Cerca e trova immobili

LUGANOFango e cumuli di terra, lo scempio nel parco Ciani in un’interrogazione dei Verdi

07.11.23 - 15:13
«La causa è l'ingresso con mezzi pesanti nel prato zuppo d'acqua per smontare un allestimento»
Verdi
Fango e cumuli di terra, lo scempio nel parco Ciani in un’interrogazione dei Verdi
«La causa è l'ingresso con mezzi pesanti nel prato zuppo d'acqua per smontare un allestimento»

LUGANO - Un’area del Parco Ciani devastata dai lavori di smontaggio di un evento che lì si era svolto pochi giorni prima. A denunciare lo scempio e a chiedere spiegazioni su quanto accaduto è il Gruppo dei Verdi che ha depositato un’interrogazione in Municipio. 

Ma ecco cosa sarebbe accaduto, come spiegato dai proponenti.  «Lo scempio che abbiamo segnalato è quanto rimasto dopo lo smantellamento di un tendone installato per l’after party del recente Plan B Forum. Ma la domanda è perché intervenire così in fretta smontando le strutture sotto la pioggia e con il terreno zuppo d’acqua? Non si poteva aspettare un momento più propizio?». 

Le foto scattate e allegate all’interpellanza testimoniano la situazione. «Chiunque può prevedere che entrando con mezzi pesanti in un prato zuppo d’acqua, per di più a pochi metri dalla falda, lo si trasforma in un cumulo di fango. Abbiamo anche subito pensato che dietro il disastro ci potesse essere, banalmente, il proposito di risparmiare sui costi di noleggio, smontaggio e sgombero delle strutture montate per l’evento. E che forse, in questo clima di frenesia digitale, si sia immaginato che la natura – a maggior ragione quella già umanizzata di un parco – si potesse poi “resettare” con un click, magari certificando il miracoloso recupero con la tecnologia blockchain», prosegue ancora con un tono ironico il documento.

A inizio settimana intanto «abbiamo visto che i lavori (protetti discretamente da transenne color verde) proseguono alacremente con rilevanti movimentazioni di terra, e ci facciamo ulteriori domande: si starà approfittando dell’infausta occasione per fare anche altri  interventi? O la risistemazione post-party richiede ben di più di un appianamento del terreno sconvolto? Fatto sta che la parte di parco civico chiusa al pubblico è grande, senza che la cittadinanza sappia perché e per quanto. E anche questo ci lascia perplessi».

Un ampio preambolo che porta a ua lunga serie di domande poste al Municipio. 

In merito all’evento:

• sono state fatte delle perizie prima di organizzare tendoni per feste sul prato?

• perché si è utilizzato proprio il parco? Non esistevano alternative a impatto minore (e più adatte alla posa di strutture temporanee) a distanza ragionevole dal luogo del convegno?

• si può avere una panoramica precisa dei costi di questa festa techno? E di chi li ha assunti?

In merito allo smontaggio:

• L’articolo 6 dell’Ordinanza federale contro il deterioramento del suolo (RS 814.12)  prescrive che «Chi costruisce un impianto, coltiva o sfrutta in altro modo il suolo deve  scegliere e impiegare i veicoli, le macchine e gli apparecchi considerando le caratteristiche  fisiche e l’umidità del suolo». La gestione dei parchi pubblici urbani non è toccata da queste sensate misure precauzionali?

• Perché si è intrapreso lo smontaggio in un periodo di nubifragi? Di chi è la responsabilità?

• È stata fatta una quantificazione dei danni? E c’è un’assicurazione che li copre?

• A quanto sono stimati i costi di ripristino del parco, comprensivi delle ore di lavoro del personale della Città?

• Sotto che voce troveremo poi questi costi a consuntivo?

Sui lavori in generale:

• Gli attuali interventi riguardano la semplice sistemazione post-party o questo disastro si incrocia, magari ostacolandoli, con altri interventi? (abbiamo notato all’altezza di via Lucchini un piccolo cantiere AIL).

• In ogni caso, non sarebbe opportuno informare la cittadinanza – anche solo con dei fogli appesi alle transenne – e scusarsi per il disagio?

A firmare l'atto sono Danilo Baratti, Laura Ferrario, Melitta Jalkanen, Deborah Meili, Marisa Mengotti.

NOTIZIE PIÙ LETTE