Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 ore
In 120 per la filantropia strategica
Sono i partecipanti alla prima edizione della Biennale sul tema, che si terrà il 30 settembre al Palazzo dei Congressi
LUGANO
11 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
12 ore
Morti sul lavoro: «Assicurare almeno che sia fatta giustizia!»
Una mozione interpartitica chiede un intervento contro le "morti bianche".
FOTO
LUGANO
12 ore
Un pieno(ne) d'endorfine
La terza edizione del Festival luganese è stato un successo. Ben 1'500 persone hanno popolato la Darsena del Ciani.
CANTONE
13 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
TENERO-CONTRA/SVIZZERA
13 ore
Oltre 100 milioni per il Centro sportivo di Tenero
91,8 sono previsti per la creazione di un edificio per il nuoto. Altri 12,1 per gli alloggi.
LUGANO
14 ore
Incidente sull'A2, traffico in tilt in direzione sud
Tra lo svincolo di Lugano Nord e la galleria di Grancia è stata chiusa una corsia.
CANTONE
14 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
14 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
15 ore
Nominato un nuovo ufficiale della Polizia cantonale
Alessio Lo Cicero condurrà il nuovo Reparto Giudiziario RG4.
CANTONE
16 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
CANTONE / BERNA
16 ore
«Il Ticino è vittima del suo successo»
Karin Keller-Sutter giustifica il "no" del governo alla mozione di Marco Chiesa.
FOTO
CANTONE
16 ore
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
17 ore
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
BELLINZONA
17 ore
Progetto rustici al via
L'intenzione è di sensibilizzare i proprietari di questa particolare tipologia abitativa ad affittare queste strutture.
CANTONE
17 ore
Aperta la consultazione sul superamento dei corsi A e B in III media
La consultazione è rivolta agli attori che operano all’interno della scuola media e nel settore postobbligatorio.
CANTONE / SVIZZERA
31.05.2021 - 12:010
Aggiornamento : 14.06.2021 - 18:51

La canicola è sempre più un fenomeno sulla salute dell'uomo

«È il pericolo meteorologico che provoca più morti al mondo», sottolinea Marco Gaia di MeteoSvizzera.

Ticino e Svizzera non ne sono esenti. Per questo si è deciso di aggiornare il concetto di allerta canicola: verrà considerata la temperatura media giornaliera e introdotto il livello d'allerta 2. Perché anche un periodo breve ma intenso può essere nocivo alla salute.

BELLINZONA/BERNA - Gli esperti concordano: in futuro i periodi di canicola saranno più intensi, più lunghi e più frequenti. Per questo, anche a livello di allerte diramate alla popolazione, bisogna apportare dei cambiamenti. Cambiamenti che sono stati presentati questa mattina in una conferenza stampa congiunta dal DSS e da MeteoSvizzera.

A partire da domani (1° giugno), in tutta la Svizzera verrà introdotto un nuovo concetto di allerta canicola, che sarà basato sulla temperatura media giornaliera e che introduce anche le allerte di livello 2. In questo modo MeteoSvizzera intende aggiornare le proprie allerte canicola alle nuove conoscenze scientifiche. Il nuovo concetto di allerta canicola considera, tra l’altro, il ruolo delle temperature durante la notte e introduce un’allerta per periodi di canicola brevi ma intensi. 

«Nel 2003 non avevamo ancora un concetto di allerta canicola e le autorità si erano fatte trovare impreparate a quell'estate torrida», ha ricordato il Responsabile del centro regionale sud di MeteoSvizzera Marco Gaia. «Assieme a Ginevra, abbiamo fatto da apripista - ha aggiunto - ma ora questo concetto è un po' invecchiato e per questo abbiamo deciso di aggiornarlo». 

Effetto sulla salute dell'uomo - La canicola è infatti un pericolo naturale da non sottovalutare, che può avere impatti sulla popolazione, la natura e le infrastrutture. A seguito dei cambiamenti climatici, in futuro i periodi di canicola saranno più intensi, più lunghi e più frequenti. Studi epidemiologici hanno messo in evidenza come non solo le elevate temperature durante il giorno, bensì anche quelle durante la notte, incidono sulla salute umana contribuendo allo stress termico del corpo umano. «Con il vecchio sistema le temperature notturne non venivano praticamente considerate. Ma abbiamo fatto tutti l'esperienza in cui ci si sveglia al mattino tutt'altro che riposati...», ha illustrato ancora Marco Gaia.

Di caldo si può anche morire - Conseguenze sulla salute - specie sulle persone vulnerabili come bambini, anziani, donne incinte e su chi assume farmaci - che sono state ribadite anche dalla Presidente del Gruppo Operativo Salute e Ambiente (GOSA) Martine Bouvier Gallacchi: «Non è solo l'essere esposti al sole, ma anche e soprattutto le ondate di caldo sono pericolose per la salute. Il cosiddetto colpo di calore può mettere in pericolo la vita». Marco Gaia ha anche evidenziato come la canicola sia il pericolo meteorologico che provoca più morti al mondo. «È meno spettacolare, ma più mortifero degli uragani. Ed è un pericolo in aumento, anche e soprattutto in Ticino». 

Le basi del nuovo concetto - Dal 1° giugno 2021 le allerte canicola della Confederazione saranno quindi basate sulla temperatura media giornaliera, per tenere conto delle nuove conoscenze scientifiche in merito all’impatto delle alte temperature sulla salute umana. Il vecchio indice utilizzato, l’indice di calore (heat index), calcolato considerando sia la temperatura e sia l’umidità relativa viene abbandonato. Le soglie utilizzate nel nuovo concetto sono state definite considerando statisticamente l’incremento della mortalità in funzione delle temperature.

I vantaggi della temperatura media giornaliera - La temperatura media giornaliera offre diversi vantaggi: è un indice robusto dal punto di vista meteorologico perché non dipende da singole punte di temperatura, bensì considera l’andamento termico sull’insieme delle 24 ore di una giornata. In questo modo anche le temperature durante la notte vengono adeguatamente considerate. L’umidità dell’aria non viene più considerata in modo esplicito, bensì indirettamente. Essa influisce sulle temperature notturne: più l’aria è umida, meno diminuisce la temperatura durante la notte, dunque anche la temperatura media giornaliera rimane più alta. 

I livelli di allerta canicola - Un’ulteriore novità è costituita dall’introduzione dell’allerta di livello 2. Poiché anche i periodi di canicola brevi ma intensi possono avere effetti nocivi sulla salute umana, MeteoSvizzera allerterà in futuro la popolazione in presenza di periodi di canicola di uno o due giorni. Per l’emissione di un’allerta di livello 3 o 4 continua a essere necessario che le rispettive soglie siano raggiunte per almeno tre giorni consecutivi. Quest’ultime allerte non solo sono diffuse verso la popolazione, ma anche inviate in modo specifico alle competenti autorità cantonali. «Perché tutti devono essere pronti», ha sottolineato Raffaele De Rosa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 3 mesi fa su tio
Durante l'anno, c'è sempre stato un piccolo periodo dove faceva più caldo del normale. Quindi smettetela di pensare di aver inventato qualcosa di nuovo. I nostri genitori ci dicevano di bere tanto e possibilmente di non stare sotto il sole.
Don Quijote 3 mesi fa su tio
A meno di non trovarsi in Antartide o nella Valle delle Morte senza l'equipaggiamento necessario non si muore per il caldo o per il freddo, si muore perché indeboliti da altre patologie, tra le quali, la più frequente è la vecchiaia. è normale che rispetto a 100 anni fa, quando la popolazione mondiale era di 2 miliardi e la speranza di vita media 50 anni, i morti per il caldo o per il freddo erano meno in assoluto! Quelli con un cervello funzionante siamo stufi di sentire queste idiozie, tra un po', anche le emorroidi sono provocate dal cambiamento climatico. Cambiamento climatico del tutto naturale e dove il forcing della CO2 antropica è sopravalutato per mere questioni fiscali e di business ecologico. La democrazia funziona con la maggioranza e non necessariamente con la conoscenza…
centauro 3 mesi fa su tio
@Don Quijote Se vado in Antartide mi posso coprire adeguatamente con abiti adatti alle basse temperature, se vado ad asfaltare una strada nella Valle della Morte a luglio non mi sembra di avere un'offerta di dispositivi per proteggermi dal caldo torrido. Facile pensare che lavorare col caldo non è poi così drammatico finché ci vanno gli altri e io li guardo dal mio ufficio climatizzato!
Don Quijote 3 mesi fa su tio
@centauro Sei andato fuori dal seminato, anche lavorare in miniera comporta dei rischi notevoli, ma questo non c'entra niente con il fatto che una persona con diverse patologie o con solo l'età avanzata non è idonea per lavorare in una miniera o asfaltare una strada... qua invece si sta dicendo che un anziano di 95 anni con sovrappeso, diabete, ipertensione, un'occhio di vetro e una gamba di legno è morto per colpa della canicola o per stare alla moda, causa covid...
Peter Parker 3 mesi fa su tio
E’ sempre molto affascinante scoprire dalle varie fonti che in estate fa caldo ed inverno fa freddo. In questo caso è tutto legato al cambiamento climatico (come giustamente citato nell’articolo). Poi uno si va a rileggere l’articolo del 28 maggio “ La primavera più fresca degli ultimi 30 anni”, ma di citazioni sul cambiamento climatico non ce ne sono. Quasi quasi tra bombardamento mediatico per COVID e clima....io preferisco ancora il primo.....
pillola rossa 3 mesi fa su tio
Stop alle dannose mascherine che con il caldo peggiorano le condizioni di salute!
Princi 3 mesi fa su tio
Io amo il caldo e sinceramente, fino ad ora, non ne abbiamo avuto molto. Prima o poi ce la farò a trasferirmi ai Caraibi e se morirò di caldo morirò contenta!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 05:39:29 | 91.208.130.86