Cerca e trova immobili
Quei neonati che non sanno gestire il loro veleno: il video

GAMBAROGNOQuei neonati che non sanno gestire il loro veleno: il video

13.04.23 - 06:30
La più grande esposizione itinerante di rettili d'Europa fa tappa nella Svizzera italiana. L'attrazione principale? I piccoli cobra bianchi.
Davide Giordano - Tio/20min
Quei neonati che non sanno gestire il loro veleno: il video
La più grande esposizione itinerante di rettili d'Europa fa tappa nella Svizzera italiana. L'attrazione principale? I piccoli cobra bianchi.

GAMBAROGNO - Resterà aperta fino al 29 Maggio presso il Centro Rivamonte di Quartino. E ora la più grande esposizione itinerante di rettili d'Europa può vantare anche la presenza di alcuni cuccioli di cobra leucistici (attualmente sono rosa, ma diventeranno bianchi), appena nati. Una rarità che rende ancora più affascinante la mostra.  

«I serpenti albini che difficilmente sopravvivono in natura» – A farci da guida, come si nota nel video di Tio/20Minuti, è Anthony Guillod, direttore dell'esposizione. «I cobra leucistici difficilmente sopravvivono in natura. Perché sono albini e contrariamente ad altri serpenti non hanno la possibilità di mimetizzarsi. Sono nati da pochi giorni ma il loro morso è già velenoso. Anzi è più velenoso di quello degli adulti. Perché i piccoli non sanno gestire il loro veleno. Attenzione però: un serpente velenoso non è per forza cattivo». 

Sfida alle paure e grande curiosità – Tartarughe giganti, vipere, camaleonti. E anche una tarantola. Circa 250 animali negli spazi in cui solitamente c'era il minigolf. I visitatori sono entusiasti. C'è chi arriva da Zurigo e invoglia le famiglie a visitare la mostra. «Penso che per i bambini possa essere qualcosa di davvero speciale», dice un visitatore. Un altro signore viene da Rancate e ammette di essere qui già per la seconda volta. «Sono un appassionato. Mi occupo di educazione. Tornerò di nuovo con i miei allievi». Un altro uomo si trova sul posto per sfidare le proprie paure. «Ho una fifa boia dei serpenti. Ma mi attirano anche». E poi c'è chi i rettili li ha già in casa. «Io e il mio compagno – sottolinea una ragazza – abbiamo una pogona e un geco leopardino. Lui è proprio attratto dai rettili. E ha coinvolto anche me». 

«Grande rispetto per i nostri animali» – A questo punto però alcune domande sorgono spontanee. Ma tutta questa gente in visita non stressa gli animali? E queste bestie selvatiche stanno bene in condizione di "cattività"? Guillod replica: «I nostri animali generalmente sono abituati all'essere umano. Sono nati in Svizzera, non nel loro habitat naturale. Abbiamo grande rispetto per tutti gli esemplari. Anche per questo facciamo solo due grandi esposizioni all'anno. Così per il resto del tempo gli animali hanno occasione di riposare e di stare tranquilli nel nostro quartier generale situato nel Canton Vaud». 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE