Rescue Media
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE / CANTONE
1 ora
Polemiche sullo sconto benzina, la Regione reagisce
C'è un accordo bilaterale tra Lombardia e Svizzera, la diminuzione non dipende dalla politica, spiega Fabrizio Turba
CANTONE
2 ore
Cinque nomi per la Commissione cerca del PLRT
A presiedere il gruppo che dovrà individuare la nuova presidenza è Alex Farinelli
LUGANO
4 ore
Un autunno alla scoperta del mondo digitale
Il ricco programma ideato da Lugano Living Lab è stato svelato oggi a Palazzo Civico.
GORDOLA
4 ore
Un 34enne scompare sui Monti di Motti
Si chiama Aurèle Donis, di Ginevra, ed è stato visto per l'ultima volta attorno alle 10 di questa mattina
CANTONE
5 ore
Ecco i "sorvegliati speciali" dei radar
I radar la prossima settimana saranno sistemati un po' ovunque.
CANTONE
5 ore
Esercito: promossi quattro ticinesi
Uno ha ricevuto i gradi di capitano, tre quello di primotenente.
LUGANO
5 ore
Voleva fare una strage a scuola: ecco la sentenza
Il 21enne è stato condannato a 7 anni e mezzo sospesi, in modo da potersi curare in una struttura adeguata.
CANTONE
5 ore
Traffico congestionato sulle strade ticinesi
Il maltempo contribuisce a peggiorare la situazione, specie nel Luganese. Rallentamenti sia sull'A2 che sulle cantonali
MENDRISIO
6 ore
Casinò: solo Zurigo meglio di Mendrisio
Con una cifra d'affari di 70 mio. di fr., in Svizzera il Casinò Admiral è secondo solo a quello di Zurigo.
CANTONE
6 ore
«Il Governo non ha imparato la lezione»
Per l'MPS il Consiglio di Stato sta ripetendo gli errori commessi all’inizio della prima ondata.
LOSONE
6 ore
Ex caserma, il Municipio punta sull'Accademia Dimitri
Trattative in corso per far nascere nella struttura un polo culturale del Locarnese
CHIASSO
6 ore
Tessera sconto per i cittadini di Chiasso
Il Municipio desidera sostenere i commerci e gli esercizi pubblici della città
LUGANO
7 ore
Appello per ripulire le sponde del Cassarate
La Commissione di quartiere cerca volontari per la mattinata di pulizia prevista domani
CAMORINO
7 ore
Lite al centro asilanti, un arresto
Due ospiti del bunker di Camorino sono venuti alle mani. Scattano le manette
CANTONE
7 ore
Nuovi focolai in due feste private
«Dobbiamo mantenere alta la guardia». De Rosa e il governo introducono nuove disposizioni per contenere l'epidemia
CANTONE
9 ore
Sciopero alla Walo: «Il virus non cancella i diritti dei lavoratori»
Il Partito Comunista chiede al Governo di schierarsi: «Non nasconda la testa sotto la sabbia»
BELLINZONA
27.04.2020 - 16:540
Aggiornamento : 17:41

Benzina sul fuoco di Via Pometta: quell'incendio poteva essere evitato?

Il Gruppo dell'Unità di Sinistra in Consiglio comunale interpellano il Municipio sul rogo divampato ieri pomeriggio.

Le (pessime) condizioni in cui versava lo stabile da cui si sono propagate le fiamme erano già state segnalate ai servizi cittadini in due occasioni nel 2016 e nel 2018. «Quale verifiche vennero svolte allora?»

BELLINZONA - L'incendio divampato ieri in via Pometta avrebbe potuto essere evitato? La zona dove il rogo è esploso era in regola? A Bellinzona esistono altre situazioni simili? Se lo chiede (e lo domanda al Municipio tramite un'interpellanza) il Gruppo di consiglieri comunali dell'Unità di Sinistra, che metaforicamente parlando getta benzina sul fuoco. Nel mirino di Henrik Bang - primo firmatario dell'atto - vi è per la precisione il vecchio stabile di via Pometta dal quale è partito il violentissimo incendio. «Da nostre informazioni - precisa il consigliere comunale - una cittadina aveva segnalato per ben due volte la pericolosità della situazione». La prima volta nel 2016 e la seconda nel 2018. Alla prima segnalazione i servizi della città precisavano che ci sarebbero «stati degli accertamenti sulla presenza di copertoni».

Dopo due anni di silenzio da parte della Città, la cittadina torna alla carica nel febbraio 2018: «Vorrei sapere - scrive nella missiva - se sono stati fatti gli accertamenti e se non esista alcun pericolo per gli abitanti del quartiere in caso d'incendio». La donna, poi, aveva chiesto se «fosse tollerabile» la presenza di una «simile catapecchia» in centro città e se il Municipio non potesse «agire nei riguardi del proprietario». Anche in questo caso la risposta dei servizi si è limitata a un «stiamo verificando la situazione» procedendo «ai sensi della legge dell'edilizia». 

Due anni e qualche mese più tardi quella «catapecchia» è finita in fumo. Ed è pure terminata nell'interpellanza del Gruppo Unità di Sinistra. Domande (vedi box) alle quali questa volta il Municipio dovrà rispondere. 

Le domande effettuate nell'interpellanza dal Gruppo di Sinistra in consiglio comunale.

Quali verifiche furono eseguite nel 2016 rispettivamente nel 2018? Furono riscontrate situazioni contrarie alle norme vigenti? Furono adottati dei provvedimenti?

Il vicino IRB è stato danneggiato? Quali misure di sicurezza vi sono per l’istituto che tratta con sostanze chimiche, virus, e batteri?

Sul territorio comunale esistono altre situazioni simili consistenti in depositi abusivi di materiale infiammabile quale pneumatici, plastiche? Se sì quale sono stati i provvedimenti dell’autorità comunale?

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Norash Cani 2 mesi fa su tio
La signora dell’articolo non è l’unica che aveva fatto presente al Municipio che quella catapecchia a fianco allo stabile era pericolosa. Lo abbiamo fatto in tanti, io compresa, e anche di recente (2019) in occasione di una domanda di costruzione relativa proprio a quel sedime alla quale abbiamo fatto opposizione e che il Municipio invece ha accolto. (!!!!) Lo stabile del gommista ha il tetto in ethernit. Per fortuna sembrerebbe che quel tetto in amianto non sia bruciato. Ma se oltre alla catapecchia dietro avesse preso fuoco la casetta adiacente e poi il capannone del gommista su via Pometta sarebbe stato disastroso. Ancora più disastroso di quanto non lo sia già stato. C’è gente nello stabile abitativo a fianco che sono due giorni che non dorme per lo shock di quanto visto domenica. Un fumo nero e denso e fiamme alte tre piani a 20 m da casa.. Non lo auguro a nessuno. Cosa aspetta il Municipio a far sgomberare il gommista e demolire quello stabile pericolante e fatiscente che, tra l’altro, col caldo dell’incendio e nello stato deteriorato in cui già si trovava, potrebbe anche aver subito dei danni strutturali e crollare da solo da un momento all’altro... con conseguenti polveri di amianto ovunque...?!?!?!?
Norash Cani 2 mesi fa su tio
@Norash Cani Mi correggo. Ho saputo di recente che uno dei tetti della catapecchia bruciata era proprio in eternit. Ora speriamo in bene per la nostra salute... ????????????????
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Le norme antincendio hanno lo scopo di salvare più vite possibile, quindi sono una somma di contromisure per ritardare il rogo e i conseguenti danni strutturali che porterebbero al crollo dello stabile. Tali norme si applicano in caso di nuove costruzioni, manutenzioni o rilevato pericolo (sopra tutto per le persone). L'ultimo caso è in genere per il deposito di combustibili o materiali simili (non di certo i copertoni). Quindi consiglio all'unione di sinistra verificare se c'è necessità di fare verifiche, prima di chiedere se sono state fatte. Inoltre il parere personale dei vicini riguardo la fatiscenza della costruzione non deve interessare le autorità pubbliche visto che fino a prova contraria esiste ancora la proprietà privata.
bradipo 2 mesi fa su tio
Quindi, il fatto che siano bruciati copertoni depositati in uno stabile fatiscente durante il covid esenta da eventuali responsabilità? Se così fosse, informatemi, ho parecchia roba da portare in discarica: un po' di benzina (ecologica) mi faciliterebbe il lavoro...
Jenaplynski 2 mesi fa su tio
@bradipo Ma chi ha detto che c’erano copertoni? Parlavo anche di amianto, ma se era fatto di mattoni e il tetto in legno e tegole...
bradipo 2 mesi fa su tio
@bradipo Jenaplynsky, dei copertoni ne parlava un altro articolo. L'amianto, trattandosi di un vecchio stabile potrebbe trovarsi nelle colle dei pavimenti, vernici e altro. Comunque non posso confermare fosse il caso.
Galium 2 mesi fa su tio
I dubbi sono completamente fondati. Sarebbe bene che se ne facciano una ragione anche coloro che si trovano su posizioni politiche opposte, invece che limitarsi ad insultare solo perché sono a corto di argomenti
miba 2 mesi fa su tio
@Galium Se il tuo post è riferito a quanto ho scritto non vedo nessun insulto ma mi sono semplicemente permesso di far osservare che che le problematiche relative al covid19 sono ora ben più importanti, alias i rapporti/facilitazioni/idee/proposte relative ai commerci ed ai commercianti. Correggimi se sbaglio ma queste interpellanze-cucù (a quale risultato portano concretamente?) rubano solo tempo e risorse a scapito di cose più importanti ed urgenti
albertolupo 2 mesi fa su tio
@miba Non sono d’accordo. Se mi beccano a rubare non credo che posso accampare la storia del coronavirus per invocare clemenza, idem se supero un limite di velocità. Se ci fossero responsabilità vanno chiarite e eventuali colpevoli dovranno sopportarne le conseguenze. Tra l’altro stiamo parlando di copertoni. Non credo che si possano immagazzinare così à la carlonne...
Galium 2 mesi fa su tio
@albertolupo Perfettamente d'accordo.
miba 2 mesi fa su tio
@albertolupo Stiamo annegando in un bicchiere d'acqua.... Sono d'accordo con te ma se sussiste il (fondato) dubbio che qualcuno abbia mancato ai suoi compiti, non ottemprato a qualche disposizione, legge e/o ordinanza allora in tal caso si chieda subito l'apertura di un'inchiesta....
Mattiatr 2 mesi fa su tio
@albertolupo Il fatto è che stiamo montando un discorso gigantesco senza alcuna minima informazione.¶ Lo stabile era a norma antincendio? Se no necessitava di una manutenzione in tal senso (obbligatorio solo se vi è considerevole pericolo, in genere depositi di carburanti, ecc.)? È stata comunicato l'eventuale obbligo? Se sì era già stata depositata la domanda di costruzione oppure c'era ancora tempo per adattare l'infrastruttura (Sempre che ci fosse la necessità)? L'incendio è doloso? Diciamo che l'unione di sinistra fa meglio ad avere informazioni decenti prima di sparare a zero contro tutti. L'opinione della sciura Concetta che la dis che chela baraca l'è propri brüta non conta come dato rilevante.
marco17 2 mesi fa su tio
La Buzza di Biasca del 1515 che ha devastato anche Bellinzona, poteva essere evitata? Che ne pensa il Municipio cittadino?
albertolupo 2 mesi fa su tio
@marco17 Non sono necessarie interrogazioni: ci fu un processo che assolse i bleniesi, accusati dai biaschesi di stregoneria.
miba 2 mesi fa su tio
Conclusione: i sinistri hanno il buon tempo di fare interpellanze-cucù. Si vede che con le problematiche legate al covid19 loro hanno il buon tempo da perdere in queste ca.....te
bradipo 2 mesi fa su tio
@miba Quindi il fatto che siano bruciati copertoni in uno stabile fatiscente durante il covid esonera da eventuali responsabilità? Così fosse informatemi, ho parecchi viaggi in discarica da fare, con un po' di benzina (ecologica) risparmierei parecchia fatica.
bradipo 2 mesi fa su tio
@miba @Mattia Ha sollevato un suo leggittimo dubbio e i socialisti hanno semplicemente chiesto se i dovuti accertamenti sono stati effettuati. Non è mia intenzione sostenere che sia doloso, era semplicemente che non sono così sicuro che i copertoni possano essere immagazzinati senza particolari precauzioni in grandi quantità, visti anche alcuni precedenti. Se mi sbagliarsi mi scuso.
Mattiatr 2 mesi fa su tio
@bradipo Vero, sinceramente non ne ho idea.¶ Quello che so è che le norme anti incendio, non servono a eliminare il rischio di roghi, ma ad aumentare la resistenza dello stabile, di modo che le persone al suo interno possano evacuare senza che gli crolli tutto addosso. Già che non posso risponderti sul tema ne approfitto per sfatare un mito ;-)
Mattiatr 2 mesi fa su tio
@bradipo Quali responsabilità? Le norme antincendio si applicano su edifici di nuova costrizione o sulla manutenzione e nel caso in cui il pericolo è considerevole (di solito si parla di depositi di carburante). Evidentemente pare che non vi fossero materiali ''sensibili'' dentro questa struttura. Il fatto che la catapecchia non fosse di gusto al/la signore/a non indica che abbia in automatico ragione. Vi sono responsabilità nel caso l'incendio fosse doloso, cosa che le autorità competenti saranno in grado di stabilire meglio di un qualsiasi socialista.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 22:27:07 | 91.208.130.85