di Stato?

7. Sulla base delle risposte alle precedenti 6 domande, non ritiene che le affermazioni fatte alla Regione da  Manuele Bertoli siano un modo poco elegante per in realtà evitare di affrontare un problema non più eludibile?

8. Cosa intende intraprendere a brevissimo tempo il consiglio di Stato per adempiere ai suoi obblighi di vigilanza sulle case per anziani in materia di qualità delle cure e verifica che ogni direttore/direttrice abbia la formazione, l’esperienza e le attitudini necessarie al buon funzionamento della struttura?

9. Come avviene la scelta dei rappresentanti dello Stato nelle singole strutture? Esistono dei criteri per la valutazione dei candidati? Ogni quanto i rappresentanti devono dare scarico del loro lavoro al Consiglio di Stato?

10. Attualmente in tutte le strutture il posto di rappresentante dello stato è occupato? Se no, dove ciò non avviene e per quale ragione?

11. Da ultimo, chiedo al Consiglio di Stato di comunicare al Plenum del Gran Consiglio i nominativi di tutti i rappresentanti dello stato nelle singole strutture.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tip75 2 anni fa su tio
eeehehehe ma i nostri politici sono li solo per i postriboli, le multe e per riempirsi le tasche non di certo per lavorare per il popolo, loro non si preoccupano di quando invecchieranno con i soldi che prendono di sicuro la non ci finiscono...
Evry 2 anni fa su tio
Pienamenmte d'accordo ! Inoltre abbiamo bisogno dei parlamenmtari senza la (s) davanti che riconoscono lo stato in cui vivoni, ciò a partire dall'inno nazionale in seno alla cerimonia d'insediamento del GC e non dimostrativamente sdraiati sulla sedia !!! VERGOGNA
miba 2 anni fa su tio
Ecco, questo è Pronzini, l'anatra starnazzatrice del Canton Ticino. Mi piacerebbe sapere da Pronzini il nesso tra LAMal e case per anziani dal momento che le rette sono per principio calcolate sulla situazione economico-finanziaria della persona degente, quindi quale pressione sui prezzi da parte della LAMal??? Ho letto attentamente le 11 domande che ha posto. Leggetele attentamente, ragionate (con la vostra testa...), e poi avete 3 possibilità: o avete la convinzione che Pronzini fa bene a fare queste domande, o vi rendete conto che fa il pifferaio di Hamelin con lo scopo di acquisire consensi (e sempre su argomenti che evidentemente toccano le persone), oppure che questo ha del buon gran tempo da perdere per rompere (inutilmente) le scatole. Personalmente sono per la seconda e terza variante. Ma che vada a Pyongyang o a Cuba!! In Ticino abbiamo VERAMENTE ED URGENTE BISOGNO di persone che risolvono i problemi in modo COSTRUTTIVO, non di megafoni!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 12:35:28 | 91.208.130.87