Glamilla
Luca Musarra, responsabile del progetto in Ticino
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Suter: «Decisioni incongruenti che non aiutano. Ma siamo pronti»
Il vice presidente di GastroSuisse sulle misure ticinesi anti covid: «Stanno strette, ma meglio di un lockdown».
CANTONE
2 ore
L'appello: «La stampa ci aiuti a correggere la disinformazione»
In Italia si è parlato di Svizzera che nega la rianimazione agli anziani. L’intervento del dr. Paolo Merlani
FOTO
LUGANO
2 ore
Incendio alla cava di Noranco
Sul posto i Pompieri di Lugano. Non sono note al momento le cause del rogo.
CANTONE
3 ore
Gli studenti invocano la chiusura delle scuole
Una petizione in questo senso è stata lanciata da alcuni ragazzi del CPS di Lugano.
AGNO
3 ore
Veicolo in fiamme, disagi al traffico in zona Vallone
La circolazione stradale è difficoltosa in entrambe le direzioni.
CANTONE
4 ore
Il coronavirus fa breccia in altre due strutture
Nuovi casi alla Santa Lucia di Arzo e alla Casa Don Orione di Lopagno
CANTONE
5 ore
Il settore turistico ticinese si prepara al 2021
L'incertezza legata all'emergenza sanitaria implicherà più attenzione verso i Paesi europei e il mercato interno.
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
«Edili costretti a pagare il prezzo di una cattiva gestione»
Il duro attacco di Syna contro Implenia: «Vogliono solo assicurare agli azionisti un rendimento dei titoli superiore».
MENDRISIO
6 ore
Altri "alberi della vita" adornano l'Adorna
Si è svolta lo scorso weekend la seconda cerimonia simbolica, questa volta dedicata ai bambini nati nel 2019.
FOTO E VIDEO
CANTONE
6 ore
Il Ticino ha messo la mascherina (anche all'aperto)
La telecamera di tio/20minuti è andata tra la gente per capire come è stato accolto il provvedimento
CONFINE
7 ore
I lombardi scappano in Svizzera
La locomotiva italiana è diventata terra di emigrazione. Verso la Svizzera soprattutto. Lo dice uno studio
CANTONE
7 ore
Incontra uno scrittore, terza edizione
All’edizione pilota di settembre-dicembre 2019 hanno aderito 44 sedi scolastiche di ogni ordine.
CANTONE
7 ore
Tassisti in attesa del colpo di grazia
La categoria guarda con preoccupazione al proprio futuro, in particolare ora che è arrivata la seconda ondata
CANTONE
18.10.2020 - 19:290

Le testimonianze della pandemia in una banca dati

Il coronavirus ha stravolto la nostra quotidianità e il progetto Corona-Memory.ch vuole raccontare questo fenomeno

«È fondamentale che le memorie relative a questa pandemia non vadano perse, ma che al contrario vengano conservate per un periodo a lungo termine» spiega Luca Musarra, student assistant all'Usi

di Redazione
Serena Perrone

LUGANO - L’iniziativa nasce durante il lockdown e si propone di essere una banca digitale. Corona-Memory.ch è quindi un archivio partecipativo che raccoglie testimonianze personali sulla pandemia di coronavirus in Svizzera. L’obiettivo è realizzare un luogo di memoria collettiva e di trasmettere, oggi e in futuro, le esperienze vissute in questa situazione di emergenza. Luca Musarra, student assistant all’Usi, racconta questo ambizioso progetto.

Come nasce l’iniziativa?
«È frutto di una collaborazione tra le Digital Humanities dell’Università di Berna, infoclio.ch, un’associazione che si occupa di scienze storiche della Svizzera, e l’Istituto Media e Giornalismo (IMeG) dell’Usi. IMeG e infoclio.ch negli anni hanno consolidato un forte rapporto caratterizzato da interessi comuni che spaziano tra la storia, i media e la comunicazione».

Quali sono le ragioni dietro la creazione di questa banca digitale?
«È fondamentale che le memorie relative a questa pandemia non vadano perse, ma che al contrario vengano conservate per un periodo a lungo termine. Un'altra ragione riguarda la ricerca scientifica e storica. Questo tipo di archivi rappresentano nuove forme di fonti nel tempo per dare la possibilità a generazioni e studiosi futuri di poter analizzare il periodo che stiamo vivendo».

Qual è stata la risposta del pubblico?
«Con il tempo, la popolazione ha compreso l’importanza del progetto. Le persone ci hanno sostenuti e ci continuano a sostenere, mandando contributi online e scrivendo cartoline. In molti, poi, ci hanno fatto i complimenti per la bella idea. Dare un contributo è volontario e anonimo, ogni persona è libera di lasciare un pensiero o un ricordo».

Quanti contributi sono stati raccolti finora?
«Abbiamo raccolto oltre 400 contributi. Per quanto riguarda la ripartizione tra le lingue nazionali, sono stati scritti 41 testi in italiano, 260 in tedesco e 113 in francese. È interessante, quindi, notare come questi numeri rispecchino assai precisamente le rispettive proporzioni delle lingue parlate in Svizzera».

Quali sono le tematiche trattate?
«Molti contributi raccontano delle lezioni online, altri parlano delle difficoltà riscontrate stando a casa o nella ripresa delle attività dopo il lockdown. Tuttavia, la maggior parte delle testimonianze esprime la forte resilienza davanti alle avversità. Difatti sono presenti anche sentimenti positivi come, ad esempio, il racconto di escursioni in montagna, la riscoperta del tempo libero, le tante attività creative che si possono fare in casa, e pochi sentimenti negativi sulla paura della malattia e sulle sue possibili conseguenze».

Siete presenti anche sui principali social media.
«Settimanalmente, ci soffermiamo su alcune tematiche emerse dal sito scegliendo i contenuti più interessanti da pubblicare sulle nostre pagine social (Twitter, Facebook e Instagram). Gli argomenti sviluppati finora sono relativi alla misurazione della temperatura, all'obbligo d'indossare la mascherina, all’organizzazione degli eventi in tempi complicati come questi. Abbiamo anche affrontato il tema del volontariato e della donazione di cibo». 

«Cerchiamo testimonianze di persone comuni»
Al contrario di ciò che si potrebbe pensare, i contributi raccolti non sono solamente digitali ma anche analogici. «Abbiamo stampato una serie di cartoline postali che servono a pubblicizzare meglio il progetto e a condividere con noi un pensiero o un ricordo personale, chiaramente anche in anonimato», ci spiega Luca Musarra. «Noi successivamente digitalizziamo la cartolina e la pubblichiamo sul nostro sito». Luca sottolinea anche la volontà del progetto di dare la possibilità a tutti i cittadini di partecipare. «In questo periodo si è chiesto a istituzioni pubbliche o a personalità di spicco di raccontare la realtà che stiamo vivendo. Noi, al contrario, coinvolgiamo le persone comuni invitandole a condividere la propria esperienza personale». Chi volesse partecipare al progetto è ancora in tempo, può lasciare il proprio contributo visitando il sito web Corona-Memory.ch.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
toro75 1 sett fa su tio
Bravo Luca
Granit Baqaj 1 sett fa su fb
Ottimo lavoro Luca! 👌
albertolupo 1 sett fa su tio
Va bene. Bravi. Però “student assistant” non si può dire “assistente”?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 22:47:29 | 91.208.130.85