CONFINE
03.09.2017 - 12:110
Aggiornamento : 14:55

Frana di Bondo, «indennità straordinaria per i frontalieri»

È la richiesta dei sindacati italiani: «La situazione va affrontata subito»

VILLA DI CHIAVENNA - Continuano in alta Val Chiavenna (I) i disagi per la viabilità verso la Val Bregaglia svizzera. Le interruzioni stradali, provocata dalle frane staccatesi nei giorni scorsi dal Pizzo Cengalo (GR/I), riguardano in particolare la statale 37, poi H3 in territorio elvetico, che conduce al passo del Maloja (GR), utilizzata tutti i giorni da diverse migliaia di frontalieri di Valtellina (I), Val Chiavenna e alto lago di Como (I). I sindacati italiani reclamano indennità straordinarie alla Svizzera.

In allarme anche i sindacati della provincia di Sondrio (I) che temono riflessi negativi sull'occupazione. I frontalieri sono costretti a servirsi del passo dello Spluga (GR/I) per raggiungere St. Moritz (GR) e le località engadinesi vicine.

«Ai lavoratori frontalieri dovrebbe essere riconosciuta l'indennità da intemperie - spiega Mirko Dolzadelli, della Confederazione italiana sindacati lavoratori (Cisl) Lombardia - la situazione va affrontata subito. Le autorità elvetiche devono concedere, come avviene in Italia, una cassa di indennità straordinaria a causa di calamità naturali».

1 anno fa Bondo: il tempo agevola i lavori
1 anno fa Bondo, diminuisce il livello del fiume, ma nuove frane non possono essere escluse
1 anno fa «La Leuthard si sbaglia, il mutamento climatico riduce il rischio di frane»
1 anno fa Val Bregaglia, situazione drammatica per la popolazione
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-24 22:45:56 | 91.208.130.86