Immobili
Veicoli
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / URI
1 ora
L'Ascensione mette alla prova la pazienza dei conducenti
Malgrado la recente apertura del passo le code raggiungono già i sei chilometri con attese di circa un'ora.
LUGANO
3 ore
Lugano Bike Emotions premia Nino Schurter
Il campione del mondo sarà presente sabato 28 maggio in compagnia di altri protagonisti del mountain bike svizzero.
CANTONE
3 ore
Un nuovo Comitato per l’ATTE cantonale
Otto i nuovi volti. Riconfermato quale Presidente l'uscente Giampaolo Cereghetti.
CUGNASCO GERRA
3 ore
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
CANTONE
4 ore
Alex Farinelli nel Comitato centrale dell'ACS
Il sindaco di Comano (e consigliere nazionale) prende il posto di Simone Gianini, che lascia la carica dopo 4 anni.
LUGANO
5 ore
“Famiglia in bicicletta”: la scultura che promuove le piste ciclabili
L'artista Gabriela Spector rende omaggio agli sforzi del comune di Lugano per sviluppare la mobilità dolce.
CANTONE
5 ore
In Ticino 50 nuovi casi e sei pazienti Covid in meno
I ricoverati scendono così a 37 in tutto. Nessuno è in cure intense.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
6 ore
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
BELLINZONA
6 ore
Torna "Belli di Sera"
Stasera i negozi di Bellinzona terranno aperto fino alle 21.
CANTONE
9 ore
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
16 ore
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
CANTONE
17 ore
Imposta di circolazione: i deputati accelerano
Firmato oggi in Commissione Gestione il rapporto di minoranza. Il Parlamento voterà a giugno
LUGANO / UCRAINA
20 ore
A Lugano «per ricostruire l'Ucraina»
All’evento sul Ceresio parteciperanno una quarantina di Stati e diciotto organizzazioni internazionali.
FOTO
BELLINZONA
20 ore
Inaugurato il nuovo impianto di filtrazione
Attivo già da otto mesi, il nuovo sistema dell'AMB ha reso più trasparenti le acque del fiume Ticino.
CANTONE/SVIZZERA
28.12.2018 - 06:040
Aggiornamento : 02.01.2019 - 09:36

Il pagamento contactless mette a rischio le mance

La tecnologia permette di saldare il conto in un istante. Ma chi lavora nel settore starebbe assistendo a un calo delle mance

Mancia al ristorante

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - Con l’avvento del contactless, ormai per un pagamento con la carta di credito o lo smartphone basta un bip. E quando si tratta di poche decine di franchi, non è nemmeno necessario inserire il codice PIN. Per i consumatori si tratta di una comodità. Ma per chi lavora nella ristorazione, la diffusione della tecnologia starebbe portando a una sensibile riduzione delle mance. «Si sono praticamente dimezzate» ci racconta un impiegato che lavora nel settore da tredici anni.

I piccoli importi - C’è chi lascia un paio di monete sul tavolo. Oppure chi rinuncia al resto o chiede di arrotondare l’importo. Pratiche, queste, che molti clienti starebbero abbandonando, proprio per la comodità di poter pagare in un’istante. «Effettivamente con il pagamento elettronico si rischia una diminuzione delle mance, soprattutto sui piccoli importi» afferma Massimo Suter, presidente di GastroTicino. Si tenderebbe, infatti, a saldare l’importo esatto, «senza chiedere di correggerlo».

Questione di abitudine - «Secondo me non è cambiato nulla» ci dice invece Guido Sassi, titolare di tre esercizi pubblici in centro a Lugano, che comunque sottolinea: «Il servizio è compreso nel prezzo, chi vuole dare la mancia lo fa inserendo il relativo importo nel terminale oppure con qualche moneta». Anche dal ristorante Argentino di Lugano ci dicono che «è sempre stata una questione molto personale». Specialmente gli avventori stranieri avrebbero l’abitudine di lasciare una mancia anche quando pagano con la carta di credito. E quelli provenienti da oltre San Gottardo, «di solito danno qualcosa in contanti».

Un gesto spontaneo - Il cliente avrebbe comunque la possibilità di inserire la mancia direttamente nel terminale per il pagamento elettronico. Ma spesso e volentieri il personale salta il passaggio in questione. «Penso che venga fatto per educazione - spiega Suter - la mancia deve essere spontanea, altrimenti sembra quasi un obbligo».

In contanti «è più chic» - Per il caporedattore di GaultMillau Svizzera, Urs Heller, è sempre opportuno lasciare una mancia, che si paghi in contanti o con la carta. «Il mio consiglio: è più chic dare la mancia in contanti, anche quando si usa la carta di credito». E non solo: il suo invito è anche di ringraziare il personale di servizio. «Si rendono così più piacevoli le loro ore di lavoro al ristorante».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 3 anni fa su tio
la mancia la lascio (ancora...), con piacere, quando mi è stato offerto un buon servizio......per il resto è già compresa nel prezzo da una trentina di anni
Nicklugano 3 anni fa su tio
Eccezionali le prime due domande del "Quanto lasci di mancia", degne dei migliori ricercatori della SUPSI. Suppongo che dipenda dall'importo: vedo male chi arrotonda un conto di 178.40 al franco successivo e vedo altrettanto male chi arrotonda il caffè da 2.20 a 10. . Fenomeni !!
pontsort 3 anni fa su tio
ah l'italiano, questo sconosciuto
curzio 3 anni fa su tio
La mancia la mollo solo se il servizio che mi è stato offerto è superiore alle mie aspettative. Quindi quasi mai! Il servizio è, nel migliore dei casi, mediocre. In Ticino poi, camerieri imbronciati, personale che sembra sia scocciato se ordini qualcosa...
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
@curzio Non capisco come mai... tu sei una persona solare che sprizza gioia e felicità da tutti i pori... trovo incomprensibbile che ti servano imbronciati in quanto il tuo buonumore è sicuramente contagioso... hi hi hi
Nicklugano 3 anni fa su tio
Lascio volentieri la mancia, sempre che vi sia del personale che la merita… e questo è veramente una rarità in Ticino. Ci vuole poco: un saluto, un sorriso ed un po' di disponibilità, possibilmente evitando il "ciao cosa ti porto ?" se non abbiamo mai mangiato la minestra insieme. Forse il signor Sassi dovrebbe parlare in questo senso col suo personale del Caffè.
Equalizer 3 anni fa su tio
I vari Suter e Sassi dovrebbero smetterla di fare gli ipocriti, loro sanno benissimo che il 10% del valore dello scontrino corrisponde alla mancia e andrebbe versato OLTRE allo stipendio ai propri dipendenti, ma ormai da più di 30 anni fanno finta di niente e nel frattempo hanno incassato indebitamente centinaia di migliaia di franchi che non gli corrispondono.
Nicklugano 3 anni fa su tio
@Equalizer 10% dell'incasso da versare ai dipendenti, ma di cosa ti sei fatto stamattina ? Guarda che stiamo parlando di Svizzera e di CCNL.
Equalizer 3 anni fa su tio
@Nicklugano Non mi sono fatto niente, vai a scartabellare un pò di archivi e scoprirai che in Ticino negli anni '80 si votò per introdurre il "Servizio Compreso" nel totale dello scontrino, ed il servizio compreso era stato calcolato come 10% e tale cifra andava ridistribuita ai camerieri/baristi, ma già all'epoca si ebbe il sentore le la cosa sarebbe andata a finire male e così fu, gli esercenti intascarono la maggiorazione con tanti saluti ai camerieri.
Nicklugano 3 anni fa su tio
@Equalizer Può essere, ma sono passati 40 anni. Da quando mi occupo anche di ristorazione, nessun contratto collettivo ha mai avuto un accenno a questa pratica, che negli States è comune, ma viene evidenziata sullo scontrino di cassa.
jena 3 anni fa su tio
e...??? in fin dei conti é buona usanza... ma essendo reddito non dichiarato é discriminatorio nei confronti degli altri tassati per ogni pit...
Ecthelion 3 anni fa su tio
Come dice giustamente Sassi il servizio è incluso nel prezzo. Se proprio è stato eccezionale si può lasciare qualche franchetto.
skorpio 3 anni fa su tio
Ma che ragionamenti sono....uno può benissimo lasciare la mancia anche sa paga con la carta....e non vedo cosa cambia con il contactless. Io la mancia ( se meritata!!) la lascio sempre in contanti perchè sono sicuro che la intasca il cameriere. Se la lascio inglobandola nel conto ho paura che la prende il padrone....o sbaglio...?
centauro 3 anni fa su tio
@skorpio Giusto!.......anche se a mio parere coi prezzi che fanno la stra-mancia è già compresa nel conto!!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 15:59:28 | 91.208.130.85