Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
CANTONE
1 ora
78 nuovi casi di Coronavirus in Ticino, nessun decesso
I nuovi ricoveri sono invece 7, mentre 7 persone hanno potuto lasciare le strutture ospedaliere.
BELLINZONA
2 ore
Il virus silenzia (ancora) l'Open Air di Monte Carasso
Incertezze e incognite hanno costretto gli organizzatori ad annullare anche l'edizione 2021 del Festival.
CANTONE
5 ore
Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»
Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti
CANTONE
5 ore
Il lavoro che c'è, ma che tutti ignorano
Skyguide cerca controllori del traffico aereo per l'aeroporto di Lugano-Agno. I residenti però non rispondono.
FOTO
CANTONE
15 ore
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
CANTONE
15 ore
Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera
Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Il “cervellone” del Centro di calcolo sarà ancora più potente
Sostituirà il supercomputer Piz Daint e sarà utilizzabile in vari ambiti da ricercatori di tutto il mondo
CANTONE
17 ore
Sedici milioni per l'ospedale
Il Gran Consiglio ha approvato il credito per l'aquisto dei terreni nella zona Saleggina tra Bellinzona e Giubiasco
LUGANO
17 ore
Borradori: «Dico no ai profeti del declino»
Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»
COMANO
17 ore
Molestie e sessismo in RSI: «Non permetterò mai più simili derive»
Parla il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, che affronta con noi le critiche verso una tv "sprecona".
ORSELINA
25.02.2021 - 21:320
Aggiornamento : 26.02.2021 - 12:18

«Questi ragazzi hanno bisogno di capire come vivere il dolore»

Covid, boom di ricoveri psichici tra i giovani. Le riflessioni di Sara Fumagalli, specialista della Clinica Santa Croce.

«Attualmente – spiega – tra il 20 e il 25% dei nostri posti letto è occupato da under 25. Impennata con la pandemia. Ma i problemi c’erano già prima, nutriti dalla società del tutto e subito».

ORSELINA - Ricoveri giovanili per problemi psichici sempre più frequenti in tempi di pandemia. L’allarme scoppiato di recente oltre Gottardo, dove in alcune cliniche per minori è stato registrato un +50% per quanto riguarda i casi di emergenza, trova echi anche nella Svizzera italiana. Ad esempio presso la Clinica Santa Croce di Orselina, specializzata nella cura della mente. «Attualmente tra il 20 e il 25% dei nostri 82 posti letto sono occupati da under 25», sottolinea la dottoressa Sara Fumagalli, direttrice sanitaria e primaria.

Per chiarezza. Quando non c’era il Covid-19 a quanto ammontava questa percentuale?
«Al 13-14%. E già si era in rapida crescita rispetto a 10 anni prima, quando casi simili si contavano sulle dita della mano. La pandemia ha in un certo senso amplificato e rivelato un problema che già c’era». 

Quale?
«Le famiglie spesso tendono a dare al ragazzo tutto e subito. E a non responsabilizzarlo verso le sofferenze della vita. La società è sempre più individualista, si condivide poco con i ragazzi. La pandemia ha creato ulteriore incertezza in un contesto già fragile. Arriva il Covid e ti toglie le libertà. Di colpo. Per persone che non sono abituate a soffrire è qualcosa di sconvolgente».   

Possiamo fare un identikit di questi pazienti?
«Arrivano qui d’urgenza. Magari mandati dal pronto soccorso. Sono in preda a una confusione esistenziale enorme e spesso desiderano comunicare la loro sofferenza attraverso un gesto autolesivo. Sembrano non avere obiettivi di vita e non avere riferimenti. Si sentono soffocare dal fatto di non avere più spazi di incontro e comprensione».

Come è cambiata la casistica col Covid?
«Rispetto al passato, il giovane ricoverato nell’era Covid ha un livello di sofferenza più manifesto, unito a pensieri di morte più ricorrenti. L’adolescente tipico soffriva più silenziosamente. Ora c’è quasi il bisogno di condividere con altri la stessa voglia di morire. Si vede una possibile soluzione in una morte condivisa. Diversi ragazzi si auto lesionano e questo rappresenta il loro essere nel mondo». 

C’è chi ricorre ai social per ostentare il proprio disagio.
«Lo constatiamo anche noi. Tanti giovani sono arrivati qui dopo avere partecipato a challenge estreme sui social network. Per un certo periodo abbiamo avuto un ricovero ogni due giorni dovuto a questo fattore».     

Come vi approcciate a questi ragazzi?
«La terapia farmacologica non è una priorità. Il nostro è un approccio più psico educativo. Cerchiamo di ripercorrere coi ragazzi le tappe della loro evoluzione che sono mancate. Li aiutiamo a riconoscere le loro emozioni, anche quelle negative, e a non tradurle in gesti brutali. L’accettazione è un passo importante. Perché la vita non è mai fatta solo di cose belle. Questo non significa però che non si debba avere speranza per il futuro. Anzi».

Quanto può durare una degenza in clinica?
«Da un paio di settimane a diversi mesi. Dipende. Alcuni ragazzi durante il ricovero tendono a “sentirsi a casa”, in clinica si sentono in un certo senso protetti. Il nostro compito è quello di stimolarli a un pronto ritorno nella vita quotidiana. Fondamentale è il lavoro di rete col territorio e in particolare con le famiglie. Spesso un genitore reagisce col senso di colpa. Dobbiamo lavorare anche su questo».  

Tornare alla realtà nel 2021, non è come farlo qualche anno fa.
«È vero. Quella attuale è un’epoca di grande incertezza. Ma è proprio sull’importanza di capire che la vita è fatta soprattutto di incertezze che insistiamo con i ragazzi. Imparare a convivere con l’incertezza, e a dare un valore a ogni dono che si riceve, è importantissimo. Abbiamo costruito una società indolore. In cui bisogna essere perfetti. E invece il dolore sarebbe importante viverlo, come occasione di crescita».  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 11:56:11 | 91.208.130.87