ULTIME NOTIZIE Ticino
STABIO
22 min
Il Municipio "sponsorizza" i veicoli elettrici
I cittadini e le imprese possono ottenere un aiuto finanziario per l'acquisto di una colonnina
CANTONE
40 min
Un corso per la gestione dei rifiuti
La formazione è rivolta principalemente ai professionisti attivi negli ecocentri comunali
LUGANO
43 min
Contro i bulli online già alle elementari
Due ore di incontro con gli allievi di quinta durante la campagna di prevenzione "Sbullo". Per aiutarli ad affrontare i rischi in modo consapevole
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
1 ora
Auto divorata dalle fiamme sulla Cantonale
Sul posto è giunto il Corpo Pompieri di Tenero Contra, che ha provveduto a spegnere le fiamme
FOTO E VIDEO
CANTONE / ITALIA
2 ore
Compravano al Fox Town e rivendevano ai cinesi
La Guardia di Finanza ha scoperto un contrabbando di capi griffati tra il 2017 e il 2018 per un valore di 1 milione di euro, senza versamento dei dazi
FOTO
MUZZANO
2 ore
A fuoco il tetto di una casetta
L'incendio è divampato attorno alle 22.45 di domenica sera. I pompieri hanno spento le fiamme e messo in sicurezza l'abitazione
LUGANO
3 ore
Campana ritorna al PPD: «Credo ancora nei nostri valori e non mollo»
L'ex responsabile della comunicazione e membro dell'Ufficio Presidenziale luganese si candida per le Comunali
RIVERA
4 ore
L'uomo che parla con i fiori da 40 anni colora il Ticino
La maggior parte dei fiori che vedete nei negozi passano dalle mani di Enrico Pelozzi. L'importatore racconta come si vince la concorrenza estera
LOCARNO
4 ore
Ancora allarme graffiti: ecco cosa sta succedendo
Per le vie cittadine con il municipale Niccolò Salvioni. Ma il termine “writer” non fa sempre rima con illegalità. Parla Big Tato, lo specialista
LUGANO 
14 ore
«Costretti ad usare l’auto per gettare i rifiuti»
In un comparto abitato da molti anziani sono spariti i cassonetti e gli interrati son lontani. Il Dicastero: «Distanza di percorrenza nella normalità»
LUGANO
14 ore
Le ruspe minacciano (ancora) due ville storiche
A Lugano due edifici centenari stanno per essere demoliti. E sui social è polemica
SANT'ANTONINO
15 ore
I cinque volti del PPD per la corsa al Municipio
Sono Alex Malinverno (uscente), Mauro Pedrelli (uscente), Gianalessio Bassi, Ali Güçlü e Michela Bottinelli
PARADISO
15 ore
PPD e Verdi liberali uniti per le Comunali
Obiettivo: riequilibrare delle forze politiche in Consiglio comunale e in Municipio
FOTO E VIDEO
MESOCCO (GR)
17 ore
Colori, musica e divertimento per il Carnevale Scturligant
A Mesocco si è tenuto oggi il corteo mascherato e la sfilata delle guggen
TICINO / VENEZUELA
23.10.2019 - 09:120
Aggiornamento : 13:36

Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela

Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese

CARACAS - Don Angelo Treccani. Semplicemente “padre” per tutti quelli che a El Socorro (villaggio a sei ore di macchina dalla capitale Caracas) lo adorano. Per il suo spirito e soprattutto per quanto è riuscito a fare dal suo arrivo nel 1983. Oggi, don Angelo dirige un'autentica azienda del cuore che aiuta la popolazione in questa odissea, dove denutrizione e depressione hanno abbassato addirittura di 10 chili il peso medio dei venezuelani.

La situazione è così disastrosa, don Treccani?
Spaventosa a tutti i livelli. Il paese ha infatti abbandonato le terre, da sempre risorsa vitale, quando c'è stato il boom del petrolio. I governi Chavez e Maduro hanno polverizzato milioni

E la popolazione?
Una tragedia. Cibo, medicine, luce, elettricità, benzina, tutto scarseggia. I bambini non vanno più a scuola perché i loro genitori non hanno più soldi, le scuole sono chiuse, la cultura è cancellata. Dei 30 milioni di venezuelani presenti nel paese fino a qualche tempo fa, oltre cinque milioni sono emigrati a causa della miseria. La paga media a Caracas è di 2 dollari al mese, un chilo di zucchero o un chilo di riso costano un dollaro. Impossibile vivere a queste condizioni.

Il tasso di criminalità sarà sicuramente aumentato...
Sì, sono stato toccato anch'io. Per fortuna i ladri non mi fanno del male. Rubano soprattutto utensili nella nostra fattoria, li affronto con il dialogo e loro sono gentili. Una notte mi hanno chiesto di guidarli e sono inciampato. Uno mi ha afferrato subito per un braccio per non farmi cadere. La trovo una forma di disperazione anche questa, il ladro che protegge la sua vittima.

Nella sua fattoria si continua a lavorare, vero?
Certamente. Abbiamo creato delle misure di sicurezza con delle inferiate e delle porte chiuse a chiave. Ora il nostro materiale è più protetto, ci siamo organizzati. La polizia? Se la chiami non viene, devi mandare qualcuno a cercarla!

Questa situazione di pericolo ha scoraggiato gli aiuti esterni, che erano giunti pure dal Ticino. Con chi lavora attualmente?
Posso fare affidamento su di una squadra di dieci venezuelani tra i 22 e i 40 anni. Sette agricoltori e tre donne, di cui due maestre e una cuoca.

Di cosa vi occupate esattamente?
La nostra è una fattoria con 140 animali (di cui 40 mucche da latte) e si sviluppa su un'area di 300 ettari, sulla quale coltiviamo mais, canna da zucchero, soia, miglio, meloni, angurie e banane. Lo scopo è quello di provvedere alla nostra sopravvivenza per insegnare alla gente che il lavoro quotidiano serve a far progredire un paese che ha sempre vissuto della ricchezza naturale della sua terra.

Il progetto più significativo è decollato due anni fa grazie alla generosità dei suoi sostenitori dal Ticino. Come prosegue, don Angelo?
Direi molto bene. Ho ricevuto 56'000 franchi dalle parrocchie del Mendrisiotto grazie ad una raccolta di Natale e continuo ad essere aiutato. La sensibilità delle persone è straordinaria, ringrazio tutti di cuore e dedico loro le sedici mense che sono in grado ogni giorno di dare un pasto nutriente a 915 bambini e 120 anziani. La crisi crea inventiva e cooperazione.

I contributi sono notevoli
Sono soddisfatto di ogni forma di aiuto, lo scopo è quello di incrementare le forze per ampliarsi ulteriormente facendo capo al volontariato. Una delle priorità assolute è quella di assicurare l'istruzione ai bambini

FOTO PEZZANI
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
vulpus 3 mesi fa su tio
Non c'è bisogno della ribalta per fare qualcosa di bene. Non tutti hanno il coraggio di andare in queste zone. Diamogli tutto il sostegno finanziario possibile a quest'uomo.
castigamatti 3 mesi fa su tio
il mio "nipotino" di 13 anni non vuole più studiare, vuole solo divertirsi e andare a zonzo con gli amici...e se gli chiedi cosa farà da grande senza un'adeguata formazione, ti risponde: vado in assistenza. Bene, da ora in poi le bustarelle con i centelli per compleanno e natale, saranno da me devolute all'associazione di questo onorevole prete!
volabas 3 mesi fa su tio
Rischia la pelle e ci mette del suo, sperando che non faccia la fine di Monsignor Romero, lasciato allo sbando dal Wojtyla di turno. Bravo "prèvat" hai tutta la mia ammirazione
Partito Popolare Comunista 3 mesi fa su fb
Speriamo che si occupi solo di beneficenza e non della destabilizzazione del regime di Maduro. Se c’è la carestia in Venezuela la colpa è della UE ed USA. Purtroppo anche le banche svizzere hanno bloccato i conti dei chavisti.
miba 3 mesi fa su tio
....ed un grazie particolare anche agli USA che con il loro embargo pensavano di mettere in ginocchio il Venezuela.....
sedelin 3 mesi fa su tio
complimenti per il lavoro, la dedizione e la perseveranza!
interceptors 3 mesi fa su tio
Questa gente sì che fa la fame, non certo i soliti leoni da tastiera che su questo Blog spesso scrivono che siamo sul lastrico!! Facciamoci un esame di coscienza e un bel bagno di umiltà....
Norvegianviking 3 mesi fa su tio
@interceptors Parole sante, bravo!
Pepperos 3 mesi fa su tio
Grazie!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 10:03:09 | 91.208.130.85