+8
ULTIME NOTIZIE Ticino
PRATO LEVENTINA
18 min
Breve pausa per la teleferica del Tremorgio
L'impianto rimarrà fermo per manutenzione domani mattina. Le corse riprenderanno regolarmente nel pomeriggio.
FOTO E VIDEO
SOLDUNO
45 min
Lo schianto all'incrocio, grave un centauro
L'impatto con un'auto si è verificato in via Vallemaggia.
CANTONE
51 min
Mercato del lavoro: «È ora che il Ticino abbia uno statuto speciale»
Gli ecologisti sollecitano il Gran Consiglio a evadere l'iniziativa cantonale.
CANTONE
1 ora
«Firma all'accordo sui frontalieri forse entro fine anno»
Norman Gobbi e Mario Cavigelli a colloquio con Ignazio Cassis: lingua italiana, federalismo e relazioni transfrontaliere
ARBEDO-CASTIONE
1 ora
Riapertura con il botto alla Coop di Castione
Dopo i lavori di rifacimento, il negozio apre ufficialmente le sue porte con un grande concorso.
CANTONE
3 ore
Sostegno a più di 130 imprese culturali
È scaduto il 20 settembre il termine delle richieste d'aiuto per uno dei settori più pesantemente toccato dalla pandemia
CANTONE
4 ore
50 nuovi ingegneri SUPSI
Assegnato a Ivan Gasparini il premio Argor-Heraeus per il miglior lavoro di tesi sul tema della sostenibilità ambientale
BELLINZONA
4 ore
Olio ovunque: "colpa" del camioncino del Comune
Doveva pulire la strada. Ma è finito a fare il contrario. Vie della capitale imbrattate.
CANTONE
5 ore
Tre nuove infezioni e un nuovo dimesso nel weekend
Dall'inizio dell'emergenza, i casi positivi registrati nel nostro cantone salgono a 3'637. I decessi restano 350
CANTONE
5 ore
«Dopo il Covid, spirito di sacrificio e professionalità non bastano più »
Le richieste degli operatori sociosanitari attraverso il Sindacato VPOD, dal 26 al 31 ottobre ci sarà una mobilitazione
ASCONA
21.06.2019 - 14:320

Jazz Ascona è partita col botto, «perché la musica è vita»

Soddisfatti gli albergatori. Ma soprattutto il direttore artistico Nicolas Gilliet: «La musica è un un’arte che permette di abbattere barriere e allacciare nuovi legami laddove prima non c'erano»

ASCONA - «Tutti i segnali raccolti e percepiti, però, mi fanno presagire un buon esito: anche quest'anno si percepisce un forte entusiasmo nell'aria e intorno alla manifestazione». Sono le prime sensazioni raccolte da Nicolas Gilliet, direttore artistico di Jazz Ascona, all’indomani della prima serata di grande festa.  A partire da ieri e nei prossimi dieci giorni Ascona sarà di mille colori, una trasformazione fatta di musiche, suoni, volti provenienti da ogni angolo della Terra, di lingue.

Nicolas Gilliet, il Jazz Ascona 2019 è cominciato all'insegna del motto "LET'S JAZZ." Quale sono le prime sensazioni di questa trentacinquesima edizione di festival?

«Ieri ero in giro per il lungo lago a controllare gli ultimi dettagli e in tanti mi hanno chiesto quale fossero le mie impressioni, le mie sensazioni a pelle su questa edizione. A chiedermelo sono stati soprattutto albergatori e ristoratori che mi hanno confidato in tutta franchezza di essere contenti di come le cose avessero preso il via con così tanta gente. Il primo giorno – ti parlo in veste di organizzatore – ti posso dire che è andato benissimo anche se certamente ci sono margini di miglioramento e tanti piccoli dettagli che si possono perfezionare strada facendo, aspetti che non dipendono dal numero di persone. Ripeto, siamo partiti molto bene».

Mi sembra il tuo, ancora prima che una riflessione puntuale da manager, il tipico approccio dei jazzisti che, una volta iniziata una jam, poi si prendono le misure per trovarsi al meglio con i compagni sul palco.

«Assolutamente vero! La musica è vita, non è affatto un prodotto finito che presentiamo sul palco. La musica ha bisogno del calore del pubblico; ha bisogno di adattarsi fisicamente ed emotivamente a delle reazioni; ha bisogno di leggere ed interpretare tutto ciò che la circonda. Io posso certamente organizzare l'evento al meglio per presentare la migliore musica del mondo ma tutto ciò potrebbe non avere nessun effetto sul pubblico. Proprio per la sua stessa natura, la musica ha bisogno di essere, diciamo, "organizzata" in maniera più flessibile mantenendo sempre un occhio fisso alle necessità della piazza, del pubblico e degli artisti . Non c'è solo il mero business. Ritengo che in questo campo Ascona sia molto particolare perché i musicisti reagiscono a quello che li circonda: alla bellezza di Ascona; al benvenuto che ricevono; al calore del pubblico che assiste a una jam session; ma anche allo spirito sincero che anima tutti gli organizzatori. Insomma, mi sento sereno nel dire che c'è davvero molta umanità nel modo di porsi delle persone e nel loro continuo relazionarsi.

Questa umanità a cui fai riferimento forse in parte è dovuta al fatto che Ascona rimane pure sempre un porto con gente che arriva, gente che parte e con uno scambio continuo di idee.

«Sicuro! È assolutamente questo a cui continuiamo a guardare per sviluppare dei sentimenti sinceri con tutti quelli che vengono ad Ascona. Senza nessuna distinzione! Il Festival, la musica e in ultima istanza la stessa cittadina di Ascona vogliono rappresentare un momento di aggregazione. E in questo siamo molto facilitati dalla musica, un’arte che permette di abbattere le barriere e di allacciare nuovi legami laddove prima queste stesse liaisons non esistevano. Let's Jazz!»

 Il programma di stasera

 

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 15:19:55 | 91.208.130.86