Archivio Tipress
CANTONE
24.02.2021 - 10:080

Attenti alle rane che attraversano la strada!

È già cominciata la migrazione primaverile degli anfibi. Il WWF cerca volontari

BELLINZONA - Come ogni anno, non appena le temperature salgono di pochi gradi sopra lo zero, migliaia di anfibi (rane, rospi e tritoni) si risvegliano dal letargo e cominciano a incamminarsi in massa verso i propri luoghi di riproduzione, percorrendo anche tratte di alcuni chilometri. Purtroppo gli spostamenti tra i diversi habitat sono ormai sempre più difficili e pericolosi, interrotti da ostacoli e trappole letali: ogni primavera, cinque milioni di anfibi in Svizzera muoiono nel tentativo di attraversare una strada trafficata per raggiungere il proprio luogo di origine.

WWF e Karch rinnovano quindi l’appello a tutti gli automobilisti affinché questi animali non siano vittime innocenti della strada. Tutti gli anfibi sono protetti dalla legge poiché minacciati d’estinzione e preziosi anelli della catena biologica. Azioni di salvataggio degli anfibi sono pianificate in diverse località della Svizzera italiana, grazie all’impegno di numerosi volontari. Chi fosse interessato a partecipare attivamente può trovare maggiori informazioni sul sito wwf-si.ch/agisci/salvataggio-anfibi. Tutte le stazioni di salvataggio ticinesi e nazionali sono annunciate invece sul sito karch.ch/karch/barriere_anfibi.

Alcune zone considerate particolarmente a rischio sono state negli anni adattate con la costruzione di sottopassaggi artificiali per la piccola fauna, così da permettere l’attraversamento della strada in tutta sicurezza e senza un’assistenza costante. Poiché queste infrastrutture sono molto costose e le caratteristiche dei luoghi spesso sfavorevoli, non è tuttavia possibile costruirle in ogni zona di migrazione. Diverse aree devono quindi far capo ad azioni di salvataggio puntuali e “manuali”.

Durante il periodo più critico, che dura generalmente da febbraio-marzo fino alla fine di maggio, le squadre di volontari del WWF si incaricano della posa di barriere temporanee lungo i cigli delle strade trafficate, nonché di azioni di pattugliamento serali per raccogliere gli individui in pericolo e trasportarli sani e salvi sull’altro lato della carreggiata. I passaggi di anfibi sono particolarmente numerosi in caso di pioggia e con temperature non troppo fredde.

Quest’anno, i punti critici dove verranno effettuate queste operazioni saranno a Meride, Somazzo, Castel San Pietro, Riva San Vitale, Caslano, Barbengo, Origlio, Sorengo-Muzzano, Magadino, Lumino, Lodano, Gudo, Moleno-Preonzo, Gnosca e Vogorno. Chi volesse mettersi a disposizione in una delle località appena citate può contattare l’ufficio del WWF a Bellinzona: sezione@wwf-ti.ch, 091.820.60.00.

Queste azioni permettono ogni anno di salvare da morte certa fino a 200’000 anfibi in tutta la Svizzera. Un grazie di cuore a tutti i nostri soccorritori volontari! Durante tutta la stagione di pattugliamento, si invitano gli automobilisti a circolare con prudenza lungo i tratti stradali segnalati con appositi cartelli, specialmente durante le ore serali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-22 19:45:03 | 91.208.130.85