Archivio Keystone
CANTONE / SVIZZERA
23.07.2020 - 08:460

Fuochi d'artificio dall'estero: non tutto è ammesso

L'Amministrazione federale delle dogane ricorda le disposizioni sulle importazioni di pezzi pirotecnici

BELLINZONA / BERNA - I festeggiamenti per la festa nazionale sono ormai alle porte. E come ogni anno, non manca chi si prepara ad acquistare fuochi d'artificio. Anche all'estero. Ecco dunque che l'Amministrazione federale delle dogane mette in guardia sulle importazioni: i privati possono acquistare all'estero fino a un peso complessivo di 2,5 chilogrammi lordi a persona di pezzi pirotecnici, «a condizione che i fuochi d'artificio siano ammessi in Svizzera».

 

Fuochi d’artificio non ammessi - I fuochi d’artificio che esplodono a terra generalmente non sono ammessi all’importazione. È inoltre vietata l’importazione di “lady cracker” che superano i 22 millimetri di lunghezza (7/8 pollici) e/o i 3 millimetri di diametro (1/8 pollici).

Sequestro e denuncia possibili - Se al momento dell’importazione vengono constatati fuochi d’artificio vietati o se manca la relativa autorizzazione, la merce viene sequestrata. Le infrazioni alla legge federale sugli esplosivi vengono denunciate al ministero pubblico competente.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 15:04:33 | 91.208.130.87