tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
15 min
Cinquanta abeti dentro il Municipio
Così Lugano ha festeggiato oggi l'accensione dell'albero, con un concerto in diretta streaming
LUGANO
50 min
Chiude lo Spazio 1929
Il coworking culturale di Lugano era «in difficoltà economiche» e abbassa la serranda
CANTONE / SAN GALLO
1 ora
Pronta al via, la SOB crea «oltre 200 posti di lavoro», ma non in Ticino
Dal 13 dicembre la società sangallese opererà sulla tratta panoramica del Gottardo.
CANTONE
2 ore
«Non giochiamoci nonni e genitori per un Natale»
Covid-19: l'imprenditore e musicista Antonio Andali ospite di piazzaticino.ch. Guarda la video intervista.
MENDRISIO
3 ore
2 gatti e 1 cane vittime di bocconi avvelenati, intervengono i bambini
Gli allievi della 5B di Arzo mettono in guardia la popolazione: «Sono orribili atti crudeli. Ci sono cuori che soffrono»
FOTO
MENDRISIO
3 ore
Mendrisio si veste di Natale
Nell'ambito dell'iniziativa “Ri-Fioriamo” sono stati distribuiti alberelli ai commercianti
CANTONE
4 ore
Diciotto giorni per donare
L'iniziativa "Sorridi con gli occhi" punta a permettere alle famiglie in difficoltà di passare un Natale sereno
FOTO E VIDEO
CANTONE
4 ore
Arriva la prima neve a sud delle Alpi
In giornata attesa qualche spruzzata anche in pianura.
FOTO E VIDEO
SERRAVALLE
4 ore
Tre minorenni dietro il rogo di una stalla
L'incendio era divampato il 5 settembre in via Mondate a Malvaglia.
CANTONE / BERNA
5 ore
Ceneri: dal 13 dicembre treni in galleria
Rilasciata alle FFS l'autorizzazione necessaria.
CANTONE
5 ore
Covid: faccia a faccia tra il mondo culturale ticinese e Bertoli
Al centro del colloquio la difficile situazione in cui si trova il settore della cultura a causa della pandemia.
LOCARNO
5 ore
“Fartiamo": ecco cosa cambia nel trasporto pubblico del Locarnese e valli
Linee potenziate in attesa dell’attivazione completa del servizio di trasporto attraverso il tunnel di base.
CANTONE
6 ore
Feste da brividi: si "scaldi" chi può
Guarda il live. Niente cene aziendali, niente aperitivi sociali, niente veglioni. Che dicembre ci attende?
CANTONE
6 ore
"Di più per te", potenziato il trasporto pubblico del Bellinzonese
Il nuovo modello è stato presentato questa mattina. Entrerà in vigore il 13 dicembre.
CANTONE
02.03.2020 - 06:070
Aggiornamento : 12:58

Quei bambini prelevati da scuola

In Ticino sono circa 200 i minori collocati presso famiglie affidatarie. Il caso di tre fratelli del Luganese

LUGANO - È il 19 novembre. Alle 8 di mattina scatta l'operazione in un complesso scolastico del Luganese. Tre fratellini - di 12, 6 e 5 anni - vengono prelevati separatamente da agenti della Polizia cantonale. Anche i genitori rientrando a casa trovano una pattuglia ad aspettarli.

Inizia così «l'incubo giudiziario» di una delle tante famiglie “spezzate” del Ticino. Il rapporto dell'autorità di protezione racconta una vicenda di violenza domestica, litigi, emersi grazie all'attenzione degli insegnanti.

Non è un caso isolato. L'anno scorso in Ticino erano 216 i minori affidati a famiglie diverse da quella d'origine, per periodi brevi o a lungo-medio termine. I motivi sono i più disparati e (per fortuna) non sempre così gravi. Il dato è tendenzialmente stabile, come mostrano i numeri forniti dall'Ufficio dell'aiuto e della protezione. 

I minori affidati in Ticino:

annon. minori
2015202
2016244
2017205
2018210
2019216

 

 

I dati comprendono «sia gli affidamenti a medio e lungo termine, sia gli affidamenti urgenti di corta durata» precisano dall'Uap. Questi ultimi sono i più problematici. A volte i bambini provengono da situazioni di violenza, e vengono consegnati ai genitori "temporanei" dopo un ricovero in ospedale. Altri soggiornano in strutture protette, in attesa di trovare una famiglia disponibile. 

«Al momento in cui un minore deve essere collocato si valutano le opzioni possibili» spiega la capoufficio Sabina Beffa. «Se le condizioni famigliari lo permettono, e vi sono famiglie idonee a disposizione, in genere l'affido viene preferito». I bambini collocati "d'urgenza" in Ticino sono una trentina all'anno. In questi casi gli affidi durano sei mesi al massimo, e il preavviso può essere minimo: anche di sole 72 ore. 

 

 Affidi d'urgenza in Ticino:

 n. minorin. famiglie
20152714
20165818
20172618
20182818
20192818

È la fase dell'allontanamento. Quella più difficile. A volte lo "strappo" avviene in situazioni conflittuali, ed è organizzato a sorpresa. Gli interventi nelle scuole non sono frequenti, spiegano gli addetti ai lavori, ma capitano. Altri casi sono finiti in passato sui giornali. A Lugano un recente episodio aveva scatenato accese proteste da parte dei familiari. 

Una "extrema ratio" che si cerca di evitare. In buona parte dei casi le soluzioni vengono concertate assieme alla famiglia. «Oltre metà degli affidamenti sono interfamigliari, presso nonni o parenti» precisa l'Uap. Ma non sempre è possibile, e qui intervengono le famiglie affidatarie. 

«Avremmo bisogno di più famiglie, quelle disponibili vengono occupate sempre in tempi rapidi» spiega Stefania Caffi, consulente sociale dell'Atfa. L'associazione delle famiglie affidatarie si occupa di reperire i candidati genitori, tramite campagne di sensibilizzazione, e offrire loro sostegno e supervisione durante l'affido. «È una scelta impegnativa - spiega Caffi - non viene mai presa a cuor leggero». 

Anche perché i minori portano con sé il loro vissuto traumatico. Nella maggior parte dei casi, dietro all'affido ci sono «crisi relazionali, malattie o incarcerazioni» continua la consulente - e in generale una grave inadeguatezza dei genitori naturali, per cui i figli vivono in situazioni di negligenza e trascuratezza». I maltrattamenti non sono infrequenti «fino ai casi più gravi» di veri e propri abusi. 

Eppure, la famiglia d'origine non viene mai "tagliata fuori" del tutto. «Il collocamento è sempre inteso come provvisorio, anche se a volte può durare anni» precisa Caffi. «Le famiglie affidatarie non sono dei sostituti, ma affiancano quelle naturali». 

Un affiancamento mai semplice. Nel caso dei tre fratellini, parallelamente all'affido è scattato un procedimento presso il Ministero Pubblico. La Arp incaricata del caso - dopo due mesi di allontanamento completo - ha concesso alla madre di tenere i figli un giorno a settimana. Le cose, chissà, potrebbero anche finire bene. O meglio di come erano iniziate.  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:57:22 | 91.208.130.86