Immobili
Veicoli

LUGANOCasinò Lugano SA: «Politica del personale e salariale sotto controllo?»

20.05.21 - 08:56
Dopo le accuse di contribuzioni irregolari e di atteggiamenti intimidatori scatta l'interrogazione.
tipress
Casinò Lugano SA: «Politica del personale e salariale sotto controllo?»
Dopo le accuse di contribuzioni irregolari e di atteggiamenti intimidatori scatta l'interrogazione.
Al Municipio viene chiesto di verificare le dichiarazioni del sindacato OCST e la qualità dell'ambiente lavorativo all'interno della casa da gioco

LUGANO - Un'interrogazione per vederci chiaro in merito alla presunta «situazione potenzialmente molto grave» relativa alla politica del personale del Casinò di Lugano. A sottoscriverla è Edoardo Cappelletti (PC – Gruppo PS-PC), assieme ad altri colleghi di partito.

Al centro della controversia vi è la retribuzione corrisposta ai dipendenti, il clima di lavoro all’interno della casa da gioco e alcune disfunzioni nella sua gestione.

Il sindacato OCST riferisce di «paghe inferiori ai 10 fr. lordi all’ora e almeno un salario di 1’800 fr. al mese per un impiego a tempo pieno di una persona come croupier». Non mancherebbero poi, da parte della società, «atteggiamenti intimidatori nei confronti del personale».

Tutto ciò, stando a La Regione, assieme alla copiosa partenza di quadri dirigenti, di responsabili del personale e numerosi dipendenti, che sarebbero stati sostituiti da «personale di dubbia professionalità e presumibilmente, in parte, frontaliero». Non mancano, infine, anche dei dubbi circa l’equità dei bonus versati dalla SA.

Dal canto suo, il Consiglio d’amministrazione contesta le accuse del sindacato.

Alla Città Cappelletti chiede di «adoperarsi per verificare in quale misura i problemi emersi risultano fondati e, se del caso, intervenire affinché le condizioni e il clima di lavoro all’interno della sua partecipata vengano debitamente salvaguardati».

Qui di seguito le domande poste al Municipio:

    • Come si pone rispetto al clima di tensione venutosi a creare all’interno della Casinò Lugano SA e alle relative preoccupazioni espresse dal sindacato OCST?
    • Quale politica salariale e del personale viene perseguita dal Comune nella società partecipata in qualità di azionista di maggioranza?
    • A quanto ammonta il minimo salariale o il salario più basso presso la società? Può prendere posizione sui dati indicati da OCST in merito alla retribuzione dei dipendenti?
    • A quanto ammontano e in che modo sono ripartiti gli stipendi, nonché i bonus, percepiti dai quadri dirigenti della Casinò Lugano SA?
    • Può prendere posizione sulla presunta sostituzione, nell’arco di breve tempo, di 3 responsabili del personale, 7 profili dirigenti e numerosi dipendenti della società?
    • Quali passi intende compiere nel prossimo futuro per approfondire e affrontare il complesso delle denunce sollevate da OCST?
    • Qualora la gravità della denuncia dovesse rivelarsi fondata come intende intervenire, se del caso anche tramite i propri rappresentanti in seno al CdA, al fine di salvaguardare il clima e le condizioni di lavoro del personale della Casinò Lugano SA?
    • Come valuta, tra l’altro, la possibilità di promuovere il dialogo tra le parti sociali e incoraggiare la sottoscrizione di un CCL per i dipendenti della SA?
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO