deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
La ristorazione chiede chiarezza
Il settore confrontato con l'obbligo del certificato Covid è preoccupato per il futuro
FOTO
BREGGIA
8 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
10 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
CANTONE
11 ore
Le ultime tappe della vaccinazione on the road
Ecco i nuovi appuntamenti, anche in farmacia. Nel frattempo il 66% dei ticinesi ha ricevuto almeno una dose
LUGANO
11 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LOCARNO
11 ore
Salute, la riabilitazione fa tappa a Locarno
Studiosi e specialisti della medicina riabilitativa in simposio venerdì
MENDRISIO
12 ore
Nuova linfa per la microbiologia ticinese
Il nuovo Istituto della SUPSI sarà attivo in seno al Dipartimento ambiente costruzioni e design.
CANTONE
12 ore
Lavori di pavimentazione tra i Mulini di Piandera e Maglio di Colla
Il tratto di strada cantonale sarà chiuso il prossimo 2 ottobre dalle 7.30 alle 18.
FOTO
LUGANO
13 ore
Tre quartieri, duemila presenze
Teatro della manifestazione la nuovissima corte del Campus Est a Viganello.
MASSAGNO
14 ore
Ecco i vincitori del concorso di Scollinando
Venti fortunati partecipanti alla manifestazione di fine giugno sono stati premiati negli scorsi giorni a Massagno.
LUGANO
15 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
LUGANO
16 ore
Di corsa (ma anche camminando) in vetta al San Salvatore
Dopo 15 anni ieri si è tenuto il San Salvatore Trail, aperto anche agli amanti del walking popolare.
CANTONE
16 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
17 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
CANTONE
29.09.2020 - 23:140
Aggiornamento : 05.10.2020 - 12:23

Presunti contagi, Locarno in testa: «Non sappiamo spiegarlo»

Luca Crivelli, Co-Responsabile del progetto Corona Immunitas Ticino: «Questa differenza sarà oggetto di studio»

Sul dato dell'11%: «È un po' più elevato rispetto a quello rilevato dal medico cantonale. L'epidemia nel frattempo non si è fermata»

LUGANO - Sarebbero circa 23 mila gli adulti residenti in Ticino (su un totale di circa 210'000) che a oggi sono entrati in contatto con il virus SARS-CoV-2. È quanto emerge dalla prima fase dello studio Corona Immunitas in Ticino, che si prefigge l’obiettivo di misurare la diffusione del Coronavirus, ma anche lo sviluppo dell’immunità, l’impatto sociale, economico e le conseguenze dell’epidemia sulla salute, mentale e fisica della popolazione ticinese.

«Una semplice proporzione» - Ma come è stato ricavato questo dato?  «Abbiamo applicato il dato emerso dal campione di popolazione preso in analisi al numero di persone che in Ticino hanno quella stessa età, quindi dai 20 ai 64 anni. Insomma, è una semplice proporzione», spiega Luca Crivelli, economista specializzato in salute pubblica e Co-Responsabile del progetto Corona Immunitas Ticino. «Laddove il dato è sufficientemente rappresentativo e robusto, il risultato - nel nostro caso questo 11% che equivale alle persone entrate potenzialmente in contatto con il virus -, dovrebbe essere reale anche rapportato alla popolazione totale», prosegue l’esperto.

Niente a che vedere con i tamponi - Per Crivelli, il risultato di sieroprevalenza e quello dei tamponi non sono paragonabili. «Da una parte abbiamo i tamponi effettivamente realizzati, con i relativi positivi. Questa è la contabilità che tutti noi conosciamo e che ad oggi riferisce di 3’640 contagi dall’inizio della pandemia. Dall’altra c’è il nostro studio, che prende in esame tutto, dagli asintomatici a quelli che il virus l'hanno contratto, sono guariti e presentano solo gli anticorpi». E il cui risultato, non è poi così lontano da quello ottenuto con lo studio effettuato in precedenza dall’Ufficio del medico cantonale. «In quel caso si registrava un dato pari al 9%. Che non era così lontano dalla cifra che abbiamo ottenuto noi». 

Le differenze, per l’esperto, sono da rintracciare sostanzialmente in due fattori.  «Il nostro dato l’abbiamo ottenuto grazie a un test un po’ più affidabile e soprattutto l’abbiamo effettuato a distanza di alcuni mesi. Il primo risaliva ad aprile, il nostro alla fine di luglio. Evidentemente la pandemia si è ulteriormente estesa in questo lasso di tempo». 

Differenze Locarno/Bellinzona «da chiarire» - A sorprendere, nei risultati dello studio Corona Immunitas, vi è anche la sostanziale differenza tra i positivi registrati a Locarno (15%) e a Bellinzona (10%). Che al momento non trova giustificazione. «Le persone potevano scegliere dove andare a farsi prelevare il sangue. Quindi non siamo neanche in grado di capire se siano soggetti che in quelle località ci abitano o vi lavorano, o ancora erano lì per altre ragioni», spiega Crivelli. «In ogni caso sono dati ancora molto freschi e sicuramente dovremo plausibilizzarli con una serie d'ipotesi. Al momento non siamo ancora nelle condizioni di commentare questa differenza, che sarà però oggetto di analisi nelle prossime settimane da parte del nostro team di ricerca». 

Ora tocca ad anziani e bambini - Insomma, c’è ancora molto da fare. E questa, per i ricercatori che si stanno occupando dello studio, è solo una delle tante sfide prefissate per i prossimi mesi: «Adesso si va avanti con la seconda fase del test. Per noi è importante incoraggiare le fasce della popolazione degli adolescenti e bambini, quindi sotto i 20 anni, e quella degli anziani, sopra i 64 anni. Sarà importante una buona partecipazione, specie dei più anziani sui quali le informazioni attualmente esistenti sono davvero poche. Vogliamo studiare le relazioni tra le generazioni per vedere se e come si sono sviluppati i contagi. Per questo chiediamo ai bambini di portare nello studio un parente anziano, ad esempio un nonno. E chiediamo agli anziani di portare un nipote o comunque una persona giovane con cui hanno avuto un contatto». 

Su quali numeri è stata condotta la prima fase dello studio.

A partire da luglio 2020, 8'000 persone residenti in Ticino di età compresa tra i 5 e i 104 anni sono state estratte a caso dall’Ufficio federale di statistica per partecipare allo studio Corona Immunitas Ticino. Di queste 8’000, un quarto (2’000) sono bambini o adolescenti sotto i 20 anni, un quarto sono anziani sopra i 64 anni. Dei 4’000 adulti selezionati, hanno risposto circa 1’300 persone che continuano a rispondere online ai questionari settimanali e mensili sull’evoluzione dell’epidemia e su come il suo impatto si modifichi nel tempo. Il test sierologico è stato eseguito su oltre la metà dei partecipanti (647).

Con il nostro 11% siamo sostanzialmente a livello di Ginevra, che ci segue da vicino. Nel Canton Vaud si è registrata una sieroprevalenza del 7%, a Basilea del 4% mentre a Zurigo la stessa scende al 3%.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 03:01:19 | 91.208.130.86