Il rispetto del prossimo inizia con una passeggiata allo zoo
LUCA BORDONI
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
SAN BERNARDINO (GR)
2 ore
Un'auto pericolosa sull'A13
Ha causato più danni e creato situazioni di pericolo. La polizia è riuscita a fermarla nella galleria del San Bernardino
CHIASSO
3 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
7 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
8 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
CANTONE
19 ore
Sigarette elettroniche a scuola?
Maddalena Ermotti-Lepori (PPD) ha inoltrato un'interpellanza per capire se esista una strategia nelle scuole
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
CANTONE
1 gior
Norman Gobbi a colloquio con gli ufficiali e sottoufficiali professionisti
Si è discusso di Esercito, dell'operazione Odescalchi e del ruolo dei media in caso di catastrofi
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
MENDRISIO
09.04.2021 - 07:320
Aggiornamento : 09:47

Il rispetto del prossimo inizia con una passeggiata allo zoo

«Istruire oggi, per conservare domani»: il motto di Luca Bordoni che organizza tour educativi negli zoo

di Redazione
Serena Perrone

MENDRISIO - L’obiettivo di Luca è educare riguardo al regno animale, nella speranza di un futuro più conservativo e rispettoso. Il giovane mendrisiense è un guardiano di animali selvatici che attualmente lavora al Natur- und Tierpark Goldau.

Come è diventato guardiano di animali selvatici?
«Dopo le scuole medie mi sono iscritto al Centro professionale di Chiasso. Tuttavia, la mia grande passione, fin da piccolo, sono stati gli animali. Durante il servizio militare sono venuto a conoscenza di questa professione e ho deciso di intraprendere l’apprendistato della durata di tre anni presso la Scuola medico-tecnica di Locarno».

Di cosa si occupa al Natur- und Tierpark Goldau?
«Della cura e della pulizia degli animali, della manutenzione delle recinzioni, come pure della preparazione del foraggiamento. Devo inoltre prestare attenzione allo stato mentale degli ospiti dello zoo, un aspetto molto importante in quanto, se trascurato, anche il fisico ne può risentire».

Come si garantisce il benessere psicofisico degli animali?
«Principalmente tramite gli arricchimenti ambientali: si tratta degli stimoli necessari alla manifestazione dei comportamenti tipici delle specie. È fondamentale offrire un’occupazione sia fisica che mentale agli animali. Per esempio, invece di lasciare il cibo nella classica ciotola, lo si può nascondere stimolando l’animale a sviluppare delle strategie per procurarselo».

Qual è stata la reazione degli animali all’assenza di visitatori durante il lockdown?
«Ho notato che le specie abituate a interagire con le persone sentono maggiormente la mancanza della clientela. Per molti animali, infatti, siamo noi umani il loro intrattenimento. Tra questi, hanno sofferto di più i primati che amano particolarmente giocare con le persone».

Come ha avuto l’idea dei tour educativi?
«Ad ottobre sarei dovuto andare in Sudafrica per lavorare in una riserva naturale con l’obiettivo di diventare guida safari, ma a causa della pandemia ho dovuto rinunciare. Ho quindi cercato di ridimensionare il mio progetto tramite i tour educativi nei parchi zoologici. Durante le quattro ore condivido le nozioni che possiedo sugli animali: tramite la conoscenza si può sperare in un futuro più conservativo e rispettoso».

L’accoglienza del pubblico è stata molto calorosa.
«Sì, soprattutto grazie alla mia pagina Instagram zookeeper_luca, in cui già da tempo trattavo temi legati alla sensibilizzazione. Inizialmente c’era richiesta soprattutto da parte delle coppie, mentre con il passare del tempo si stanno aggiungendo anche gruppi di 4-5 persone e famiglie. Ciò mi gratifica perché ho la possibilità di educare e al tempo stesso di intrattenere i più piccoli. Alcune persone mi ringraziano perché, tramite i tour, sono riusciti a superare piccole paure nei confronti degli animali».

Qual è l’obiettivo dei percorsi educativi?
«Oltre alla sensibilizzazione, fin da subito ho deciso di trattenere parte del ricavato per poi investirlo in progetti di conservazione quando potrò andare in Africa. In questo modo, tramite l’iscrizione, i clienti aiutano indirettamente a livello economico la protezione degli animali».


LUCA BORDONI

Parchi zoologici sempre più all'avanguardia
Spesso gli zoo sono oggetto di accuse, come quella di strappare gli animali al loro ambiente naturale. Luca Bordoni ammette che in passato le istituzioni zoologiche hanno commesso degli errori: «Negli anni ’70-’80, per esempio, gli spazi a disposizione degli animali non erano sufficienti. A partire dal 2005 circa, invece, i giardini zoologici si sono modernizzati grazie alla ricerca scientifica e alle nuove tecnologie». Luca sottolinea anche i miglioramenti nelle recinzioni: «Grazie alla ricostruzione dei loro habitat, gli animali possono esprimere il loro istinto. Oltre a ciò, le strutture moderne sono spesso attive nella conservazione della fauna e della flora. Lo zoo di Zurigo è un esempio virtuoso», spiega il guardiano degli animali. Il parco è infatti impegnato in svariati progetti come quello di Masoala in Madagascar, uno dei tre habitat più ricchi di specie al mondo.

LUCA BORDONI
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 18:13:07 | 91.208.130.87