tipress
LUGANO
28.06.2019 - 07:360
Aggiornamento : 09:36

Maleducati al Ciani: due sberle «giustificate»

La Procura ha ritirato il procedimento penale nei confronti di una donna che aveva redarguito alcuni minorenni. «Intento educativo»

LUGANO - Erano schiaffi (quasi) giustificati, quelli che una 47enne del Mendrisiotto ha allungato sul volto di un minorenne lo scorso primo maggio al Parco Ciani. La donna - come riferito a suo tempo da tio.ch/20minuti - era stata denunciata dai genitori del ragazzo. Ma la Procura ha ritirato il procedimento penale nei suoi confronti.

Il motivo: le sberle hanno cagionato «unicamente un rossore al volto» al minorenne e «sono state una reazione immediata a un insulto» si legge nel decreto d'abbandono emesso a metà giugno dal Pp Nicola Respini. La donna, ricordiamo, aveva redarguito un gruppo di giovani “pizzicati” a gettare dei rifiuti nel lago, i quali l'avevano circondata e riempita di insulti.

La Procura ha riconosciuto «l'intenzione educativa» della donna. Ma per Myriam Caranzano della Fondazione Aspi «una sberla non è mai educativa». Secondo l'esperta «purtroppo le nostre leggi non permettono ancora di considerare tale gesto come violenza da condannare in ogni caso».   

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-29 20:23:47 | 91.208.130.89