Ti Press (archivio)
Il sindacalista OCST Paolo Locatelli
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
3 ore
La foca in arancione per una buona causa
CANTONE
6 ore
De Rosa: «Inaccettabile un aumento delle casse malati»
CANTONE
6 ore
Sistemare via Chiesa in vista della cittadella della gioventù
BRIONE VERZASCA
7 ore
Suonano le sirene, ma è un falso allarme
LUGANO / ITALIA
7 ore
Una ditta luganese vuole assumere 400 persone a Napoli
MENDRISIO / CANTONE
9 ore
Tutti questi alberi verranno abbattuti?
AIROLO
9 ore
Cent'anni e non sentirli per Aldo Piccinonno
LOCARNO
9 ore
Cartelli illegali: «Il Municipio ha fatto una doppia figuraccia»
MENDRISIO
9 ore
Tre condanne e un arresto per i migranti passatori
CANTONE
10 ore
Abusi al Dss: la nomina fa discutere
LUGANO
11 ore
Campioni del mondo alla Lugano Bike Emotions
CANTONE
12 ore
Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione
CANTONE
13 ore
«Valera verde e senza chimica»
CONFINE / SVIZZERA
14 ore
Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet
CANTONE
15 ore
Aeroporto di Agno, continua l’emorragia di passeggeri
CANTONE
20.03.2019 - 10:510
Aggiornamento : 12:18

Vendita, via libera della SECO al contratto collettivo

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) ha dato il suo ok alla pubblicazione sul Foglio ufficiale del decreto di obbligatorietà generale. L'OCST: «Un deciso passo avanti»

LUGANO - La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) ha dato via libera alla pubblicazione sul Foglio ufficiale del decreto di obbligatorietà generale per il Contratto collettivo di lavoro (CCL) nel ramo della vendita. Semaforo verde quindi all’introduzione di un CCL per un settore eterogeneo, sotto pressione e segnato da condizioni di lavoro precarie e da bassi salari, talvolta ben al di sotto di 3’000 franchi al mese e senza diritto alla 13esima. Semaforo verde di conseguenza anche all’entrata in vigore della nuova Legge sull’apertura dei negozi (LAN).

Con questa sua comunicazione la SECO ha di fatto validato il lavoro effettuato dalla comunità contrattuale (FederCommercio, Disti, OCST-SIC-SIT) nella ricerca dei quorum necessari per rendere obbligatorio in tutto il Cantone un CCL settoriale «di primaria necessità». Una importante base di partenza per colmare un vuoto contrattuale sui salari, sul diritto alla tredicesima e sulla frammentazione dei tempi di lavoro che tanto segnano le condizioni di vita e di lavoro di quasi 9’000 venditrici e venditori del nostro cantone.

Più flessibilità - Il PLRT, tramite una nota stampa, ha commentato la decisione parlando «di una spinta positiva nella giusta direzione». «Ora la strada è spianata verso l’applicabilità generale di questo contratto collettivo in un settore che necessita di flessibilità per arginare gli effetti di un’accresciuta concorrenza. Un discorso che vale anche e soprattutto per le regioni turistiche del cantone».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 03:46:56 | 91.208.130.87