LUCA BORDONI
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
29 min
Troppa panna nel camion, la multa è salata
Il mezzo pesante trasportava 19 tonnellate di bombolette spray.
CANTONE
1 ora
Un "scudo protettivo" per le grandi manifestazioni
Il Governo propone un credito per tutelare gli organizzatori dai grandi eventi in caso di annullamenti per Covid.
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
1 ora
Tamponamento in superstrada, due persone al pronto soccorso
L'incidente, avvenuto attorno alle 14.30 all'altezza di Ligornetto, ha coinvolto due auto e un furgone.
LUGANO
1 ora
Walking Lugano slitta al 12 settembre
Gli organizzatori consigliano non attendere, perché quest'anno non ci saranno le iscrizioni sul posto
FOTO E VIDEO
TENERO-CONTRA
1 ora
Cadono da un muretto e finiscono con l'auto sottosopra
L'incidente è avvenuto in un posteggio privato in via San Nicolao a Tenero.
CANTONE
1 ora
Over 50 in assistenza, il nodo arriva in Parlamento
L'iniziativa parlamentare di Dadò e Fonio sarà discussa a giugno dal Gran Consiglio. Il Ppd: «Qualcosa si muove!»
LUGANO
2 ore
Con la bici sul marciapiede, dall'avvertimento alla multa
Sono 243 i conducenti di bici, monopattini e ciclomotori elettrici fermati nel corso della campagna "Marcia-a-piedi"
CANTONE
2 ore
Occhi puntati sulle mafie... in Ticino
Presentato l'Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata, attivo in seno all'Università della Svizzera italiana
URI / CANTONE
2 ore
Auto in panne al San Gottardo: code per 12 km al portale nord
Per chi viaggia verso il Ticino si stimano ritardi fino a due ore.
BELLINZONA
3 ore
Ecco come riparte la stagione del Bagno pubblico
Orari, piano di protezione, affluenza massima e mascherine: tutto ciò che c'è da sapere prima di tuffarsi in piscina.
CANTONE
3 ore
Ciclisti in Verzasca: «Attenzione alle gallerie»
In nome della sicurezza è stato affisso uno striscione che ricorda l'obbligo di luci all'interno dei tunnel
CANTONE
4 ore
Aereo caduto nel lago, terminate le operazioni di recupero
Il velivolo, decollato da Locarno lo scorso febbraio, era precipitato nei pressi di Staad, Canton San Gallo.
CANTONE
5 ore
Riposizionamento delle regioni periferiche: sostegno del Governo
Il Consiglio di Stato ha deciso di sostenere l’Ente Regionale per lo sviluppo del Bellinzonese e Valli (ERS-BV)
MENDRISIO
09.04.2021 - 07:320
Aggiornamento : 09:47

Il rispetto del prossimo inizia con una passeggiata allo zoo

«Istruire oggi, per conservare domani»: il motto di Luca Bordoni che organizza tour educativi negli zoo

di Redazione
Serena Perrone

MENDRISIO - L’obiettivo di Luca è educare riguardo al regno animale, nella speranza di un futuro più conservativo e rispettoso. Il giovane mendrisiense è un guardiano di animali selvatici che attualmente lavora al Natur- und Tierpark Goldau.

Come è diventato guardiano di animali selvatici?
«Dopo le scuole medie mi sono iscritto al Centro professionale di Chiasso. Tuttavia, la mia grande passione, fin da piccolo, sono stati gli animali. Durante il servizio militare sono venuto a conoscenza di questa professione e ho deciso di intraprendere l’apprendistato della durata di tre anni presso la Scuola medico-tecnica di Locarno».

Di cosa si occupa al Natur- und Tierpark Goldau?
«Della cura e della pulizia degli animali, della manutenzione delle recinzioni, come pure della preparazione del foraggiamento. Devo inoltre prestare attenzione allo stato mentale degli ospiti dello zoo, un aspetto molto importante in quanto, se trascurato, anche il fisico ne può risentire».

Come si garantisce il benessere psicofisico degli animali?
«Principalmente tramite gli arricchimenti ambientali: si tratta degli stimoli necessari alla manifestazione dei comportamenti tipici delle specie. È fondamentale offrire un’occupazione sia fisica che mentale agli animali. Per esempio, invece di lasciare il cibo nella classica ciotola, lo si può nascondere stimolando l’animale a sviluppare delle strategie per procurarselo».

Qual è stata la reazione degli animali all’assenza di visitatori durante il lockdown?
«Ho notato che le specie abituate a interagire con le persone sentono maggiormente la mancanza della clientela. Per molti animali, infatti, siamo noi umani il loro intrattenimento. Tra questi, hanno sofferto di più i primati che amano particolarmente giocare con le persone».

Come ha avuto l’idea dei tour educativi?
«Ad ottobre sarei dovuto andare in Sudafrica per lavorare in una riserva naturale con l’obiettivo di diventare guida safari, ma a causa della pandemia ho dovuto rinunciare. Ho quindi cercato di ridimensionare il mio progetto tramite i tour educativi nei parchi zoologici. Durante le quattro ore condivido le nozioni che possiedo sugli animali: tramite la conoscenza si può sperare in un futuro più conservativo e rispettoso».

L’accoglienza del pubblico è stata molto calorosa.
«Sì, soprattutto grazie alla mia pagina Instagram zookeeper_luca, in cui già da tempo trattavo temi legati alla sensibilizzazione. Inizialmente c’era richiesta soprattutto da parte delle coppie, mentre con il passare del tempo si stanno aggiungendo anche gruppi di 4-5 persone e famiglie. Ciò mi gratifica perché ho la possibilità di educare e al tempo stesso di intrattenere i più piccoli. Alcune persone mi ringraziano perché, tramite i tour, sono riusciti a superare piccole paure nei confronti degli animali».

Qual è l’obiettivo dei percorsi educativi?
«Oltre alla sensibilizzazione, fin da subito ho deciso di trattenere parte del ricavato per poi investirlo in progetti di conservazione quando potrò andare in Africa. In questo modo, tramite l’iscrizione, i clienti aiutano indirettamente a livello economico la protezione degli animali».


LUCA BORDONI

Parchi zoologici sempre più all'avanguardia
Spesso gli zoo sono oggetto di accuse, come quella di strappare gli animali al loro ambiente naturale. Luca Bordoni ammette che in passato le istituzioni zoologiche hanno commesso degli errori: «Negli anni ’70-’80, per esempio, gli spazi a disposizione degli animali non erano sufficienti. A partire dal 2005 circa, invece, i giardini zoologici si sono modernizzati grazie alla ricerca scientifica e alle nuove tecnologie». Luca sottolinea anche i miglioramenti nelle recinzioni: «Grazie alla ricostruzione dei loro habitat, gli animali possono esprimere il loro istinto. Oltre a ciò, le strutture moderne sono spesso attive nella conservazione della fauna e della flora. Lo zoo di Zurigo è un esempio virtuoso», spiega il guardiano degli animali. Il parco è infatti impegnato in svariati progetti come quello di Masoala in Madagascar, uno dei tre habitat più ricchi di specie al mondo.

LUCA BORDONI
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-12 17:40:55 | 91.208.130.85