TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
21 min
Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»
I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile
CANTONE
35 min
«Bene il Ticino, ora tocca alla Svizzera»
Il sindacato Unia Ticino e Moesa accoglie positivamente l'odierna risoluzione governativa ticinese
CANTONE
1 ora
Un'autocertificazione? «Quest'opzione non esiste»
Il Governo smentisce l'odierna anticipazione del Caffé: le attività restano ferme
CANTONE
1 ora
Tutto chiuso fino al 5 aprile
Il presidente del Consiglio di Stato chiarisce l'ok arrivato da Berna allo stop delle attività commerciali e produttive.
TESSERETE
2 ore
Annullato anche lo Scenic Trail
La manifestazione si sarebbe dovuta svolgere tra il 12 e il 14 giugno
BERNA
3 ore
Limitazioni o cessazione delle attività, arriva l'ok da Berna
L'autorizzazione può essere prorogata fino al 5 aprile
CANTONE
5 ore
La musica dell'OSI passa da Facebook
Un'iniziativa per portare un messaggio di speranza al pubblico dell'orchestra
CANTONE
6 ore
Pronzini: «Aziende che lavorano... grazie agli amici?»
Il deputato Mps solleva ulteriori interrogativi sui trasporti di ghiaia in Val Bavona
CANTONE
6 ore
I contagi aumentano ancora, ma un po' meno: altri 39 casi
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 1'727. E i morti complessivi legati al Covid-19 sono 87
CANTONE
7 ore
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
16 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
18 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
ZURIGO / CANTONE
19 ore
Coronavirus: sempre più ticinesi si sentono minacciati dall'epidemia
Lo rivela un sondaggio nazionale. Che conferma: a sud delle Alpi la preoccupazione è nettamente maggiore.
CANTONE
20 ore
Quarantena australiana scampata per un soffio
L'odissea vissuta da una giovane ticinese per rientrare dall'Australia.
CANTONE
22 ore
«La passeggiata sotto casa va bene, le escursioni nel bosco no»
Il momento resta delicato e l'emergenza potrebbe durare ancora a lungo.
MANNO
22 ore
Cercasi nuove idee e soluzioni per affrontare il coronavirus
Dal 2 al 5 aprile al via una maratona di esperti informatici per lo sviluppo rapido di nuove soluzioni
CANTONE
23 ore
Radar ancora in quarantena
Le risorse della polizia devono essere impiegate altrove.
CANTONE
23 ore
Non vivremo in un Grande Fratello
La portavoce di Swisscom allontana i timori su un'eventuale violazione della sfera personale.
LUGANO
1 gior
Beltraminelli: «Finalmente a casa. Ho perso 6 chili»
È guarito dal coronavirus. Ora dovrà restare ancora in quarantena. «Grazie. Il vostro sostegno è stato fondamentale»
POSCHIAVO (GR)
1 gior
Si ribalta con il trattore, grave un 76enne
L'uomo stava eseguendo dei lavori nel bosco quando è precipitato in una scarpata
BELLINZONA
1 gior
Creato un fondo di un milione per aiutare le imprese
Verranno erogati prestiti fino a 10'000 franchi per richiedente, con una durata massima di 36 mesi a interessi zero.
LUGANO
04.02.2020 - 08:030
Aggiornamento : 11:23

Donna dorme al gelo: e non si fa aiutare

Intervento generoso dei City Angels. Senza lieto fine. Ecco perché una persona in difficoltà, o senza tetto, può rifiutare un aiuto

LUGANO – Intervento generoso da parte dei City Angels di Lugano nella serata di domenica. Senza, però, un lieto fine. Alcuni cittadini avevano infatti segnalato la presenza di una donna che dormiva per strada, al freddo e al gelo, in pieno centro. La signora, di fronte all'intervento dei volontari non ha tuttavia voluto saperne di essere aiutata.

Un’austriaca di passaggio – «Le avremmo offerto ospitalità e un pasto caldo – afferma Giuseppe Modica, responsabile dei City Angels –. Purtroppo questa donna, un'austriaca forse di passaggio, ha rifiutato il nostro aiuto e ha preferito dormire all'aperto. Forse, non conoscendoci, non si fidava di noi. Nelle prossime sere usciremo ancora e cercheremo di guadagnarci la sua fiducia, affinché possa lasciarsi aiutare».

Paura di aprirsi – Non è la prima volta che nella Svizzera italiana si sente parlare di persone che rifiutano aiuti sociali, volontari e non, preferendo dormire su una panchina o tra i cartoni su un marciapiede. «Bisogna entrare nella psiche di queste persone – commenta Modica –. Magari stanno attraversando momenti particolari e non hanno il desiderio di condividerli con altri. In altre circostanze ancora hanno vergogna di aprirsi verso sconosciuti. Non dimentichiamo che dormire su una panchina per qualcuno può risultare umiliante e degradante».

L’esperienza di Casa Astra – «Le ragioni di un rifiuto possono essere tantissime – sottolinea Donato Di Blasi, responsabile di Casa Astra, a Mendrisio, in prima linea nell’accoglienza di senza tetto –. Nelle grandi città europee ci sono persone che fanno proprio la scelta di vivere per strada. Magari perché hanno trovato un angolo che “fa per loro”. E hanno timore di perderlo. Capita anche a noi che ci segnalino delle persone. Poi le portiamo qui e non si trovano bene. E decidono di andarsene. I medici sostengono che bisogna fare di tutto per avvicinare questa gente. Però occorre non avere la presunzione di sapere per forza cosa serva a loro».

Il cattivo odore per proteggersi – Di Blasi racconta un caso verificatosi all’estero. «La storia di una donna che non voleva lavarsi e voleva restare in strada. Ma perché non voleva lavarsi? Perché era stata violentata in passato. E il fatto di non lavarsi la proteggeva. Questo ci fa capire come l’avvicinamento a queste persone deve avvenire in modo lento e graduale». Modica, visto il periodo particolarmente gelido, lancia in ogni caso un appello. «Invitiamo la popolazione a segnalarci casi analoghi al numero dei City Angels: 076/ 6939393. Faremo di tutto per agire con tatto e buonsenso».

 


 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Miglior Amico 1 mese fa su fb
a parte certi commenti, bravi City Angels, comunque !
4cerchi 1 mese fa su tio
Allora per spiegare in semplici parole dico che ci sono tanti che dormono in auto perché non hanno soldi e se hai dei debiti le immobiliari non ti affittano nemmeno un monolocale. Poi ho detto che se era un drogato a dormire sulla panchina difficile che qualcuno si ferma ad aiutarlo... Allora li certamente arriva anche la polizia. Alle donne in difficoltà danno molta più attenzione. PROBABILMENTE A TANTI DI SINISTRA, USANDO LA TECNICA CHE FANNO FINTA DI NON CAPIRE A PRENDER PER IL C... LO SONO I NUMERI UNO. il circo cartellonistica politica in arrivo senza idee. Dimenticavo anguria sta per ps e verdi
Roberto Pontillo 1 mese fa su fb
Io mi ricordo la persona che dormiva in stazione a chiasso aveva l’abbonamento generale e se ben ricordo l’ha fatto come scelta di vita a Zurigo aveva una casa ed era stato arbitro di serie A adesso penso che sia da diversi anni in una casa anziani.
Michele Blum 1 mese fa su fb
Più che altro si spera che non ci scappi il morto. Per quanto faccia onore ai City Angels aver preso a cuore il caso di questa signora, forse sarebbe opportuno che anche lo Stato faccia sentire la sua presenza agli emarginati.
Sylvan Rusca 1 mese fa su fb
Michele Blum e se uno si emargina per scelta cosa fai? Colpa dello Stato? Un intervento è una privazione della libertà o sbaglio? Secondo me ancora una volta si banalizza il lavoro dei City Angels. Proprio perché rispetto il loro lavoro mi aspetto che lo Stato metta a disposizione i migliori istruttori e ci sia una selezione del personale (almeno per chi svolge attività sensibili) mirata. La mia non vuole essere una critica gratuita ma propositiva.
Michele Blum 1 mese fa su fb
Te la giro in un altro modo. Se un tizio minaccia di buttarsi dal tetto che cosa bisognerebbe fare? Assecondarlo? Se c'è un rischio possibile di morte è necessario verificare lo stato psicofisico della persona in questione. Se è sufficientemente attrezzata per dormire al freddo ci sta. Ma io pago le tasse perché lo Stato protegga l'intera collettività, non solo una parte. Di rimando non pago i City Angels. Poi per carità. Ci sono anche loro? Ben venga.
Sylvan Rusca 1 mese fa su fb
Michele Blum se un uomo tenta il suicidio è un dovere aiutarlo. La sicurezza va garantita. Ma in questo caso chi valuta la pericolosità del comportamento di questa signora che, tra l'altro, è libera di scegliere di dormire fuori. I City Angels? Da quello che ho capito la valutazione del caso/rischio la fanno loro. È una responsabilità e proprio per questo dico che mi aspetto che i City Angels siano altamente formati e soprattutto persone capaci di discernere e interagire con questo tipo di problematiche. Poi vorrei capire: il caso è stato segnalato? a chi? quali misure sono state prese? esiste personale formato in Ticino per questo tipo di problematica? Poi bisogna decidersi: vogliamo uno Stato impiccione che decide sulla tua libertà o uno Stato che rispetta e fa rispettare le leggi e sostiene in modo serio enti e servizi che si occupano in modo specialistico e professionale di queste particolarità? Pagando le tasse probabilmente paghiamo in parte anche i City Angels.
Michele Blum 1 mese fa su fb
Stato impiccione? Spero che tu stia scherzando. Lo Stato deve garantire a chiunque ogni tipo di aiuto possibile. È previsto dalla costituzione. Se con le proprie azioni qualcuno mette a rischio la propria vita lo Stato ha il dovere di intervenire per preservare l'integrità fisica dell'interessato. A occuparsene dovrebbe essere (almeno per le prime verifiche) la pubblica sicurezza, non i cittadini privati. Poi se quest'ultimi vogliono dare una mano ben venga.
Sylvan Rusca 1 mese fa su fb
Michele Blum City Angels sono cittadini privati. Ripeto chi valuta che con le proprie azioni la signora mette in pericolo la sua vita giustificando l'intervento dello Stato? Stato impiccione quando per motivi discutibili influisce sulla tua libertà. Basta leggere una qualche "sentenza" riguardante le ARP (che non tratta solo minori ma anche anziani) per rendersi conto che non sempre la costituzione è rispettata.
4cerchi 1 mese fa su tio
Peccato che ci sono tanti che dopo il divorzio dormon in auto, se hai debiti le immobiliari non ti danno un monolocale. Ma nessuno ti chiede nulla.... Se era un drogato o un uomo stai tranquillo che faceva finta di niente. Oramai alle donnette si da molta più attenzione. Il circo parità dei sessi befane in politica anguria
dudo 1 mese fa su tio
@4cerchi Non si capisce un tubo di quello che ha scritto!!!! Faccia un corso di sintassi e scrittura della lingua italiana!!
sedelin 1 mese fa su tio
@4cerchi ciao circo incomprensibile.
Jasmine Hildebrand 1 mese fa su fb
Capisco che diverse persone rifiutano l'aiuto sociale. Fino che ricevono un aiuto hanno giá perso tutto. Una systema molto lento 😡
Roberto Cavallero 1 mese fa su fb
scelte di vita ma,,,,,,,,
Sarah Ninna 1 mese fa su fb
Roberto Cavallero non penso siano scelte
Hardy 1 mese fa su tio
Siamo un paese in cui si può giocare a fare i barboni, tanto poi ti aiutano anche se non vuoi. Qualcuno che è in difficoltà sul serio (e ahimé, dei casi ci sono) invece si deve arrangiare con il fiato sul collo.
Maxy70 1 mese fa su tio
Perfettamente d’accordo con BillieJoe, prima si presta aiuto senza formalità. La persona lo rifiuta, allora si prendono, ovviamente tramite la PolCom, i provvedimenti necessari. Se la persona rimane assiderata, il solo intervento dell’ambulanza è fatturato 900 Fr, più le cure ospedaliere, che la nostra gradita ospite, ovviamente, non è in grado di pagare, chi vuole fare il conto? Andiamo subito nelle cifre! CHI paga? Ripeto: la si carica su di un treno e va a dormire in strada a casa sua.
albertolupo 1 mese fa su tio
@Maxy70 Ma che vi prende? Perché la polizia dovrebbe intervenire per una persona che dorme?
Maxy70 1 mese fa su tio
@albertolupo Per una persona in grave disagio che, oltre tutto, rischia la morte per assideramento... non é una persona che stia dormendo nel suo letto a casa propria. Noti la differenza??
Maxy70 1 mese fa su tio
La signora in questione va caricata su di un treno direzione Austria, dove ci si deve occupare di lei. Se desidera visitare la Svizzera è la benvenuta, affitta una camera d’albergo come tutti gli altri. Lugano non è l’ostello dei barboni UE.
BillieJoe 1 mese fa su tio
@Maxy70 Giustissimo quello che hai scritto, ma mettiamo che la tizia fosse morta, non per forza di freddo ( perché magari in testa aveva in mente altro ) , su tutti i giornali d'Europa avrebbero scritto che a Lugano hanno lasciato morire una tizia Austriaca perché nessuno si è interessato di lei... Quindi giustamente i City Angels ci hanno provato, non ha voluto, e quindi cavoli suoi per quello che le accadrà d'ora in poi...
albertolupo 1 mese fa su tio
@Maxy70 Che io sappia non è ancora proibito dormire in un parco o su una panchina. Ma che bella la società in cui vorrebbe vivere lei.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@BillieJoe Se fosse morta avrebbero fatto la stessa cosa che fanno per le guerre in Africa o Medio Oriente, parlato per due minuti e poi silenzio di tomba. Quindi che dicano quello che vogliono su Lugano, non penso che azioni del genere vadano fatte per immagine. Già che però i famosi segnalatori invece di chiamare i soci come fanno con gli operai comunali quando c'è rut in giro, una tazza di caffé potevano portariela. Poi si vede il da farsi.
albertolupo 1 mese fa su tio
Ma lasciatela in pace!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 16:43:06 | 91.208.130.87