TIPRESS
CANTONE
15.10.2014 - 10:110

Prostituzione, i Comuni possono agire da soli

Il Dipartimento delle Istituzioni scrive una lettera indicando come fare per bloccare i locali sprovvisti di licenza

BELLINZONA - Troppi Comuni si rivolgono ai rappresentanti della Sezione TESEU per chiedere spiegazioni e procedure in merito ai locali destinati alla prostituzione, per i quali non esistano le condizioni per l'esercizio della prostituzione. Per evitare questa continua sollecitazione il Dipartimento delle istituzioni ha deciso di inviare a tutti i Comuni ticinesi una lettera in cui fornisce una serie di indicazioni utili per rendere esecutive le decisioni municipali concernenti la cessazione dell’attività non autorizzata.

Peraltro, tale proposta è valida per tutte le attività non conformi alle vigenti norme pianificatorie e in materia di licenze edilizie.

Per facilitare il compito ai Municipi sono state riassunte le fasi della procedura da adottare. Nella lettera inviata si specifica che i Comuni possono intervenire direttamente sulla questione, considerando le licenze edilizie rilasciate per il locale. Solo in una terza fase di sollecitazioni è opportuno rivolgersi alla Polizia cantonale. 

Allegati
Potrebbe interessarti anche
Tags
comuni
prostituzione
comuni possono
lettera
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-24 08:40:01 | 91.208.130.87