Iconem
Yves Ubelmann ad Aleppo
+ 13
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 min
«Mio figlio parla solo tramite video»
CANTONE / SVIZZERA
8 min
Cossi/Condotte SpA: «Milioni di imposte non pagate?»
CADENAZZO
15 min
Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti
CANTONE
57 min
Annettere Campione d’Italia: «Il Governo la pensa come Gobbi?»
LUGANO
1 ora
«È necessario attenuare il cambiamento climatico»
CANTONE
2 ore
Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »
CANTONE
2 ore
Donne nelle istituzioni: «Come intende agire il Governo?»
CANTONE
3 ore
Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico
LUGANO
10 ore
Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto
LUGANO
12 ore
In manette un ex direttore di banca
CONFINE
12 ore
Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo
CANTONE
12 ore
Veicolo contromano sull'A2
CANTONE
13 ore
Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»
CANTONE
14 ore
Rivista Corner, un nuovo angolo di sport in Ticino
CANTONE
14 ore
A2-A13: Claudio Zali incontra l'USTRA
LUGANO
20.08.2019 - 06:000
Aggiornamento : 07:23

«Così si ricostruisce una città distrutta dalle bombe»

Yves Ubelmann è specializzato nella riproduzione virtuale del patrimonio a rischio. Prossimamente sarà ospite di una mostra dell’USI: «Vi spiego i danni fatti dalle guerre in Siria e Iraq»

LUGANO – Una mostra in Ticino per rivivere, grazie alla realtà virtuale, il patrimonio culturale danneggiato dalle guerre in Siria e Iraq. Damasco, Aleppo, Palmira e Mossul… città ridotte in macerie. Proprio a queste quattro località, l’Università della Svizzera italiana dedica la mostra “Città in frammenti”, aperta al pubblico il 24 e il 25 agosto al Palazzo dei Congressi di Lugano. Un evento realizzato a margine del Middle East Mediterranean Summer Summit e che vedrà come protagonista Yves Ubelmann, presidente e cofondatore di Iconem, ente che si occupa della ricostruzione virtuale del patrimonio a rischio.  

Da dove nasce questa sua missione?
Otto anni fa lavoravo come architetto in Afghanistan. Ho visto distruggere siti di interesse culturale molto rapidamente. Abbiamo iniziato a mappare e fare copie digitali di questi luoghi grazie a droni e alla fotografia tridimensionale: dati utili alla trasmissione della memoria, ma anche alla ricostruzione. In seguito sono scoppiati i conflitti in Siria e in Iraq. Di fronte all’urgenza ci siamo mossi immediatamente, ma ad esempio a Palmira siamo arrivati tardi.

Lei è stato testimone diretto di come la distruzione del patrimonio culturale sia legata a doppio filo con quella della popolazione. Che effetto fa? 
Quando a essere distrutti sono siti dichiarati dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità si suscita l’indignazione internazionale. A Palmira l'auto proclamato Stato Islamico ha deliberatamente voluto cancellare arte e storia, sfruttando la risonanza data dai media con un effetto di spettacolarizzazione. 

Con quali conseguenze?
I danni hanno toccato il sito archeologico, i templi di Bel e di Baalshamin, l’Arco di trionfo e le colonne nella Valle delle tombe. A Palmira siamo almeno riusciti a mettere la nostra tecnologia a servizio della storia contemporanea, documentandone la distruzione e permettendo al contempo di immaginarne la ricostruzione.

Parliamo della mostra di Lugano…
Sarà suddivisa in tre momenti: fotografico, documentaristico, con un cortometraggio di Roberto Antonini, ed esperienziale, con una camera immersiva legata alla realtà virtuale. 

Chiusura sul Middle East Mediterranean Summer Summit. Di che si tratta? 
È un evento, giunto alla seconda edizione, che dal 15 al 25 agosto 2019 porterà a Lugano un centinaio di giovani provenienti da 25 diversi Paesi della regione del Medio Oriente Mediterraneo e dell’Europa, nonché alte autorità politiche, dirigenti, imprenditori e intellettuali, per discutere e proporre soluzioni per il dialogo e lo sviluppo nella regione.

L’entrata è libera, previa iscrizione www.mem-summersummit.ch/it 

Iconem
Guarda tutte le 17 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 09:16:19 | 91.208.130.87