Città Locarno
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Gli alpeggi scivolano (ancora) sul burro
Il Laboratorio cantonale definisce «globalmente buona» la produzione casearia ticinese, ma...
MELIDE
2 ore
Melide investe nell'energia solare
Ecco un'iniziativa volta a promuovere gli impianti fotovoltaici sui tetti della località luganese
CANTONE
3 ore
Viticoltura ticinese, i premi di Ticinowine 2021
Il direttore dell'Agenzia turistica ticinese è stato omaggiato per il sostegno dato al settore.
CANTONE
4 ore
Nel weekend 54 contagi in Ticino
Nessuna nuova classe in quarantena. Il bollettino del medico cantonale
CHIASSO
4 ore
Lavori a Chiasso, strada chiusa
Dal 27 ottobre e fino a nuovo avviso via Livio non sarà percorribile.
CANTONE
4 ore
Abbattuti oltre 1'600 cervi, ma non è sufficiente
Il bilancio della caccia alta 2021 che ha avuto luogo lo scorso mese di settembre
FOTO
CANTONE
4 ore
Sette milioni contro il maltempo
Il credito servirà per opere di protezione contro i pericoli naturali sulle strade cantonali.
CANTONE
4 ore
Cosa fa il Cantone per l'ambiente?
Tante cose in realtà. E da oggi, saranno tutte raccolte su una piattaforma web
CANTONE / BERNA
5 ore
Il Covid ci ha "tolto" circa due anni di vita
Il Ticino è tra i cantoni che hanno registrato la diminuzione maggiore dell'aspettativa di vita.
CANTONE
7 ore
«Pagare i tamponi ai dipendenti cantonali non è un controsenso?»
L'interpellanza di Massimiliano Robbiani sulla decisione del Cantone di pagare i test al personale non vaccinato
LUGANO
8 ore
«Quanto è meno stressante partorire a casa»
Nel Ticino dove non si nasce più, una levatrice racconta di un "nido" in controtendenza
POLLEGIO
18 ore
Due auto si scontrano lateralmente
L'incidente è avvenuto questa sera attorno alle 18:00
LOCARNO
22.01.2021 - 11:090

Ecco la prima vaccinata del Fevi

La campagna vaccinale anti-Covid è scattata ieri: la prima a ricevere il preparato è stata la signora Silene Fasnacht.

Il sindaco di Locarno Alain Scherrer: «Al centro restano le persone e la necessaria ripresa delle relazioni affettive e sociali. Per questo la campagna vaccinale è diventata uno dei compiti prioritari dell’Amministrazione».

LOCARNO - Ha preso il via ieri presso il FEVI la campagna vaccinale comunale anti-COVID di Locarno. La prima persona ad aver ricevuto il vaccino è stata la signora Silene Fasnacht. «Al centro restano le persone, e la necessaria ripresa delle relazioni affettive e sociali», ha commentato soddisfatto il sindaco Alain Scherrer.« Per questo la campagna vaccinale è diventata uno dei compiti prioritari dell’Amministrazione, e ci stiamo impegnando molto per eseguirlo nel modo più umano, semplice e sicuro possibile».

Fevi rimodellato - Una priorità, si diceva. E proprio per questo i servizi dell’Amministrazione comunale - unitamente alla Protezione Civile e alle maestranze - hanno lavorato alacremente negli ultimi giorni per permettere di accogliere nel migliore dei modi le prime persone desiderose di ricevere il vaccino anti-Covid negli spazi del palazzetto. «Sono stati creati un percorso semplice e unidirezionale, i box per la somministrazione delle dosi, ampliate le linee di telecomunicazione, disposto l’occorrente per il personale sanitario e per la regolare pulizia, disposte le sedie per il riposo necessario dopo l’iniezione». L’obiettivo delle autorità di Locarno è semplice: «Vogliamo fare in modo che chiunque giunga per la vaccinazione - nella fattispecie, le fasce d’età dagli 80 anni in su - si senta accolto e accompagnato con sensibilità e attenzione verso i suoi bisogni».

«Un modo per uscire da un periodo triste» - E ieri pomeriggio, attorno alle ore 14.00, tutto era quindi pronto per accogliere le prime persone che si erano volontariamente annunciate nelle scorse settimane per ricevere il vaccino. La prima, come detto, è stata la signora Silene Fasnacht. Giunta con il compagno, ha prontamente risposto alle domande di rito che precedono l’iniezione, come «Acconsente a ricevere il vaccino?». A questa ha risposto divertita: «Ma sono venuta apposta». Terminata l’iniezione in pochi istanti, la signora Fasnacht è rimasta nel box ad attendere il suo compagno e poi entrambi sono passati alla zona di riposo, dicendo di sentirsi bene: «È un periodo triste, forse così ne usciremo tutti prima».

Prime venti dosi - Nella giornata di ieri sono state somministrate circa 20 dosi del vaccino, da parte dei due dottori Daniel Loustalot e Diego Pellini che si sono messi a disposizione l’importante compito. Nei prossimi giorni si procederà analogamente, compatibilmente con la disponibilità delle dosi e le decisioni dell’Autorità cantonale, per tentare di rispondere a tutti i circa 470 ultraottantenni residenti a Locarno che si sono annunciati per poi proseguire al resto della popolazione.

Tutti i servizi cittadini - La campagna vaccinale, come sottolineato anche dal sindaco, è diventata una priorità per l’Amministrazione comunale, e vi sarà il massimo impegno affinché vi sia una gestione il più accurata possibile. Le autorità cittadine precisano infine che proseguono pure le attività della Cellula comunale Covid per la gestione delle problematiche sorte sul territorio comunale, l’intenso lavoro del centralino per le prenotazioni del vaccino (091 756 34 92), il servizio per la spesa (091 756 34 91) e le regolari chiamate agli anziani soli.

Città Locarno
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pardo54 9 mesi fa su tio
Non ti vaccini? Libero di farlo. Ti becchi il virus: cavoli tuoi e assumiti le spese di cura.
pillola rossa 9 mesi fa su tio
Nel nome del padre, del figlio e del vaccino santo. Amen.
Calotta Polare 9 mesi fa su tio
@pillola rossa Quindi non approvi il vaccino, non sei d'accordo con l'obbligo della mascherina, eri contrario alle misure di confinamento. Sono solo curioso di capire che soluzioni immagini? Malgrado tutte le misure abbiamo visto il numero enorme di vittime. Avresti lasciato correre tutto come se nulla fosse? Non possiamo immaginare che si sarebbe arrivati a cifre di vittime ancora più drammatiche?
pillola rossa 9 mesi fa su tio
@Calotta Polare Mettere in atto le giuste cure invece che applicare alla lettera le indicazioni OMS (che si sono rivelate sbagliate), sostenere i medici di famiglia, incentivare le cure a domicilio, diminuire la paura creata a dismisura. Lavorare sul sistema immunitario invece che sulla sintomatologia. Più il virus viene trasmesso, più si indebolisce perché il sistema immunitario lo modifica. Accettare che la vita ha una fine e quando non si può più fare nulla permettere una morte dignitosa.
OrsoTI 9 mesi fa su tio
E perche ridicoli?
jumpgum 9 mesi fa su tio
Ridicoli
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 14:14:57 | 91.208.130.87