Ti-Press
LUGANO
13.11.2019 - 20:030

Medico a processo, non colpevole

Le cause della morte della paziente deceduta per embolia polmonare non sono riconducibili alla condotta del 49enne

di Redazione

LUGANO - È stato prosciolto il medico dell'Ospedale Italiano di Lugano accusato di omicidio colposo.

Come riporta la Rsi, il giudice delle Assise correzionali Mauro Ermani ha stabilito che il 49enne avrebbe potuto verificare in modo più approfondito l’ipotesi di embolia polmonare prima di dimettere la paziente il 21 novembre 2012, ma a determinare la morte della giovane - avvenuta dopo il nuovo ricovero risalente all’8 dicembre - sarebbero stati fattori riconducibili al periodo trascorso a casa.

È stato inoltre riconosciuto che il medico aveva dato il consiglio giusto alla ragazza: tornare al pronto soccorso in caso di nuovi problemi di salute.

Sono stati stabiliti 64.000 franchi di indennizzo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 23:06:42 | 91.208.130.87