Cerca e trova immobili

MENDRISIOUna nuova piattaforma web per l’Albergo diffuso del Generoso

16.03.23 - 17:30
Le novità del progetto sono state presentate oggi pomeriggio
Tipress (Pablo Gianinazzi)
Una nuova piattaforma web per l’Albergo diffuso del Generoso
Le novità del progetto sono state presentate oggi pomeriggio

MENDRISIO - Un sistema informatico messo a punto, grazie a un investimento importante, dalla società di gestione nel corso dell’ultimo anno.
Si tratta di “Stay Generous”: prendendo a prestito le parole del presidente Claudio Zanini, il «punto centrale dello sviluppo del sistema di rete dell’offerta dell’Albergo diffuso del Monte Generoso».


La novità è stata presentata oggi pomeriggio durante la conferenza stampa tenuta a Castel San Pietro. Presenti il consigliere di Stato Christian Vitta e i sindaci di Breggia e Castel San Pietro Stefano Coduri e Alessia Ponti.

Il direttore del DFE ha sottolineato come, di recente, il Governo abbia concesso al patriziato di Castel San Pietro un importante sussidio per il finanziamento della ristrutturazione e dell’offerta ricettiva dell’Alpe di Caviano, così da proseguire con i lavori che sono già stati avviati da tempo.

Parlando del progetto e della sfida, i promotori hanno segnalato quanto impegnativo sia stato condurre il progetto fino allo stato attuale.

Zanini ha ricordato che «le diverse realtà hanno dovuto affrontare processi diversi per finalizzare la ristrutturazione delle singole strutture (due strutture sono già attive, a breve seguirà l’apertura di una terza struttura a Scudellate, nel 2024 invece verrà inaugurata la nuova capanna all’Alpe di Caviano)».

Oscar Piffaretti, uno dei fondatori, ha raccontato della difficoltà affrontata nel «raccogliere l’eredità genitoriale, e lasciarsi coinvolgere in un progetto molto innovativo che non ha precedenti ai quali potersi riferire», ricordando che l’osteria la Manciana e anche l’ostello di Scudellate, dato in gestione dall’associazione ProScudellate alla fondazione per la salvaguardia dell’alta Valle di Muggio, «sono state le prime due strutture a completare la ristrutturazione e hanno già raccolto qualche risultato positivo».

Dario Frigerio, presidente del patriziato di Castel San Pietro, ha confermato quanto la diversa velocità tra privato e pubblico abbiano rappresentato un’ulteriore sfida per il progetto, ricordando che «il patriziato ha dovuto affrontare una serie di formalità superate grazie alla volontà dei patrizi e in particolare dell’Ufficio patriziale, al sostegno dei partner di progetto e anche al contributo deliberato dal Consiglio di Stato, che permette ai lavori di proseguire a ritmo spedito permettendo alla capanna Alpe di Caviano di poter inaugurare nei tempi previsti la nuova struttura e partecipare appieno al progetto dell’Albergo diffuso».

 

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE