Tornare in sala non è affatto una passeggiata ma “Tenet” un pochino aiuta
Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
1 ora
Turisti del tampone, oltre frontiera per risparmiare
In Germania costa 14 euro, in Italia 15. Ma c'è chi per i ticinesi rialza il prezzo anche del 60 per cento
LUMINO
1 ora
A Lumino si chiedono notti meno luminose
Presentata una petizione per continuare a spegnere l'illuminazione pubblica dalle 00:15 alle 05:15.
CANTONE
2 ore
Pareggio dei conti: «Uno schiaffo alle giovani generazioni»
I Verdi prendono posizione dopo la decisione dei Gran Consiglio di approvare l'iniziativa sul risanamento delle finanze.
CANTONE
2 ore
Covid, i pazienti in cure intense salgono a due
I ricoverati a causa del virus restano nove.
CANTONE
3 ore
Meno auto, moto, bus e treni (ma più biciclette)
Il Dipartimento del territorio ha pubblicato oggi il rapporto "La mobilità in Ticino nel 2020".
LOCARNO
4 ore
«Volevo aiutare i "piccoli" a sopravvivere»
Economia e Covid: ecco come e perché Katia Roncoroni, 50enne di Losone, si è reinventata influencer marketing.
CANTONE
6 ore
Meno di 30 anni e già con il fegato compromesso
La pandemia ha acutizzato le dipendenze da alcol, che possono sfociare in gravi problemi di salute.
CANTONE
16 ore
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
18 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
BELLINZONA
19 ore
Settimana bianca: «Decide il Municipio, non i direttori»
Il Municipio precisa di non aver ancora preso alcuna decisione: «Valutiamo decine di misure sul Preventivo 2022».
LUGANO
20 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
CANTONE
26.08.2020 - 08:020

Tornare in sala non è affatto una passeggiata ma “Tenet” un pochino aiuta

Il Covid forse ha cambiato per sempre il nostro rapporto con il cinema ma l'ultimo film di Nolan vuole dire la sua

LUGANO - Impossibile negarlo, per quanto possa essere grande una sala, per quanto tutte le misure di sicurezza e le distanze possano essere rispettate, trovarsi in uno spazio chiuso con numerosi sconosciuti resta un'esperienza che non lascia proprio sereni.

È una barriera, questa, senza dubbio figlia della pandemia e dei comportamenti e delle consuetudini che ci siamo imposti per fronteggiare il contagio. Una sorta di imprinting che non è ancora chiaro per quanto ci accompagnerà ma che, nel presente, è ancora ben vivo.

Per questo tornare in sala al cinema ieri sera, per vedere "Tenet" di Christopher Nolan non è stata una passeggiata per me, e immagino non lo sia stato nemmeno per gli altri invitati all'anteprima (compreso un manipolo di fortunati lettori di tio.ch e 20 minuti).

Malgrado le distanze di sicurezza, lo spazio enorme e il tracciamento obbligatorio (via app) la tendenza di guardare un po' storto chi ti sta troppo vicino resta. E anche i colpi di tosse e gli starnuti, che una volta avrebbero dato solo fastidio, in un contesto come questo finiscono per preoccupare un pochino.

La sensazione che il coronavirus possa aver cambiato per sempre il nostro modo di rapportarci con il cinema, inteso come il cinematografo, è ben presente e difficile da mandare via. Anche se il film fa davvero tutto il possibile per convincerci del contrario, e un po' forse ci riesce anche.

"Tenet", di Christopher Nolan (che ricordiamo per filmoni come "Dunkirk", "Inception" ma anche la trilogia del "Cavaliere Oscuro") è un po' quella pietra fondate su cui Hollywood spera di ricostruire il suo dopo-Covid. 

E ha tutte le carte in regola: è roboante (pure troppo), spettacolare, girato benissimo e con un cast di gran carisma. È anche arzigogolato quanto basta per stimolare la discussione fra il pubblico e, chi lo sa, riportarlo di nuovo in sala una seconda volta.

Difficile svelare trama e intreccio senza rovinare il fondamentale elemento sorpresa. Basti sapere che si tratta di un film d'azione e spionaggio con una forte componente fantascientifica.

L'elemento chiave di tutto è il tempo e il suo scorrere. È un film che si diverte a sovvertire le aspettative dello spettatore, a spremergli le meningi e a imbarazzarlo spingendolo fuori dalla sua comfort zone. Un po' come "Inception".

Funziona? Più o meno. Si sa che la questione temporale è sempre spinosa e va trattata con le pinze per non fare una frittata. In "Tenet" diciamo che quest'ultima è evitata, almeno per metà. Alla fine delle due ore e mezza i bandoli della matassa saranno ancora tutti da trovare (sempre che poi ci siano davvero). E forse va bene anche così.

Buono il cast, con un John David Washington (figlio di Denzel) alla sua seconda prova di peso e sicuro dei suoi mezzi (soprattutto sul versante action) e un Robert Pattinson decisamente inedito. Ci è piaciuta molto anche la longilinea Elizabeth Debicki e il veterano Kenneth Branagh nel ruolo dell'irredimibile cattivone.

Ma più che i personaggi risultano memorabili le situazioni incredibili e le "missioni impossibili" dei protagonisti. Dinamica, come è giusto attendersi da Nolan, la regia e sfolgorante la fotografia. State sicuri che, per quanto lungo, il film non vi annoierà.

Basterà per riportare la gente in sala? È presto per dirlo, anche perché cinema in Ticino riaprono questa sera, ma noi senz'altro ce lo auguriamo.

"Tenet", per la regia di Cristopher Nolan e distribuito da Warner Bros. sarà nei cinema ticinesi a partire da questo mercoledì 26 agosto.

Keystone
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 12:41:58 | 91.208.130.87