tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
50 min
Infermiere non vaccinate: «Anche noi possiamo decidere della nostra vita»
Molti sanitari in Ticino non hanno ancora avuto un tête-à-tête con Pfizer o Moderna. Ecco le motivazioni.
VICO MORCOTE
1 ora
«Io, bersagliato dai media, vi dico attenti a giudicare»
Intervista a tutto campo a Luido Bernasconi, protagonista della "Lugano da bere", un po' dorata e tribolata
BELLINZONA
11 ore
Un primo agosto per «non dare scontati i nostri diritti»
I discorsi della città sono stati affidati alla Consigliera Marina Carobbio Guscetti e all'imprenditrice Nina Buffi
MASSAGNO
15 ore
L'allocuzione di De Rosa: «È nelle difficoltà che emergono i nostri punti di forza»
Il consigliere di Stato ha preso la parola nell'ambito dei festeggiamenti per il Primo agosto a Massagno
CANTONE
15 ore
È scomparso Roman
Non si hanno sue notizie da questa mattina alle 7.30
CONFINE
15 ore
Precipita in una scarpata, 57enne perde la vita
La donna è caduta per oltre un centinaio di metri, ha detto il Soccorso alpino
FOTO
CHIASSO
16 ore
A Chiasso un Primo agosto senza frontiere
In Piazza Indipendenza sono stati celebrati «i valori più belli che hanno accomunato intere generazioni»
CANTONE
18 ore
Un altro giorno di code al San Gottardo
Disagi al traffico a entrambi i portali della galleria autostradale
FOTO
CANTONE
19 ore
È tornata la messa del Primo agosto, ma non sul San Gottardo
La celebrazione presieduta dal vescovo Lazzeri ha avuto luogo nella Chiesa di San Nicolao a Besso
CANTONE
20 ore
Un luglio piovosissimo
Record storico in molte regioni. In valle Bavona 592 litri per metro quadro
LUGANO
27.01.2021 - 18:260
Aggiornamento : 21:17

«Abbiamo bisogno di quest'opera»

Dopo l'annunciato referendum dell'Mps, Roberto Badaracco interviene in difesa del nuovo stadio di Cornaredo

Il municipale: «I costi sono più bassi di quanto si dice. E l'indotto sarà importante, in un momento di crisi economica»

LUGANO - Sarà referendum sul futuro Polo Sportivo di Lugano. Oggi l'Mps ha annunciato che chiamerà i cittadini ad esprimersi sul progetto: «troppo costoso e sproporzionato» per il Movimento. «Necessario e urgente» invece per il municipale Roberto Badaracco, che corre in difesa dell'opera a nome del Municipio. «Senza il nuovo stadio - dice - retrocederà tutta la città». 

Badaracco, come ha preso il "tiro" dell'Mps?

«Non me l'aspettavo, sinceramente. Anche perché i tempi sono precoci. Il Consiglio comunale non si è ancora espresso sul progetto, voteremo a marzo. Si lancia un referendum su qualcosa di non ancora approvato». 

Una giocata d'anticipo, in vista di un'approvazione probabile. 

«In vista anche delle elezioni comunali, credo. Non siamo ingenui: le votazioni si avvicinano, e i partiti vogliono profilarsi davanti all'opinione pubblica. Per carità, il referendum è uno strumento democratico, ed è anche giusto che la popolazione si esprima su un argomento così importante».

Crede che il referendum passerà?

«È possibile. In questo momento di pandemia, di crisi economica, è facile far passare messaggi di risparmio. Invece è proprio in questi momenti che l'ente pubblico dovrebbe intervenire, con investimenti che abbiano una ricaduta importante sul territorio, come in questo caso».

Sugli importi c'è un certo dibattito. L'Mps parla di 350 milioni complessivi. 

«La cifra non è corretta. La spesa prevista a carico della Città è di 140-160 milioni al massimo. A questi si aggiungono gli investimenti privati, per un totale di 250 milioni». 

Comunque un bel colpo, per le casse comunali. 

«Siamo in linea con i costi di altre strutture analoghe in Svizzera, abbiamo fatto dei confronti. Per la Città la spesa sarebbe comunque dilazionata in 27 anni. È vero, sono comunque soldi, ma di nuovo: è il momento di spenderli». 

Lugano ha bisogno di quest'opera?

«Decisamente sì. Negli ultimi anni a livello sportivo abbiamo perso molti punti, e se ci fermiamo rischiamo ancora di più. L'Fc Lugano potrebbe non esistere più o comunque uscirebbe dalla Super League, per non conformità delle attuali strutture. Perderemmo anche il basket, il volley e tutti gli sport al coperto. Non vogliamo raggiungere una situazione di super-lusso, ma un adeguamento minimo delle strutture».

Una compensazione per la partita dell'aeroporto?

«Abbiamo bisogno di dare un segnale importante. Sul fronte di Lugano Airport la Città intende disimpegnarsi, sgravandosi della maggior parte delle spese, affidando ai privati la struttura. Qualche risorsa potrà essere sbloccata per essere impiegata su altri fronti. Fermo restando che la partita dell'aeroporto è comunque aperta e procederemo a sottoporre al Consiglio comunale i team che secondo noi meritano di giungere alla fase di trattativa più approfondita. Sui voli di linea la partita è ancora aperta».

In definitiva, il referendum la impensierisce?

«Un referendum non è mai da prendere sotto gamba. Ci sono diversi elementi all'interno della sinistra e dei liberali che hanno espresso delle critiche. Ma confido che la popolazione sappia che è un progetto a favore di tutti, e di cui abbiamo bisogno». 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-02 08:20:26 | 91.208.130.86