tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
8 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
MAGADINO
11 ore
Cinque nuovi allievi piloti
A Magadino si sono svolte le selezioni finali. Tra 14 finalisti è stato scelto anche un ticinese
FOTO
LUGANO
13 ore
Incidente in via Brentani a Lugano
Scontro tra due auto. Una è finita contro un palo della luce
CANTONE
14 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
BELLINZONA
14 ore
Un altro passo verso il nuovo ospedale
In pubblicazione a Bellinzona la variante di PR “Infocentro-Saleggi”
Attualità
16 ore
Come ci ha cambiati la pandemia?
Una campagna fotografica racconta i ticinesi al tempo del Covid. La mostra al Centro di dialettologia
CANTONE
18 ore
Una giornata tutta dedicata al Pedibus
Si è svolta oggi, anche in Ticino. A Torricella-Taverne i bambini hanno avuto degli ospiti d'eccezione
LUGANO
19 ore
Voglia di pulire, raccolti 200 chili di rifiuti
Quarantacinque volontari in lotta contro il littering
CUGNASCO-GERRA
19 ore
Duecentosei firme contro la canapa «che puzza»
La petizione è stata consegnata oggi al Municipio di Cugnasco-Gerra
LUGANO
19 ore
Lugano si prepara a celebrare l'autunno
Avrà luogo dal 1. al 3 ottobre prossimi la Festa d'autunno. Nei grottini solo col certificato Covid
CANTONE
20 ore
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
CANTONE
21 ore
Palazzo delle Orsoline e la foca si tingono di arancione
L'iniziativa avrà luogo questa sera per sottolineare la settimana d'azione “Sicurezza dei pazienti 2021”
FOTO
BIASCA
21 ore
Scontro tra due auto vicino allo svincolo di Biasca
L'incidente si è verificato questa mattina. Fortunatamente non si registrano feriti
CANTONE
29.09.2020 - 11:390
Aggiornamento : 15:51

23 mila ticinesi sono entrati in contatto con il virus

Primi risultati dello studio Corona Immunitas sulla sieroprevalenza del virus SARS-CoV-2 nella popolazione ticinese.

Il dato più alto a Locarno (15%). Ma la presenza di anticorpi al SARS-CoV-2 è stata rilevata nell’11% del campione in Ticino.

LUGANO - Tra i circa 210'000 adulti residenti in Ticino circa 23'000 sarebbero a oggi entrati in contatto con il virus. È questo il risultato dello studio Corona Immunitas Ticino, il cui scopo era misurare la diffusione del virus SARS-CoV-2, lo sviluppo dell’immunità, l’impatto sociale, economico e le conseguenze dell’epidemia sulla salute, mentale e fisica della popolazione ticinese.

Il test - A partire da luglio 2020, ottomila persone residenti in Ticino di età compresa tra i 5 e i 104 anni, ed estratte casualmente dall’Ufficio federale di statistica, sono state progressivamente invitate a partecipare al test.

Ciò che è emerso è che solo poco più di 2'000 casi sono stati notificati nel nostro Cantone dall’inizio dell’epidemia.

La prima fase - Di fatto, alla prima fase dello studio, rivolta alla popolazione degli adulti di età compresa tra i 20 e i 64 anni, hanno aderito 1'300 persone che continuano a rispondere online ai questionari settimanali e mensili sull’evoluzione dell’epidemia e su come il suo impatto si modifichi nel tempo. Il test sierologico è stato eseguito su oltre la metà dei partecipanti (647).

Il dato più alto a livello nazionale - Lo studio Corona Immunitas a livello nazionale impiega lo stesso test, gli stessi metodi e le stesse procedure, consentendo così di confrontare i risultati del Ticino con quelli degli altri cantoni. La presenza di anticorpi al SARS-CoV-2 è stata rilevata nell’11% del campione in Ticino. Si tratta del dato più alto a livello nazionale.

Nel dettaglio - Più nel dettaglio, nel Canton Vaud si è registrata una sieroprevalenza del 7%, a Basilea del 4% mentre a Zurigo la stessa scende al 3%. Un altro dato interessante riguarda la diversità regionale della sieroprevalenza sul territorio ticinese: se a Locarno il dato è di poco superiore al 15%, a Bellinzona si attesta attorno al 10%, e le altre zone si situano invece a metà tra queste due cifre.

 Guardando a questi dati ancora più nel dettaglio per fasce di età, in Ticino le donne tra i 20 e i 35 anni hanno una sieroprevalenza che sale al 18%, mentre per gli adulti fra i 50 e i 64 anni (sia uomini che donne) si situa intorno al 10%.

Il confronto con i dati dell'Ufficio del medico cantonale - È inoltre possibile effettuare un confronto con i risultati dello studio condotto dall'Ufficio del medico cantonale tra maggio e luglio (corrispondenti alla Fase 1 della pandemia), che ha però utilizzato un test diverso. Questo aveva messo in evidenza una sieroprevalenza dell’ordine del 9%. Ciò significa che più di due persone su cento sarebbe nel frattempo entrate in contatto con il virus, il che si tradurrebbe a livello della popolazione ticinese in oltre 4’000 persone tra i 20 e i 64 anni di età.

Le prossime tappe del progetto Corona Immunitas Ticino - Il risultato di sieroprevalenza tra gli adulti rappresenta la prima tappa di un lungo cammino. Corona Immunitas Ticino infatti prosegue. 

Inoltre, a partire da settembre 2020 è iniziata la seconda fase del progetto, che prevede il coinvolgimento di 2’000 persone di età inferiore ai 20 anni e 2'000 dai 65 anni di età in su. Su queste due fasce della popolazione si sa ancora molto poco. Per questo motivo a tutti i partecipanti viene offerta la possibilità di invitare a far parte dello studio persone di età inferiore ai 20 anni o superiore ai 65, con cui hanno avuto contatti regolari negli ultimi mesi.

Un test di altissima qualità

Per misurare la presenza degli anticorpi contro il SARS-CoV-2 nel sangue, lo studio impiega un test sierologico sviluppato dal Centre hospitalier universitaire vaudois (CHUV) in collaborazione con la Scuola politecnica federale di Losanna (EFPL), e il Centro svizzero per la ricerca sui vaccini.

I campioni di sangue sono stati prelevati a luglio presso gli ospedali dell’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) sulle persone che fanno parte del campione statisticamente rappresentativo. I test sierologici sono poi stati eseguiti dall’Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), affiliato all’USI, e dal Laboratorio di microbiologia applicata della SUPSI, e ripetuti nei laboratori del CHUV. I campioni risultati positivi alla ricerca degli anticorpi indicano i partecipanti che sono stati infettati dal virus e che hanno sviluppato una risposta immunitaria.

L’iniziativa è guidata dalla Swiss School of Public Health (SSPH+) di cui sono membri fondatori USI e SUPSI, ed è supportata dall’Ufficio Federale della Sanità Pubblica, da diversi Cantoni e numerose aziende.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 07:50:50 | 91.208.130.85