TiPress - foto d'archivio
CANTONE
16.04.2020 - 20:170

«Le riaperture frettolose non proteggono i lavoratori»

Il sindacato OCST è critico verso le disposizioni comunicate oggi dal Consiglio di Stato

LUGANO - Il sindacato OCST non è soddisfatto delle nuove disposizioni comunicate oggi dal Consiglio di Stato per quanto concerne la settimana che va dal 20 al 26 aprile.

«Come ribadito in più occasioni, proteggere la salute dei lavoratori è per noi la priorità assoluta e questo non è possibile con delle riaperture frettolose», scrive il sindacato in una breve nota diramata in serata.

«Le misure finora adottate - si legge - hanno dimostrato ampiamente la loro efficacia e per questo motivo abbiamo sostenuto la risoluzione governativa di ieri che comunque è migliorativa rispetto a quanto avviene nel resto della Svizzera. Ciononostante la guardia va mantenuta alta e da questo punto di vista è positivo l’apposito gruppo di lavoro creato dalle parti sociali assieme all’Ispettorato del lavoro e alla Suva, che dovrebbe permettere dei controlli efficaci».

Controlli che dovranno essere «capillari», conclude l'OCST, che intende vigilare a sua volta su eventuali infrazioni.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 22:45:02 | 91.208.130.89